Sintomi, segni, dieta, test e trattamento del diabete di tipo 1 vs.


Diabete (Tipo 1 e Tipo 2) Panoramica rapida

Impara i segni del diabete, i tipi e come gestire il diabete con una dieta per diabetici e cambiamenti nello stile di vita

Impara i segni del diabete e come può essere gestito con cambiamenti nella dieta e nello stile di vita.

  • Il diabete è una condizione caratterizzata dall'incapacità del corpo di regolare i livelli di glucosio (zucchero) nel sangue.
  • Nel diabete di tipo 1, il corpo non produce abbastanza insulina.
  • Le persone con diabete di tipo 2 possono produrre insulina, ma il corpo non è in grado di utilizzare l'insulina in modo efficace.
  • I sintomi del diabete di tipo 1 e di tipo 2 comprendono
  • La causa del diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario distrugge lentamente le cellule beta che producono insulina nel pancreas. Le combinazioni di fattori genetici e scelte di vita malsane causano il diabete di tipo 2.
  • Il principale test diagnostico per il diabete è la misurazione del livello di glucosio nel sangue.
  • I cambiamenti nello stile di vita e nella dieta possono essere adeguati per controllare il diabete di tipo 2 in alcune persone. Altre persone con diabete di tipo 2 richiedono farmaci. L'insulina è un trattamento essenziale per il diabete di tipo 1.
  • Ad oggi, solo il farmaco teplizumab si è dimostrato efficace nel rallentare la progressione verso il diabete di tipo 1 in alcuni casi precoci rilevati prima dell'inizio clinico. Nessun approccio si è ancora dimostrato efficace per prevenire il diabete di tipo 1. La prevenzione del diabete di tipo 2 può essere realizzata in alcuni casi mediante:
    • mantenere un peso sano,
    • esercizio fisico regolare, da moderato a vigoroso,
    • sostenere uno stile di vita sano, come l'astinenza da nicotina.
  • Il prediabete è una condizione che può verificarsi prima dello sviluppo del diabete di tipo 2.
  • Qualsiasi tipo di diabete mellito nel tempo può danneggiare i vasi sanguigni e i nervi. I danni ai vasi sanguigni possono portare a malattie cardiache, malattie renali e problemi di vista tra cui la cecità. Il danno ai nervi può causare neuropatia diabetica.

Che cos'è il diabete?

Il diabete mellito (DM) è un insieme di malattie correlate in cui l'organismo non è in grado di regolare la quantità di zucchero (in particolare il glucosio) nel sangue.

Il sangue fornisce glucosio per fornire all'organismo energia per tutte le attività quotidiane.

  • Il fegato converte il cibo che una persona mangia in glucosio (zucchero semplice) e immagazzina questo glucosio come amido (chiamato glicogeno). Il fegato rilascia glucosio immagazzinato nel flusso sanguigno tra i pasti.
  • In una persona sana, diversi ormoni regolano strettamente il livello di glucosio nel sangue, principalmente l'insulina. L'insulina è prodotta dal pancreas, un piccolo organo situato nella parte superiore della pancia tra lo stomaco e il fegato. Il pancreas rilascia anche altri importanti enzimi direttamente nell'intestino per aiutare a digerire il cibo.
  • L'insulina consente al glucosio di spostarsi dal sangue alle cellule di tutto il corpo, dove viene utilizzato per il carburante.
  • Le persone con diabete mellito non producono abbastanza insulina (diabete di tipo 1), non possono usare correttamente l'insulina (diabete di tipo 2) o entrambe (varie forme di diabete).
  • Nei pazienti diabetici, il glucosio non può spostarsi efficacemente dal sangue alle cellule, quindi i livelli di glucosio nel sangue rimangono elevati. Questo non solo affama tutte le cellule, che hanno bisogno di glucosio per il carburante, ma col tempo danneggia anche alcuni organi e tessuti esposti a livelli elevati di glucosio.

Quali sono i tipi di diabete?

Diabete di tipo 1 (T1D)

Il corpo produce poca o nessuna insulina per regolare il livello di glucosio nel sangue.

  • Il T1D colpisce circa il 10% di tutte le persone con diabete negli Stati Uniti.
  • Il T1D viene in genere diagnosticato durante l'infanzia o l'adolescenza. In passato il T1D era chiamato diabete ad esordio giovanile o diabete mellito insulino-dipendente.
  • La carenza di insulina può verificarsi a qualsiasi età a causa della distruzione del pancreas da parte di alcol, malattie o rimozione chirurgica.
  • Il T1D deriva dalla progressiva distruzione da parte del sistema immunitario delle cellule beta del pancreas, l'unico tipo di cellula che produce quantità significative di insulina.
  • Le persone con T1D richiedono un trattamento giornaliero con insulina per sostenere la vita.

Diabete di tipo 2 (T2D)

Sebbene il pancreas secerne ancora insulina in una persona con T2D, i tessuti del corpo sono parzialmente o completamente incapaci di rispondere all'insulina. Questo è spesso indicato come insulino-resistenza. Il pancreas cerca di superare questa resistenza secernendo sempre più insulina. Le persone con insulino-resistenza sviluppano T2D quando non riescono a secernere abbastanza insulina per far fronte alle esigenze del proprio corpo.

  • Almeno il 90% degli individui adulti con diabete ha T2D.
  • Il T2D viene in genere diagnosticato durante l'età adulta, di solito dopo i 45 anni. Una volta si chiamava diabete mellito ad insorgenza adulta, o diabete mellito non insulino-dipendente. Questi nomi non vengono più utilizzati, poiché T2D può comparire nei giovani e alcune persone con T2D necessitano di terapia insulinica.
  • Il T2D è generalmente controllato con dieta, perdita di peso, esercizio fisico e / o farmaci per via orale. Tuttavia, più della metà delle persone con T2D ha bisogno di insulina per controllare i livelli di zucchero nel sangue ad un certo punto nel corso della malattia.

Diabete gestazionale (GDM)

Il diabete gestazionale (GDM) è una forma di diabete che si verifica durante la seconda metà della gravidanza.

