SpaceX ritarda il lancio di 60 satelliti Internet Starlink in caso di forti venti



SpaceX dovrà attendere almeno un giorno in più per iniziare a configurare la sua megaconstellation internet-satellite.

UN Falcon 9 razzo era previsto il lancio dei primi 60 satelliti Starlink di SpaceX stasera (15 maggio) dalla stazione aeronautica di Cape Canaveral in Florida, ma Madre Natura non collaborò: forti venti di alta quota costrinsero la compagnia a spingere il tentativo entro 24 ore.

SpaceX fatto chiamare solo pochi secondi prima di iniziare il suo livestream di lancio alle 22.45. EDT (0245 GMT).

Relazionato: SpaceX's Falcon 9: Rocket for the Dragon

La prossima opportunità di decollo arriverà domani (16 maggio) alle 10:30 pm EDT (02:30 GMT del 17 maggio), hanno detto i rappresentanti di SpaceX. Puoi guardarlo dal vivo qui su Space.com quando arriva il momento, per gentile concessione di SpaceX o direttamente tramite la società di volo spaziale.

Il lancio includerà anche un tentativo di atterraggio del primo stadio del Falcon 9 su una delle navi drone SpaceX nell'Oceano Atlantico. Questo particolare primo stadio ha già due voli, e due touchdown di successo, sotto la sua cintura.

Starlink è progettato per fornire accesso a Internet a prezzi accessibili a persone in tutto il mondo. Ma questi primi 60 satelliti non saranno sufficienti per portare a termine quel lavoro: altri sei di questi lanci saranno necessari per fornire una copertura "minore" e 12 sono necessari per una copertura "moderata", hanno detto i rappresentanti di SpaceX.

E la costellazione potrebbe diventare ancora più grande, arrivando alla fine a migliaia, ha dichiarato il fondatore e CEO dell'azienda Elon Musk.

Questo sarà il secondo lancio Starlink che SpaceX ha eseguito. La compagnia ha lanciato due prototipi di veicoli spaziali soprannominati Tintin A e Tintin B nel febbraio 2018.

Il libro di Mike Wall sulla ricerca della vita aliena "Là fuori"(Grand Central Publishing, 2018, illustrato da Karl Tate), è ora disponibile. Seguilo su Twitter @michaeldwall. Seguici su Twitter @Spacedotcom o Facebook.