The Billionaire Mindset – Cosa puoi imparare dalle serie TV Miliardi e successioni



<div _ngcontent-c15 = "" innerhtml = "

Successione, serie HBO creata da Jesse Armstrong, con Hiam Abbass, Nicholas Braun, Brian Cox, Kieran Culkin, Peter Friedman, Natalie Gold, Matthew Macfadyen, Alan Ruck, Sarah Snook, Jeremy Strong e Rob Yang,

HBO

Come allenatore che ha lavorato con singoli miliardari di Forbes e in due occasioni con famiglie miliardarie di Forbes, sono stato preso da due eccellenti serie TV. "Billions" è interpretato da Paul Giamatti, che interpreta Chuck Rhoades, procuratore distrettuale di New York, e Damian Lewis, un miliardario di hedge fund, Bobby Axelrod. & Nbsp; 'Succession', di Showtime, creato da Jesse Armstrong, ruota attorno ai Roys, una dinastia mediatica, il cui patriarca è interpretato da Brian Cox. Nella mia esperienza entrambi sono lancinanti, forensi, fedeli alla vita. & nbsp; Ma come ci aiutano a capire come i miliardari vivono il mondo?

Da dentro

Entrambi Bobby Axelrod (Damian Lewis) & nbsp; e Logan Roy (Brian Cox) incarna lo spietato, a volte maniacale impulso a battere la loro concorrenza, che ho già visto in miliardari che si sono fatti da soli. E mentre tutti immaginiamo che le vite dei miliardari debbano sicuramente essere più brillanti e più felici della nostra, in realtà i miliardari sono esseri umani ordinari, complessi, imperfetti le cui vite e desideri non ho trovato essere saziati dal numero di case, yacht o elicotteri che proprio. & nbsp; Nella mia esperienza, i soldi seri rendono la vita delle persone solo più complicata, più pesante e meno gioiosa.

Entrambe le serie fanno un ottimo lavoro nel mostrare come & nbsp; l'enorme ricchezza può distinguere le persone dal resto dell'umanità e & nbsp; vivere in & nbsp; composti solitari & nbsp; in cima al mondo, come "Axelrod" e "Roy", non impedisce ai miliardari di precipitare nel profondo della disperazione umana.

Fiducia

La serie TV sui Gettys, interpretata da Donald Sutherland, è stata apprendiatamente intitolata Trust, poiché i miliardari sono colpiti da una profonda mancanza di questo, equivalente a quella vissuta da persone che sono state sistematicamente maltrattate.

Immagina un mondo in cui tutti quelli che incontri vogliono qualcosa da te. Che si tratti del preside del liceo dei loro figli o del nuovo amico che hanno appena incontrato a una festa, i miliardari sospettano sempre (di solito con la giusta causa) che non è il loro umorismo, l'intelletto o la personalità ad essere più apprezzati. Prima o poi, sembra & nbsp; a molti miliardari, tutti, anche i loro parenti più stretti, chiedono loro soldi.

La fiducia, perché è così scarsa, diventa la cosa che desiderano più di ogni altra cosa, e come puoi vedere così chiaramente in successioni e miliardi, finiscono per testarla al punto in cui sono loro stessi responsabili di rompere la fiducia o prevenire qualsiasi possibilità di costruire fiducia.

La fiducia tra due persone è, ovviamente, un contratto a due vie, e quando Bobby Axelrod, come la persona più potente nella sua azienda, o Logan Roy come capo della sua famiglia, mettono alla prova la fiducia dei loro familiari per andare oltre punto, come fa Bobby con Taylor Mason e Logan con quasi tutti, è perché Bobby e Logan sono inconsciamente & nbsp; cercando di controllare e rompere la fiducia prima che possano essere feriti da qualcun altro che la rompe per primo.

Questo è il motivo per cui i miliardari spesso si sentono più sicuri con gli amici pagati (consulenti d'arte, personal trainer, ecc.) In cui sanno che la relazione è transazionale, fin dall'inizio. Fortunatamente, quando lavoro come coach per clienti miliardari, vengo pagato per essere diretto e sincero. E non sono loro amico. Quindi la relazione di coaching funziona perché è intesa sia come transazionale che onesta.