  • Sebbene il diabete gestazionale si risolva in genere dopo il parto di un bambino, una donna che sviluppa il diabete gestazionale ha maggiori probabilità rispetto alle altre donne di sviluppare T2D più avanti nella vita.
  • Le donne con diabete gestazionale hanno maggiori probabilità di avere bambini grandi, gravidanze complicate e parti complicate.

Sindrome metabolica

La sindrome metabolica (definita anche sindrome X) è un insieme di anomalie in cui l'insulino-resistenza o T2D è quasi sempre presente insieme a ipertensione (alta pressione sanguigna), alti livelli di grasso nel sangue (aumento dei lipidi sierici, aumento predominante del colesterolo LDL , riduzione del colesterolo HDL e aumento dei trigliceridi), obesità centrale e anomalie della coagulazione del sangue e delle risposte infiammatorie. Un alto tasso di malattie cardiovascolari è associato alla sindrome metabolica.

prediabete

Il prediabete è una condizione comune correlata al diabete. Nelle persone con prediabete, il livello di zucchero nel sangue è più alto del normale ma non ancora abbastanza alto da essere considerato diagnostico del diabete mellito.

  • Il prediabete aumenta il rischio di una persona di sviluppare T2D, malattie cardiache o ictus.
  • Il prediabete può in genere essere invertito (senza insulina o farmaci) da cambiamenti di stile di vita prolungati, come la perdita di una modesta quantità di peso e l'aumento dei livelli di attività fisica. La perdita di peso può prevenire, o almeno ritardare, l'insorgenza di T2D.
  • Un comitato internazionale di esperti dell'American Diabetes Association ha ridefinito i criteri per il prediabete, abbassando il livello limite di zucchero nel sangue per il prediabete negli adulti. Si ritiene che circa il 20% in più degli adulti abbia questa condizione e possa sviluppare il diabete entro 10 anni, a meno che non cambino stili di vita più sani, come esercitare di più e mantenere un peso sano.

Si ritiene che circa 17 milioni di americani (6,2% degli adulti nel Nord America) abbiano il diabete mellito. Alcuni esperti stimano che circa un terzo degli adulti con diabete non sa di avere il diabete mellito.

  • Ogni anno vengono diagnosticati circa 1 milione di nuovi casi di diabete mellito. Il diabete mellito provoca direttamente o indirettamente almeno 200.000 morti ogni anno.
  • I tassi di persone colpite da T1D e T2D stanno aumentando rapidamente. Questi aumenti sono dovuti a molti fattori. La ragione più significativa per T2D è il numero crescente di persone obese a causa di stili di vita sedentari.




PRESENTAZIONE

Altalene di zucchero nel sangue: suggerimenti per la gestione del diabete e dei livelli di glucosio
Vedi presentazione

Quali sono le cause del diabete?

Cause del diabete di tipo 1

T1D è una malattia autoimmune. Il sistema immunitario del corpo distrugge specificamente le cellule del pancreas che producono insulina.

  • Una predisposizione a sviluppare T1D può essere eseguita nelle famiglie. Tuttavia, le cause genetiche (cioè una storia familiare positiva) sono molto più comuni per T2D.
  • Le infezioni virali comuni e inevitabili sono tra i fattori ambientali che contribuiscono al T1D innescando l'autoimmunità.
  • Il T1D è più comune tra le persone di origine non ispanica, nord europea (in particolare Finlandia e Sardegna), seguite da afroamericani e ispanici americani. È relativamente raro tra gli americani asiatici.
  • Il T1D è leggermente più comune negli uomini che nelle donne.
  • T1D si presenta più spesso prima dei 21 anni ma può verificarsi a qualsiasi età.

Cause del diabete di tipo 2

T2D è fortemente legato alla genetica, quindi T2D tende a funzionare nelle famiglie. Diversi geni sono stati collegati al T2D e molti altri sono allo studio. I fattori di rischio per lo sviluppo di T2D includono:

  • Alta pressione sanguigna
  • Alti livelli di trigliceridi (grassi) nel sangue
  • Diabete gestazionale o dare alla luce un bambino che pesa più di 9 chili
  • Dieta ricca di grassi
  • Assunzione di alcolici elevati
  • Stile di vita sedentario
  • Obesità o sovrappeso
  • Etnia, in particolare quando un parente stretto aveva T2D o diabete gestazionale. Gli afroamericani, i nativi americani, gli ispanici e i giapponesi americani mostrano maggiori rischi di sviluppare T2D rispetto agli americani bianchi non ispanici.
  • Invecchiamento: l'aumento dell'età è un fattore di rischio significativo per T2D. Il rischio inizia ad aumentare in modo significativo a circa 45 anni e aumenta considerevolmente dopo i 65 anni.

Cosa sono il diabete Sintomi e segni?

Sintomi del diabete di tipo 1

I sintomi del diabete di tipo 1 sono spesso drammatici e si manifestano molto all'improvviso.

  • Il T1D è generalmente riconosciuto nell'infanzia o nella prima adolescenza, spesso in associazione a una lesione o una malattia (come un virus o un'infezione del tratto urinario).
  • Lo stress extra può causare chetoacidosi diabetica (DKA).
    • I sintomi della chetoacidosi comprendono nausea e vomito. Seguono disidratazione e spesso gravi disturbi dei livelli ematici di potassio e di altri fattori.
    • Senza trattamento, la chetoacidosi può portare a coma e morte.

Sintomi del diabete di tipo 2

I sintomi del diabete di tipo 2 sono spesso sottili e possono essere attribuiti all'invecchiamento o all'obesità.

  • Una persona può avere T2D per molti anni senza saperlo.
  • Le persone con T2D possono sviluppare la sindrome iperchetomica non chetotica ("HONK").
  • T2D può essere precipitato da steroidi e stress.
  • Se non adeguatamente trattato, T2D può portare a complicazioni come cecità, insufficienza renale, malattie cardiache e danni ai nervi.

