Softbank investe $ 1B in Avvia Robo Startup Nuro


Per il passato due mesi, un paio di creature dall'aspetto divertente, simili a un tostapane, sono state occupate a fare la spesa dal supermercato Fry's Food alle case della gente a Scottsdale, in Arizona. Ora, i residenti del sobborgo di Phoenix dovrebbero prepararsi a vedere molti di più di questi robot : Nuro, la startup self-driving che costruisce e gestisce gli automi diminutivi, ha annunciato questa mattina di aver ricevuto un investimento di 940 milioni di dollari dal SoftBank Vision Fund.

L'accordo, il più grande investimento in una società auto-guida negli ultimi mesi, continua la costante marcia di SoftBank nel settore dei trasporti: il gigante giapponese ha anche investito in Uber, Mapbox e nella "piattaforma" di parcheggio ParkJockey. L'anno scorso, ha messo $ 2,25 miliardi nel braccio dell'auto-guida di General Motor, Cruise.

Nuro, che si concentra sulle consegne locali, costituisce un'aggiunta logica al roster di SoftBank. La startup della Silicon Valley è stata fondata nel 2016 da Dave Ferguson e Jiajun Zhu, entrambi membri primi e di lunga data dello sforzo di auto self-driving di Google (ora una società autonoma di Alfabeti nota come Waymo). Negli ultimi due anni e mezzo, ha costruito un team di 200 dipendenti a tempo pieno e circa 100 appaltatori e ha prodotto alcune copie del suo robot R-1, che è un po 'più piccolo di una berlina standard. Può trasportare più roba che bot di consegna marciapiede sviluppati da aziende come Marble, e mentre guida per la strada, il suo profilo sottile rende il movimento più semplice e sicuro, dice Ferguson.

La scorsa estate, Nuro ha annunciato un accordo con la mega catena di generi alimentari Kroger (proprietaria di Fry's Food) per consegnare generi alimentari per alcuni clienti di Scottsdale, e in autunno ha iniziato una versione del servizio utilizzando la sua tecnologia su vetture Toyota Prius modificate, quindi potrebbe mantenere gli operatori di sicurezza al volante. A dicembre, la squadra ha messo sul campo due R-1 senza umani, con un veicolo inseguitore pieno di umani che si accodava ciascuno. Avere questi umani in giro consente a Nuro di studiare gli elementi pratici del servizio, come il modo in cui i clienti gestiscono il loro bene da un robot. Il prossimo passo, dice Ferguson, permetterà loro di andare da soli e monitorarli da lontano.

Nuro userà i soldi di SoftBank per costruire una flotta adeguata, espandendo il suo servizio oltre un singolo codice postale Scottsdale e lavorando con nuovi partner. "Ora stiamo davvero cercando di renderlo reale", dice Ferguson. E la compagnia sta cercando di ottenere entrate prima o poi. "Non faremo la ricerca e lo sviluppo per cinque anni". Ha rifiutato di dire dove potrebbe funzionare il prossimo servizio, al di là di una "popolazione considerevole". Nuro inoltre concede in licenza il suo software all'automobilista Ike e Ferguson dice che accordi simili sono una possibilità.

Finora, i casi d'uso per la tecnologia di guida autonoma si sono concentrati principalmente sui servizi di taxi e su autotrasporti a lunga distanza, ma Nuro sembra stare guardando una bella nicchia. La distanza coperta dalla spedizione media negli Stati Uniti è scesa ben al di sotto dei 100 miglia negli ultimi anni. "La consegna dell'ultimo miglio è un'attività in grande crescita", afferma Andrew Tipping, che gestisce il team di trasporto presso la divisione Strategia e consulenza di PwC. I generi alimentari non sono la cosa più facile da consegnare in generale, sono pesanti, economici e richiedono vari gradi di refrigerazione, ma gli americani potrebbero spendere fino a $ 100 miliardi all'anno di acquisti online entro il 2022, secondo uno studio di Neilsen. "È un mercato così grande, sono sicuro che una di queste aziende lo incrinerà", dice Tipping.

Infatti, il grande spedizioniere ha fatto un grande passo nello spazio di guida autonomo proprio la scorsa settimana: Amazon è ora un investitore in Aurora Innovation, la startup guidata da Ferguson e l'ex capo di Liu, Chris Urmson. Perché se lo spostamento di un sacco di cose in modo super-efficiente con gli umani è buono, farlo con i robot è probabilmente meglio. E mentre vuol dire che non hai un umano lì per portare le borse alla porta, o sapere di lasciarle se il cliente non è a casa, potrebbe rendere il servizio di consegna più economico.

Non c'è da stupirsi, quindi, che mentre Ferguson dice che la missione di Nuro è quella di espandere i vantaggi della robotica in generale, per ora si sta concentrando sul business delle consegne. Le persone adorano portare le loro cose a loro, specialmente se ciò significa che non devono passare il sabato pomeriggio con un'auto piena di bambini e un baule pieno di generi alimentari. "C'è un notevole oppositore per dare alle persone le migliori ore del giorno", dice Ferguson. E il suo piccolo robot ora ben finanziato potrebbe essere solo il trucco che fa questo ritorno. Finché le persone sono ancora disposte a uscire dalla loro porta per incontrarla sul marciapiede.


Altre grandi storie WIRED