Orario dello spettacolo

Due distinte dinamiche familiari miliardarie

Come con così tanto nella vita, tutto si riduce alla genitorialità. & nbsp; & nbsp; Ho lavorato con una famiglia miliardaria in cui i valori dei genitori includevano il perseguimento delle proprie passioni (per la scienza e le arti) e la filantropia. & nbsp; Sono stati grati per quello che avevano e hanno trasmesso questi valori ai loro figli, che sin dalla giovane età sono stati incoraggiati a impegnarsi in attività che li hanno portati gioia. Ai bambini è stato persino insegnato a distribuire una percentuale della loro paghetta a una causa benefica di loro scelta. & nbsp; In questa dinamica familiare, il denaro è visto come qualcosa che rende la vita più facile e più comoda, ma anche come qualcosa che non è un "giusto" e non l'unica (o anche la più importante) misura del successo

Ho anche visto una famiglia miliardaria in cui i valori dei genitori riguardavano il denaro e i risultati in termini puramente finanziari e il patriarca aveva già fissato un punto di riferimento incredibilmente alto. In questa dinamica dinastica, come con la famiglia di Logan Roy in Successione, l'amore non riguarda l'accettazione. È un'aspettativa molto specifica all'altezza. Puoi fare (anche la metà) come me? & nbsp; L'amore è transazionale. Quindi, nessuno si sente al sicuro. Qui, tutto ciò che i bambini fanno è visto dal genitore come un test, in definitiva per quanto siano adatti alla successione dinastica

Ricchezza ereditata

Spesso, quelli che sono nati in una grande ricchezza sono abbastanza pragmatici, vivendo in un modo che altri miliardari considererebbero "modesto". & Nbsp; Sebbene Nan Pierce e la sua famiglia, che possiedono il conglomerato dei media liberali che Logan Roy vorrebbe acquistare, esemino questo stile di vita miliardario "più europeo". Nan, interpretata da Cherry Jones, porta un arrosto di carne dalla cucina e invita persino la sua cameriera a unirsi agli ospiti per un drink. Questo tipo di persona tende a vedere il denaro come un'eredità da conservare e trasmettere. & Nbsp; Mantengono "solo" due o tre case con un piccolo staff. & Nbsp; & nbsp; Questi "normali miliardari" sono spesso relativamente felici, soprattutto perché derivano gioia da chi sono e da come trascorrono il loro tempo piuttosto che aspettarsi che i beni li rendano felici.

Confrontandosi con gli altri meno abbienti, questi "normali miliardari" si considerano molto fortunati in termini materiali e esplorano e apprezzano le qualità, come il talento e l'intelligenza, in se stessi e negli altri. Fondamentalmente, non si confrontano con altri miliardari.

Dall'esterno

Ciò che distingue queste serie è il modo in cui & nbsp; case e & nbsp; possedimenti & nbsp; non dominano mai. & Nbsp; Non ci sono colpi estranei di elicotteri o yacht perché i creatori di questi spettacoli comprendono chiaramente che, mentre lo spettatore può essere affascinato da tutto il bling, per i miliardari stessi, barche, aerei e supercar, tutti i quali i miliardari tendono a noleggiare piuttosto che comprare, sono semplicemente dei simboli.

Allo stesso modo, non ci sono & nbsp; no & nbsp; vasche vaste di sontuosi interni, perché per i miliardari una casa raramente è la loro casa. La maggior parte dei miliardari possiede almeno sei proprietà (tutte con personale permanente) e raramente trascorrono più di una settimana o due alla volta in ognuna di esse.

Per me, è come tutti i beni si dimostrano casuali, piuttosto che centrali nelle vite dei personaggi, che danno a entrambe le serie la loro sensazione di autenticità.

Naturalmente, i miliardari che hanno fatto fortuna durante la loro vita spesso credono che la loro vasta ricchezza & nbsp;dovrebbero& nbsp; rendili immensamente felici. & Nbsp; Misurano spesso il loro successo solo in termini finanziari, competono e si confrontano solo con altri miliardari. & Nbsp; Di conseguenza, spendono soldi, come fa Bobby, per "colmare un vuoto" che, come "vincere", purtroppo non fa mai. & Nbsp; Qualcuno ha sempre uno yacht più grande o una squadra sportiva migliore e avere più roba semplicemente non porta gioia duratura.