I sintomi comuni del diabete di tipo 1 e di tipo 2 includono:

  • Affaticamento o sensazione di stanchezza costante: Con il diabete, il metabolismo del corpo è inefficiente e talvolta incapace di usare il glucosio come combustibile. Il corpo passa al metabolismo dei grassi, parzialmente o completamente, come fonte di carburante. Questo processo richiede al corpo di utilizzare più energia. Il risultato finale è sentirsi affaticati o costantemente stanchi.
  • Perdita di peso inspiegabile: Le persone con diabete mellito non sono in grado di metabolizzare il cibo. Potrebbero perdere peso anche se sembrano mangiare quantità adeguate o addirittura eccessive di cibo. Perdere zucchero e acqua nelle urine può portare a disidratazione e perdita di peso involontaria.
  • Sete eccessiva (polidipsia): Una persona con diabete mellito sviluppa livelli elevati di zucchero nel sangue. Quando i reni filtrano questo sangue, l'alto contenuto di zucchero travolge la capacità del rene di controllare il filtraggio dello zucchero. Il rene versa lo zucchero in eccesso nelle urine, causando grandi quantità di urina. Il corpo cerca di contrastare questo inviando un segnale al cervello per diluire il sangue, che si traduce in sete. La sete incoraggia a bere di più (cioè il consumo di acqua) per diluire la glicemia alta a livelli normali e per compensare l'acqua persa a causa della minzione eccessiva. In genere, le persone con diabete non diagnosticato berranno più bevande zuccherate, non solo acqua, che spinge lo zucchero nel sangue più in alto.
  • Minzione eccessiva (poliuria): Il corpo cerca di liberarsi dello zucchero extra nel sangue scaricandolo attraverso l'urina. Una minzione eccessiva può causare disidratazione poiché è necessaria una grande quantità di acqua per espellere elevate quantità di zucchero nel sangue.
  • Mangiare eccessivo (polifagia): Se possibile, il pancreas secerne più insulina per controllare i livelli elevati di zucchero nel sangue. Con T2D, il corpo resiste alle azioni dell'insulina. Un'azione dell'insulina è quella di stimolare la fame. Pertanto, livelli più elevati di insulina possono aumentare la fame. Nonostante mangi di più, la persona con diabete può aumentare di peso e persino perdere peso.
  • Cattive ferite o guarigione lenta: I globuli bianchi sono fondamentali per difendere il corpo dalle infezioni e anche per pulire i tessuti morti. I livelli elevati di zucchero nel sangue impediscono il normale funzionamento dei globuli bianchi. Quando i globuli bianchi non funzionano correttamente, le ferite impiegano molto più tempo a guarire e ad essere infettate più frequentemente. Il diabete di lunga data è anche associato all'ispessimento dei vasi sanguigni, che impedisce una buona circolazione necessaria per fornire ossigeno e altri nutrienti in tutto il corpo.
  • infezioni: Il diabete può sopprimere il sistema immunitario. Alcune infezioni possono indicare uno scarso controllo della glicemia e possono verificarsi più spesso in una persona con diabete. Questi includono frequenti infezioni da lieviti dei genitali, infezioni dentali, infezioni della pelle e frequenti infezioni del tratto urinario.
  • Stato mentale alterato: Agitazione, irritabilità inspiegabile, disattenzione, letargia estrema o confusione possono essere tutti segni di glicemia alta, chetoacidosi o sindrome non chetosica iperglicemica iperosmolare (sindrome "HONK") o ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue). Pertanto, uno di questi in una persona diabetica merita una valutazione medica immediata della glicemia. Chiama il tuo medico o il 911 per l'attenzione immediata di un medico.
  • Visione sfocata: Sebbene non specifico per il diabete, la visione sfocata si verifica spesso con livelli elevati di zucchero nel sangue.

Quando qualcuno dovrebbe cercare assistenza medica per il diabete di tipo 1 o di tipo 2?

Se una persona ha il diabete e manifesta una delle seguenti condizioni, contattare un operatore sanitario.

  • Sperimentare sintomi del diabete. Ciò può indicare un livello incontrollato di zucchero nel sangue nonostante il trattamento.
  • I livelli di zucchero nel sangue sono costantemente elevati (oltre 200 mg / dL). Il livello cronicamente elevato di zucchero nel sangue è la causa principale di tutte le complicanze del diabete.
  • Il livello di zucchero nel sangue è spesso basso (inferiore a 70 mg / dL), chiamato ipoglicemia. Ciò può indicare che la strategia di gestione del diabete è troppo aggressiva. L'ipoglicemia potrebbe anche indicare un'infezione o altri stress sugli organi del corpo, come insufficienza renale, insufficienza epatica, insufficienza delle ghiandole surrenali, altre condizioni o l'uso concomitante di determinati farmaci.
  • Lesione al piede o alla gamba, non importa quanto minore. Anche il più piccolo taglio o vescica può essere gravemente infetto in una persona con diabete. La diagnosi precoce e il trattamento dei problemi che colpiscono i piedi e degli arti inferiori, insieme alla regolare cura del piede diabetico, sono fondamentali per preservare la funzione delle gambe e prevenire l'amputazione. Ogni persona con diabete di lunga data deve eseguire la cura di sé esaminando quotidianamente i propri piedi per le ferite. Una persona può utilizzare uno specchio o uno smartphone su un selfie stick per ispezionare o documentare il fondo dei propri piedi.
  • Febbre di basso grado (inferiore a 101,5 F o 38,6 C). La febbre può essere un segno di infezione. Molte infezioni comuni possono potenzialmente essere più pericolose per i diabetici rispetto ai non diabetici. Nota che i sintomi possono indicare dove si trova l'infezione, come minzione dolorosa, arrossamento o gonfiore della pelle, dolore addominale, dolore toracico o tosse.
  • Nausea o vomito nonostante i liquidi siano bassi. L'operatore sanitario può regolare i farmaci mentre il paziente è malato. L'operatore sanitario probabilmente consiglierà una visita d'ufficio urgente o una visita al pronto soccorso. La nausea e il vomito persistenti possono essere un segno di chetoacidosi diabetica (DKA) o altre malattie gravi. DKA può minacciare la vita.
  • Piccoli dolori o ulcera al piede o alla gamba. Qualsiasi ulcera o ulcera non cicatrizzante sui piedi o sulle gambe di una persona diabetica deve essere valutata da un medico. Anche un mal di larghezza inferiore a 1 pollice, non drenante il pus e non esponendo i tessuti profondi o l'osso dovrebbe essere valutato da un operatore sanitario.

Quando contatti un professionista sanitario, informa la persona che ti preoccupa perché tu o qualcuno che conosci ha il diabete.

  • Il paziente verrà probabilmente indirizzato a un'infermiera che farà domande e inizialmente consiglierà cosa fare.
  • Preparati per questa conversazione. Tieni a portata di telefono un elenco di tutti i farmaci e integratori alimentari, problemi di salute, allergie ai medicinali e un diario della glicemia.
  • L'infermiera potrebbe aver bisogno di una o di tutte queste informazioni per decidere sia l'urgenza delle condizioni del paziente sia il modo migliore di trattare il problema.

Emergenze del diabete

Emergenze mediche che giustificano una chiamata al 911

Le seguenti situazioni possono diventare emergenze mediche (chiamare il 911) e garantire una visita immediata al pronto soccorso di un ospedale.

  • Chiunque abbia una grave complicazione diabetica dovrebbe recarsi al pronto soccorso in auto o in ambulanza.
  • Se la persona non è in grado di parlare da sola, un compagno dovrebbe accompagnarlo a parlare con il medico.
  • Porta sempre al pronto soccorso un elenco completo e aggiornato di problemi medici, farmaci, integratori alimentari, allergie ai farmaci e diario della glicemia. Queste informazioni aiuteranno il personale sanitario a diagnosticare il problema e trattarlo in modo appropriato.

Segni e sintomi di complicanze diabetiche che giustificano le cure di emergenza

  • Stato mentale alterato: Letargia, agitazione, dimenticanza o solo comportamenti strani possono essere un segno di bassi o alti livelli di zucchero nel sangue.
    • Se una persona con diabete ha uno stato mentale alterato, prova a dargli del succo di frutta (circa 6 once) o la glassa della torta se la persona è abbastanza sveglia da deglutire normalmente senza soffocare. Evitare di dare cose che possono depositarsi in gola, come caramelle dure. L'operatore sanitario può prescrivere wafer o gel di glucosio che si sciolgono sotto la lingua o il glucagone (un farmaco somministrato nel naso o mediante iniezione).
    • Se una persona diabetica non si sveglia entro circa 5 minuti e si comporta normalmente entro circa 15 minuti, chiama il 911.
    • Se la persona non è nota per avere il diabete, questi sintomi possono essere segni di ictus, intossicazione da farmaci, intossicazione da alcol, carenza di ossigeno e altre gravi condizioni mediche. Chiama immediatamente il 911.
  • Nausea o vomito: Se una persona diabetica non riesce a tenere giù cibo, farmaci o liquidi, può avere chetoacidosi diabetica, sindrome iperchetmica non chetotica (HONK) o un'altra complicazione del diabete.
    • Se non ha già preso la sua ultima dose di insulina o il farmaco per il diabete orale, contatta un medico.
    • Se ha già bassi livelli di zucchero nel sangue, l'assunzione di insulina o farmaci aggiuntivi può abbassare ulteriormente il livello di zucchero nel sangue, possibilmente a livelli pericolosi.
  • Febbre sopra 101,5 F (38,6 C): Se il personale sanitario primario non riesce a vedere immediatamente il paziente, cerca assistenza di emergenza per una persona con diabete e febbre alta. Nota qualsiasi altro sintomo come tosse, minzione dolorosa, dolore addominale o dolore toracico.
  • Alto livello di zucchero nel sangue: Se il livello di zucchero nel sangue della persona è superiore a 400 mg / dL e il personale sanitario primario non può vederlo immediatamente, andare al pronto soccorso più vicino. I livelli elevati di zucchero nel sangue possono essere un segno della sindrome DKA o HONK. Entrambe le condizioni possono essere fatali se non trattate tempestivamente.
  • Grandi piaghe o ulcere ai piedi o alle gambe: Per una persona diabetica, una piaga non cicatrizzante di diametro superiore a 1 pollice può essere un segno di un'infezione potenzialmente pericolosa per gli arti.
    • Altri segni e sintomi che meritano una cura immediata sono l'osso esposto o la ferita dei tessuti profondi, ampie aree di arrossamento e calore circostanti, gonfiore e forte dolore al piede o alla gamba.
    • Se non trattata, una tale piaga può in definitiva richiedere l'amputazione dell'arto.
  • Tagli o lacerazioni: Qualsiasi taglio che penetri in tutti gli strati della pelle, specialmente sulle gambe, è un potenziale pericolo per una persona con diabete. Sebbene sia importante per il recupero di chiunque, un'adeguata cura delle ferite è fondamentale nelle persone diabetiche per assicurare una corretta guarigione delle ferite.
  • Dolore al petto: Prendi sul serio qualsiasi dolore al petto o alle braccia (in particolare al centro del petto o lungo il lato sinistro) e cerca immediatamente un medico.
    • Le persone diabetiche hanno maggiori probabilità rispetto alle persone non diabetiche di avere un infarto, con o senza dolore al petto.
    • I battiti cardiaci irregolari e l'insufficienza respiratoria inspiegabile possono anche essere segni di infarto.
  • Grave dolore addominale: A seconda della posizione, questo può essere un segno di infarto, aneurisma dell'aorta addominale (pericoloso allargamento della grande arteria nell'addome), DKA o interruzione del flusso sanguigno alle viscere.
    • Tutti questi sono più comuni nelle persone con diabete che nella popolazione generale. Tutti sono potenzialmente pericolosi per la vita.
    • Le persone con diabete ottengono anche altre cause comuni di forte dolore addominale, come appendicite, ulcera perforata, infiammazione e infezione della cistifellea, calcoli renali e ostruzione intestinale.
    • Un forte dolore in qualsiasi parte del corpo è un segnale per un'attenzione medica tempestiva.




DOMANDA

Il diabete è definito meglio come …
Vedi la risposta

Quali test usano gli operatori sanitari per diagnosticare il diabete?

I medici usano test comuni per diagnosticare il diabete e monitorare il controllo della glicemia.

L'operatore sanitario prenderà una storia contenente informazioni sui sintomi del paziente, fattori di rischio per il diabete, problemi medici passati, farmaci attuali, allergie ai farmaci, storia familiare di diabete o altri problemi medici (come colesterolo alto o malattie cardiache), e abitudini personali e stile di vita.

Vari test di laboratorio possono confermare la diagnosi di diabete.