Dai un'occhiata al mio canale YouTube

& Nbsp;

">

Successione, serie HBO creata da Jesse Armstrong, con Hiam Abbass, Nicholas Braun, Brian Cox, Kieran Culkin, Peter Friedman, Natalie Gold, Matthew Macfadyen, Alan Ruck, Sarah Snook, Jeremy Strong e Rob Yang,

HBO

Come allenatore che ha lavorato con singoli miliardari di Forbes e in due occasioni con famiglie miliardarie di Forbes, sono stato preso da due eccellenti serie TV. "Billions" è interpretato da Paul Giamatti, che interpreta Chuck Rhoades, procuratore distrettuale di New York, e Damian Lewis, un miliardario di hedge fund, Bobby Axelrod. 'Succession', di Showtime, creato da Jesse Armstrong, ruota attorno ai Roys, una dinastia mediatica, il cui patriarca è interpretato da Brian Cox. Nella mia esperienza entrambi sono lancinanti, forensi, fedeli alla vita. Ma come ci aiutano a capire come i miliardari vivono il mondo?

Da dentro

Sia Bobby Axelrod (Damian Lewis) che Logan Roy (Brian Cox) incarnano lo spietato, a volte maniacale impulso a battere la concorrenza, che ho già visto in miliardari che si sono fatti da soli. E mentre tutti immaginiamo che le vite dei miliardari debbano sicuramente essere più brillanti e più felici della nostra, in realtà i miliardari sono esseri umani ordinari, complessi, imperfetti le cui vite e desideri non ho trovato essere saziati dal numero di case, yacht o elicotteri che proprio. Nella mia esperienza, i soldi seri rendono la vita delle persone solo più complicata, più pesante e meno gioiosa.

Entrambe le serie fanno un ottimo lavoro nel mostrare quanto un'enorme ricchezza possa distinguere le persone dal resto dell'umanità, e come vivere in zone solitarie in cima al mondo, come "Axelrod" e "Roy", non impedisce ai miliardari di precipitare nel profondo della disperazione umana.

Fiducia

La serie TV sui Gettys, interpretata da Donald Sutherland, è stata apprendiatamente intitolata Trust, poiché i miliardari sono colpiti da una profonda mancanza di questo, equivalente a quella vissuta da persone che sono state sistematicamente maltrattate.

Immagina un mondo in cui tutti quelli che incontri vogliono qualcosa da te. Che si tratti del preside del liceo dei loro figli o del nuovo amico che hanno appena incontrato a una festa, i miliardari sospettano sempre (di solito per giusta causa) che non è il loro umorismo, l'intelletto o la personalità ad essere più apprezzati. Prima o poi, sembra a molti miliardari, tutti, anche i loro parenti più stretti, chiedono loro soldi.

La fiducia, perché è così scarsa, diventa la cosa che desiderano più di ogni altra cosa, e come puoi vedere così chiaramente in successioni e miliardi, finiscono per testarla al punto in cui sono loro stessi responsabili di rompere la fiducia o prevenire qualsiasi possibilità di costruire fiducia.

La fiducia tra due persone è, naturalmente, un contratto a due vie, e quando Bobby Axelrod, come la persona più potente nella sua azienda, o Logan Roy come capo della sua famiglia, mettono alla prova la fiducia dei loro familiari oltre il punto di rottura, come Bobby lo fa con Taylor Mason e Logan lo fa praticamente con tutti, è perché Bobby e Logan stanno inconsciamente cercando di controllare e rompere la fiducia prima che possano essere feriti da qualcun altro che lo rompe per primo.

Questo è il motivo per cui i miliardari spesso si sentono più sicuri con gli amici pagati (consulenti d'arte, personal trainer, ecc.) Dove sanno che la relazione è transazionale, fin dall'inizio. Fortunatamente, quando lavoro come coach per clienti miliardari, mi viene pagato per essere diretto e sincero. E non sono loro amico. Quindi la relazione di coaching funziona perché è intesa sia come transazionale che onesta.