Glicemia nel polpastrello nel punto di cura. Questo test rapido può essere eseguito ovunque, compresi i programmi di screening basati sulla comunità.

  • Sebbene non sia accurato come testare il sangue in un laboratorio ospedaliero, un test con glucosio nel sangue a punta di dito è facile da eseguire e il risultato adeguato è disponibile rapidamente.
  • Il test prevede di attaccare il dito del paziente per un piccolo campione di sangue. La goccia di sangue viene posizionata su una striscia da inserire in una macchina che riporta il livello di zucchero nel sangue. Queste macchine portatili hanno una precisione compresa tra circa il 10% e il 20% dei valori reali di laboratorio.
  • I valori di glucosio nel sangue delle dita tendono ad essere più imprecisi a livelli molto alti o molto bassi. Risultati anormalmente bassi o alti devono essere confermati da ripetuti test. Il test point-of-care è il modo in cui la maggior parte delle persone con diabete monitora i livelli di zucchero nel sangue a casa.

Glicemia a digiuno. Al paziente verrà chiesto di non mangiare o bere nulla per otto ore prima di farsi prelevare il sangue, di solito la prima cosa al mattino. Se il livello di glucosio nel sangue è maggiore o uguale a 126 mg / dL (senza mangiare nulla) a qualsiasi età, la persona probabilmente ha il diabete.

  • Se il risultato non è chiaro, è possibile eseguire ulteriori test per confermare il diabete. Tale test può essere un glucosio plasmatico a digiuno ripetuto in un giorno diverso, un test orale di tolleranza al glucosio (descritto di seguito) o un'emoglobina glicosilata da un dito (chiamata "emoglobina A1c" e descritta di seguito).
  • Se il livello di glucosio nel plasma a digiuno è maggiore di 100 mg / dL ma inferiore a 126 mg / dL, il paziente ha una glicemia a digiuno compromessa o IFG. IFG è il prediabete. Sebbene i pazienti con IFG non abbiano ancora il diabete, presentano un rischio elevato di sviluppare il diabete nel prossimo futuro.

Test di tolleranza al glucosio orale. Dopo aver digiunato per almeno sei ore, l'operatore sanitario preleva il sangue per misurare la glicemia prima e due ore dopo aver bevuto una bevanda dolce specifica (che contiene fino a 75 grammi di zucchero).

  • Se il livello di zucchero nel sangue sale a 200 mg / dL o superiore, il paziente ha il diabete.
  • Se il livello di glucosio nel sangue sale tra 140 e 199 mg / dL dopo la bevanda zuccherata, il paziente ha una tolleranza al glucosio ridotta (IGT). L'IGT è anche una condizione prediabetica.

Emoglobina glicosilata o emoglobina A1c. Questo test misura quanto sono stati alti i livelli di zucchero nel sangue negli ultimi 120 giorni, che è la durata media dei globuli rossi su cui si basa questo test.

  • Il glucosio si attacca naturalmente all'emoglobina nei globuli rossi e rimane lì per la vita residua dei globuli rossi.
  • La percentuale di emoglobina con zucchero attaccato può essere misurata in una piccola goccia di sangue, ottenuta con un dito o un prelievo di sangue.
  • Il test dell'emoglobina A1c è una misura pratica del controllo della glicemia nella maggior parte delle persone con diabete. Il normale valore di emoglobina A1c è inferiore al 6%. Livelli di emoglobina A1c pari o inferiori al 7% indicano un buon controllo del glucosio. I risultati pari o superiori all'8% indicano che i livelli di zucchero nel sangue sono troppo alti troppo spesso.
  • Il test dell'emoglobina A1c è più utile per le cure di follow-up del diabete. Sebbene occasionalmente non ottimale per la diagnosi di diabete, l'emoglobina A1c al di sopra del 6% è altamente indicativa del diabete. Spesso un altro test supporterà la diagnosi del diabete.
  • L'emoglobina A1c viene generalmente misurata ogni 3-6 mesi nelle persone con diabete. Può essere fatto più frequentemente per le persone con difficoltà a raggiungere e mantenere un buon controllo della glicemia.
  • Questo test viene raramente utilizzato per documentare l'ipoglicemia cronica in pazienti non diabetici.
  • I valori normali possono variare da laboratorio a laboratorio.

Quali sono le opzioni di trattamento del diabete?

Esistono vari trattamenti per il diabete. T1D richiede insulina (mediante iniezioni multiple giornaliere o una pompa), dieta per diabetici e altre modifiche allo stile di vita. Il T2D è generalmente trattato con dieta per diabetici, cambiamenti nello stile di vita (come esercizi da moderati a vigorosi) e farmaci.

Ci sono rimedi casalinghi (Dieta, Esercizio fisico e monitoraggio del glucosio) per il diabete?

Se una persona ha il diabete, le scelte di vita salutari nella dieta, nell'esercizio, nel sonno e in altre abitudini aiuteranno a migliorare il controllo glicemico (glicemia) e prevenire o ridurre al minimo le complicanze del diabete.

Dieta per il diabete

Una dieta sana è la chiave per controllare i livelli di zucchero nel sangue e prevenire le complicanze del diabete.

  • I pazienti che sono obesi e hanno avuto difficoltà a perdere peso da soli dovrebbero parlare con un operatore sanitario. Lui o lei può raccomandare un dietista, aiutare a fissare obiettivi fattibili o supervisionare un programma di modifica del peso.
  • Segui una dieta coerente ed equilibrata ricca di fibre, povera di grassi saturi, povera di dolci concentrati ed elimina le calorie in eccesso.
  • Una dieta coerente comprende all'incirca lo stesso numero di calorie in momenti della giornata prevedibilmente simili. Una dieta così disciplinata aiuta ad abbinare la corretta dose di insulina o altri farmaci.
  • Una dieta sana aiuta a mantenere il livello di zucchero nel sangue relativamente uniforme. Una dieta sana e prevedibile evita livelli eccessivamente bassi o alti di zucchero nel sangue, che possono essere pericolosi e persino pericolosi per la vita.

Esercizio

In qualsiasi forma, l'esercizio fisico regolare aiuta a ridurre il rischio di sviluppare il diabete. L'attività può ridurre il rischio di sviluppare complicanze legate al diabete come malattie cardiache, ictus, insufficienza renale, cecità e ulcere alle gambe.

  • Solo 20 minuti di cammino tre volte alla settimana si sono dimostrati utili. Qualsiasi esercizio è benefico. Non importa quanto sia facile o quanto tempo, un po 'di esercizio fisico è meglio di nessun esercizio. Ridurre il tempo trascorso seduto è utile.
  • I pazienti che hanno complicanze legate al diabete (come problemi agli occhi, ai reni o ai nervi) possono essere limitati sia nel tipo di esercizio che nella quantità di esercizio che possono eseguire in sicurezza. Consultare il proprio medico prima di iniziare qualsiasi programma di esercizi.

Uso di alcol

Moderare o eliminare il consumo di alcol. Una bevanda è considerata 1,5 once di liquore, 6 once di vino o 12 once di birra. Gli uomini adulti non dovrebbero consumare più di sette bevande alcoliche in una settimana e mai più di due bevande in una sera. Le donne adulte non dovrebbero consumare più di tre bevande alcoliche alla settimana e mai più di una bevanda alla sera. L'uso eccessivo di alcol è un fattore di rischio noto per T2D. Il consumo di alcol può causare livelli bassi o alti di zucchero nel sangue, causare dolore ai nervi (neurite) e aumentare i trigliceridi nel sangue.

fumo

Se una persona diabetica fuma sigarette o usa qualsiasi altra forma di tabacco, aumenta notevolmente i suoi rischi per quasi tutte le complicanze legate al diabete. Il fumo danneggia i vasi sanguigni. Il fumo contribuisce a malattie cardiache, ictus e cattiva circolazione degli arti. Le persone che hanno bisogno di aiuto per smettere di usare il tabacco dovrebbero parlare con un operatore sanitario.

Glicemia monitorata automaticamente

Controllare frequentemente i livelli di zucchero nel sangue, quindi registrare i risultati in un registro o in un registro digitale. Come minimo, controlla la glicemia prima dei pasti e prima di coricarti.

  • Il registro del glucosio dovrebbe includere le dosi e i tempi di somministrazione di insulina o farmaci per via orale, quando e cosa ha mangiato la persona, quando e per quanto tempo ha esercitato la persona e qualsiasi evento significativo della giornata (come livelli di zucchero nel sangue alti o bassi e come la persona ha trattato il problema). Esistono molte applicazioni mobili ("app") per aiutare a registrare e condividere i dati.
  • Esistono attrezzature semplici per testare i livelli di zucchero in modo meno doloroso e più conveniente. Il diario giornaliero dello zucchero ha un valore inestimabile sia per l'autogestione che per la valutazione professionale delle risposte a farmaci, dieta ed esercizio fisico.
  • Medicare paga per le forniture di test per diabetici, così come molti assicuratori privati ​​e Medicaid.
  • I monitor per il glucosio continuo (CGM) sono utili dispositivi che misurano e registrano i livelli di glucosio sotto la pelle. I CGM e i loro registri possono essere strumenti molto utili per la gestione del diabete. I CGM devono essere calibrati attentamente con il monitoraggio della glicemia.

Quali sono i trattamenti medici per il diabete?

Il trattamento del diabete è altamente individualizzato. Il trattamento dipende dal tipo specifico di diabete, da problemi medici coesistenti, dalla presenza di complicanze correlate al diabete e dalle capacità fisiche e mentali della persona interessata.

  • Un team sanitario aiuta a stabilire obiettivi sani e fattibili per i cambiamenti nello stile di vita, il controllo della glicemia e il trattamento.
  • Insieme, la persona interessata e il suo team sanitario formulano un piano per aiutare a raggiungere questi obiettivi.

L'educazione al diabete e al suo trattamento è essenziale.

  • Alla diagnosi iniziale del diabete, il team sanitario passerà molto tempo a educare il paziente sulle condizioni, il trattamento e le abilità pratiche per l'auto-cura quotidiana.
  • Il team di assistenza per il diabete comprende il personale sanitario e il personale di supporto. Un dietista professionista e un educatore del diabete di solito fanno parte del team. Il team può includere specialisti in salute ormonale (endocrinologia), cura dei piedi (podologia), neurologia, malattie renali (nefrologia), malattie degli occhi (oftalmologia) e salute comportamentale (psicologia o psichiatria).
  • Tra le fonti affidabili, il National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Disease (NIDDK) fornisce informazioni sul diabete e sulla ricerca correlata, inclusi studi clinici.

Il team sanitario incontrerà il paziente ad intervalli appropriati per monitorare i progressi e valutare gli obiettivi.

Trattamenti per il diabete di tipo 1

Il trattamento del T1D comporta iniezioni multiple giornaliere di insulina o erogazione continua di insulina da parte di una pompa. Le iniezioni quotidiane di solito combinano insulina ad azione breve (ad es. Lispro [Humalog], come una parte [NovoLog or Fiasp], regolare) e un'insulina ad azione prolungata (ad es. NPH, lente, glargine [Lantus or Basaglar], detemir [Levemir]).

  • L'insulina deve essere somministrata per iniezione appena sotto la pelle. Se assunto per via orale, l'insulina verrebbe distrutta nello stomaco prima che possa penetrare nel sangue dove è necessaria.
  • Molte persone con T1D si iniettano da sole. Anche se qualcun altro di solito inietta l'insulina, ogni persona che sta assumendo insulina deve sapere come iniettare insulina nel caso in cui l'altra persona non sia disponibile.
  • Un professionista addestrato mostrerà al paziente come conservare e iniettare insulina. Di solito questa è un'infermiera o un'educatrice del diabete.
  • Fast-acting insulin is usually injected three or four times each day, generally around mealtimes. Dosage is individualized and tailored to the patient's specific needs. Long-acting insulin formulations are typically administered once or twice each day.
  • Some people prefer to receive fast-acting insulin continuously by infusion pumps. Supplemental mealtime insulin is programmed into the pump by the individual in consultation with his or her health care team.
  • It is important to match food intake with insulin dosing, because insulin lowers blood sugar regardless of whether a person eats or not. If excessive insulin is received relative to food intake, the result may be hypoglycemia. This is called an insulin reaction.
  • During the adjustment period after initial diagnosis, the individual learns how insulin affects him or her. He or she learns how to time meals and exercise with insulin injections to keep blood sugar levels as even as possible. Many people with diabetes struggle with adjustment to their condition, especially maintaining high motivation and resilience after many years coping with diabetes.
  • Keeping accurate records of sugar levels and insulin dosages is crucial for diabetes management.
  • Eating a consistent, healthy diet appropriate for the patient's diagnosis and weight is essential to control sugar levels and to prevent diabetes-related complications.