Orario dello spettacolo

Due distinte dinamiche familiari miliardarie

Come con così tanto nella vita, tutto si riduce alla genitorialità. Ho lavorato con una famiglia miliardaria in cui i valori dei genitori includevano il perseguimento delle proprie passioni (per la scienza e l'arte) e la filantropia. Sono stati grati per quello che avevano e hanno trasmesso questi valori ai loro figli, che sin dalla giovane età sono stati incoraggiati a impegnarsi in attività che li hanno portati gioia. Ai bambini è stato persino insegnato a distribuire una percentuale della loro paghetta a una causa benefica di loro scelta. In questa dinamica familiare, il denaro è visto come qualcosa che rende la vita più facile e più comoda, ma anche come qualcosa che non è un "giusto" e non l'unica (o anche la più importante) misura del successo

Ho anche visto una famiglia miliardaria in cui i valori dei genitori riguardavano il denaro e i risultati in termini puramente finanziari e il patriarca aveva già fissato un punto di riferimento incredibilmente alto. In questa dinamica dinastica, come con la famiglia di Logan Roy in Successione, l'amore non riguarda l'accettazione. È un'aspettativa molto specifica all'altezza. Puoi fare (anche la metà) come me? L'amore è transazionale. Quindi, nessuno si sente al sicuro. Qui, tutto ciò che i bambini fanno è visto dal genitore come un test, in definitiva per quanto siano adatti alla successione dinastica

Ricchezza ereditata

Spesso, quelli che sono nati in una grande ricchezza sono abbastanza pragmatici, vivendo in un modo che altri miliardari considererebbero "modesto". Sebbene Nan Pierce e la sua famiglia, che possiedono il conglomerato dei media liberali che Logan Roy vorrebbe acquistare, exemolify questo stile di vita miliardario "più europeo". Nan, interpretata da Cherry Jones, porta un arrosto di carne dalla cucina e invita persino la sua cameriera a unirsi agli ospiti per un drink. Questo tipo di persona tende a vedere il denaro come un'eredità da conservare e tramandare. Mantengono "solo" due o tre case con un piccolo staff. Questi "normali miliardari" lo sono spesso relativamente felici, soprattutto perché derivano gioia da chi sono e da come trascorrono il loro tempo piuttosto che aspettarsi che i beni li rendano felici.

Confrontandosi con gli altri meno abbienti, questi "normali miliardari" si considerano molto fortunati in termini materiali e esplorano e apprezzano le qualità, come il talento e l'intelligenza, in se stessi e negli altri. Fondamentalmente, non si confrontano con altri miliardari.

Dall'esterno

Ciò che distingue queste serie è il modo in cui case e proprietà non dominano mai. Non ci sono colpi estranei di elicotteri o yacht perché i creatori di questi spettacoli comprendono chiaramente che, mentre lo spettatore può essere affascinato da tutto il bling, per i miliardari stessi, barche, aerei e supercar, tutti i quali i miliardari tendono a noleggiare piuttosto che comprare, sono semplicemente dei simboli.

Allo stesso modo, non ci sono vaste pentole di interni sontuosi, perché per i miliardari raramente una casa è la loro casa. La maggior parte dei miliardari possiede almeno sei proprietà (tutte con personale permanente) e raramente trascorrono più di una settimana o due alla volta in una di esse.

Per me, è come tutti i beni si dimostrano casuali, piuttosto che centrali nelle vite dei personaggi, che danno a entrambe le serie la loro sensazione di autenticità.

Naturalmente, i miliardari che hanno fatto fortuna durante la loro vita credono spesso che la loro vasta ricchezza dovrebbero rendili immensamente felici. Misurano spesso il loro successo solo in termini finanziari, competono e si confrontano solo con altri miliardari. Di conseguenza, spendono soldi, come fa Bobby, per "colmare un vuoto" che, come "vincere", purtroppo non fa mai. Qualcuno ha sempre uno yacht più grande o una squadra sportiva migliore e avere più roba semplicemente non porta gioia duratura.

Dai un'occhiata al mio canale YouTube