Type 2 diabetes treatments

Depending on several factors upon diagnosis of T2D, the person may be able to control blood sugar through lifestyle changes, without medication. Such factors include but are not limited to the patient’s age, motivation, self-discipline with diet and exercise, duration of T2D prior to clinical diagnosis, and co-existing conditions.

  • For obese people with T2D, the best initial approach includes dietary restrictions and an exercise program under the supervision of a physician with the aim of weight loss.
  • This course will generally be tried for three to six months. If blood sugar and glycosylated hemoglobin remain high, then the person will receive oral medication, usually a sulfonylurea or biguanide (metformin [Glucophage]).
  • Even on medication, a healthy diet and physical activity are essential to lose weight or to maintain a healthy weight. People should perform moderate to vigorous physical activity as often as possible.
  • The health care professional will carefully monitor the patient's progress on medication. The therapeutic goals are the right dose(s) of the right medication(s) at the right time(s) to control blood sugar levels with few side effects.
  • Over time, people with T2D often require insulin injections to control their sugar levels.
  • People with T2D commonly take a combination of oral medication and insulin injections to control sugar levels.

What farmaci Treat Diabetes?

Many different types of medications are available to help lower blood sugar levels in people with T2D. Each medication works in a different way. Combining two or more medications commonly gets better outcomes.

  • Sulfonylureas: These stimulate the pancreas to release more insulin. Sometimes, the pancreas lacks enough stored insulin to respond adequately to sulfonylurea.
  • Biguanides: These decrease the amount of glucose produced by the liver by improving its sensitivity to insulin.
  • Alpha-glucosidase inhibitors: These slow absorption of starch as a person eats, which slows down the rise of blood glucose level during and after meals.
  • Thiazolidinediones: These increase tissue sensitivity to insulin but are restricted in the U.S. market.
  • Meglitinides: These stimulate the pancreas to release more insulin.
  • D-phenylalanine derivatives: These stimulate the pancreas to release more insulin more quickly.
  • Sodium-glucose co-transporter 1 (SGLT2) inhibitors: These block reabsorption of glucose by the kidney, leading to increased glucose excretion and reduction of blood sugar levels. Urinary tract infections are more common with SGLT2 inhibitors due to higher sugar levels in the urine.
  • Amylin synthetic derivatives: Amylin is a naturally occurring hormone secreted by the pancreas along with insulin. Amylin derivatives, such as pramlintide (Symlin), help lower blood sugar levels after meals when insulin alone does not. Pramlintide is injected subcutaneously along with insulin.
  • Incretin mimetics: These promote insulin release by the pancreas. They mimic other natural actions that lower blood sugar level. Exenatide (Byetta) was the first incretin mimetic agent approved in the U.S. It is indicated for T2D in addition to metformin (Glucophage) or a sulfonylurea, when these agents alone cannot control the sugar level.
  • Insulins: Only synthetic types of human insulin are available in the U.S., since they are less likely to cause allergic reactions than the animal-derived insulin used in the past. Different formulations of insulin are categorized according to action onset and duration. Commercial mixtures of insulin sometimes provide constant (basal) control and immediate control.
    • Rapid-acting insulin formulations:
    • Intermediate-acting insulin formulations:
      • Isophane insulin, neutral protamine Hagedorn (NPH) (Humulin N, Novolin N)
      • Insulin zinc (Lente)
    • Long-acting insulin formulations:

What Are Complications of Diabetes?

Both T1D and T2D create high blood sugar levels, called hyperglycemia. Over years, hyperglycemia damages the retina of the eye, blood vessels of the kidneys and other organs, and the nerves.

  • Damage to the retina from diabetes (diabetic retinopathy) is the leading cause of acquired blindness.
  • Damage to the kidneys from diabetes (diabetic nephropathy) is the leading cause of acquired kidney failure.
  • Damage to the nerves from diabetes (diabetic neuropathy) is a major cause of foot wounds and ulcers. It remains the leading cause of nontraumatic amputations of feet and legs.
  • Damage to the nerves in the autonomic nervous system can lead to paralysis of the stomach (gastroparesis), chronic diarrhea, and an inability to control heart rate and blood pressure during postural changes (dysautonomia).
  • Diabetes accelerates atherosclerosis, (the formation of fatty plaques inside the arteries), which can lead to blockages or a clot (thrombus). Such changes can then lead to heart attack, stroke, and decreased circulation in the arms and legs (peripheral vascular disease).
  • Diabetes predisposes people to elevated blood pressure (hypertension), high levels of cholesterol and triglycerides. Both independently and together with hyperglycemia, these conditions increase the risk of heart disease, kidney disease, and other blood vessel complications.

Diabetes can contribute to a number of acute medical problems. Acute means coming on suddenly rather than developing slowly over time (chronic).

  • Many infections are associated with diabetes. Infections are frequently more dangerous in someone with diabetes because the body's normal ability to fight infections is impaired. Infections may worsen glucose control, which further delays recovery from infections.
  • Hypoglycemia or low blood sugar occurs intermittently in most people with diabetes. It can result from receiving too much diabetes medication or insulin (an insulin reaction), missing a meal, exercising more than usual, drinking too much alcohol, or taking certain medications for other conditions. You should recognize hypoglycemia and must be prepared to treat it at any time. Headache, feeling dizzy, poor concentration, tremor of the hands, and sweating are common symptoms of hypoglycemia. A person can faint or lose consciousness with a seizure if blood sugar level becomes too low.
  • Diabetic ketoacidosis DKA is a serious condition in which uncontrolled hyperglycemia causes dehydration and inadequate insulin allows buildup of blood ketones (acidic waste products). High acid and altered salt levels in the blood can threaten life. DKA typically occurs at the initial diagnosis of T1D and in people with poor glucose control. DKA can be precipitated by infection, stress, trauma, missing medications like insulin, or medical emergencies such as a stroke or heart attack.
  • Hyperosmolar hyperglycemic nonketotic (HONK) syndrome is a serious condition in which high blood sugar level leads to severe dehydration. When the body tries to rid its excess sugar via the urine, this can cause severe dehydration leading to seizures, coma, and even death. HONK syndrome typically occurs in people with T2D who are not controlling their sugar levels, who have become dehydrated, or who have stress, injury, stroke, or are taking certain medications, like steroids.

Diagnosing Diabetes-Related Complications

A person with diabetes should be checked regularly for early signs of diabetic complications. A primary health care professional can order some tests. Other tests require referral to a specialist.

  • People with diabetes who have entered or passed puberty should have their eyes checked at least once a year by an eye specialist (ophthalmologist) to screen for diabetic retinopathy, a leading cause of acquired blindness.
  • The urine should be checked for protein (microalbumin) on a regular basis, at least once annually. Urinary protein is an early sign of diabetic nephropathy, a leading cause of acquired kidney failure.
  • Sensation in the legs should be checked regularly using a tuning fork or a monofilament device. Diabetic neuropathy is a leading cause of lower extremity ulcers in individuals with diabetes and the leading contributor to nontraumatic amputations of the feet or legs.
  • The health care professional should check the feet and lower legs of adult diabetic patients at every visit for cuts, scrapes, blisters, or other lesions that could become infected. Adults with diabetes should check the soles of their feet and their legs daily with a hand-held mirror or camera, either themselves or with the assistance of a relative or caretaker.
  • The adult patient should be screened regularly for conditions that may contribute to heart disease, such as high blood pressure and high cholesterol.

Is It Possible to Prevent Diabetes?

No approach has yet been approved by the FDA to prevent T1D, though recent research showed promising results for teplizumab for some at highest risk of developing T1D.

T2D can be prevented in some cases.

  • Control weight to normal or near-normal levels by eating a healthy low-fat, high-fiber diet with appropriate content of calories.
  • Regular physical activity is essential to prevent T2D.
  • Keep alcohol consumption low.
  • Quit smoking and other tobacco products.
  • To control high blood fat levels (e.g., high total cholesterol) or high blood pressure, take medications as directed.
  • Lifestyle modifications and/or certain medications can sometimes prevent progression of prediabetes to T2D. Prediabetes can be diagnosed by checking fasting glucose or two hours after ingesting up to 75 grams of glucose (dose based on patient’s weight).

If you or someone you know has any type of diabetes, focus on preventing diabetes-related complications. Complications can cause serious disabilities, such as blindness, kidney failure requiring dialysis, amputation, or even death.

  • Tight glucose control! The single best thing people with diabetes can do is to keep their blood sugar level within the suggested range every day. The only way to accomplish this goal is the combination of glucose monitoring, appropriate diet, high personal motivation sustained over time, and appropriate medical treatment. Consult a nutritionist or your health care professional regarding diet.
  • Quit smoking and stop use of other tobacco products.
  • Maintain healthy weight.
  • Increase physical activity. Adults should aim for moderate to vigorous physical activity lasting at least 30 minutes every day.
  • Drink adequate amounts of water, and avoid consuming excessive salt.
  • Take care of your skin. Keep it supple and hydrated to avoid sores and cracks that can become infected.
  • Brush and floss your teeth at least twice every day. Encounter your dentist and dental hygienist regularly to prevent tooth decay and gum disease.
  • Wash and examine your feet daily. Including the soles, look for small cuts, sores, or blisters that may worsen. File toenails to avoid damaging the surrounding skin, rather than cutting them. A specialist in foot care (podiatrist) may be necessary to help care for your feet.

What Is the Prognosis of Diabetes?

Diabetes is a leading cause of death in all industrialized nations. Overall, the risk of premature death of people with diabetes is twice that of people without diabetes. Prognosis depends on the duration of diabetes, degree of blood sugar control, and development of complications.

Type 1 diabetes

About 15% of people with T1D die before age 40 years, which is about 20 times the rate of this age group in the general population.

  • Diabetic ketoacidosis (DKA), kidney failure, and heart disease compose the most common causes of death related to T1D.
  • The good news is prognosis improves with good sugar control. Maintaining tight blood (or CGM) sugar control prevents, slows the progression of, and can improve established complications of T1D.

Type 2 diabetes

The life expectancy of people who are diagnosed with T2D during their 40s decreases by five to 10 years because of the disease.

  • Heart disease leads the causes of death related to T2D.
  • Aim for excellent glycemic control, tight blood pressure control, keeping the "bad" cholesterol (LDL) level at the recommended level below 100 mg/dL (or even lower, particularly if other risk factors for cardiovascular disease are present), and keeping the "good" (HDL) cholesterol as high as possible. When indicated, aspirin can prevent, slow the progression of, and improve established complications related to diabetes.

What Types of Health Care Professionals Treat Diabetes?

Most primary care providers have experience managing diabetes, including internists, gynecologists, and family practitioners. Specialists in diabetes care are called endocrinologists or diabetologists. You can locate endocrinologists using the "Find an Endocrinologist" search engine online at the Hormone Health Network. You can locate a pediatric endocrinologist for diabetic youth using the "Find a Doctor" search engine of the Pediatric Endocrine Society.

Are There Support Groups and Counseling for People With Diabetes?

Consider joining a support group to share your experiences and learn from others. The American Diabetes Association, Hormone Health Network, and local chapters of Juvenile Diabetes Research Foundation International are excellent resources. Your health care team will have information about local groups in your area. The following groups also provide support:

American Association of Diabetes Educators
100 W Monroe, Suite 400
Chicago, IL 60603
(800) 338-3633

American Dietetic Association
120 South Riverside Plaza, Suite 2000
Chicago, IL 60606-6995
(800) 877-1600

National Diabetes Education Program
One Diabetes Way
Bethesda, MD 20814-9692
(800) 438-5383
[email protected]

Hormone Health Network
1-800-HORMONE
2055 L Street NW, Suite 600
Washington DC 20036
[email protected]

Revisionato il 2019/08/14


fonti:
References" src="https://images.emedicinehealth.com/images/slideshow/todaysNews_plusSign.gif