Questa stella ridicolmente veloce potrebbe scappare da un buco nero raro e non provato



Gli astronomi hanno scoperto una giovane stella brillante che sta scappando da casa. Perché? Cosa hanno fatto i genitori della star per meritarlo? Secondo uno studio pubblicato il 6 agosto sulla rivista Astronomia e astrofisica, non è colpa di nessuno; sembra che la giovane stella si sia semplicemente imbattuta nella folla sbagliata, vale a dire un buco nero molto affamato.

La stella, che si chiama PG 1610 + 062, è stata osservata per la prima volta sfrecciare nel cielo in un sondaggio di stelle del 1986, anche se da allora poca attenzione è stata prestata alla storia del rinnegato stellare. Nel presente studio, gli astronomi che lavorano all'Osservatorio W. M. Keck in cima al vulcano Mauna Kea delle Hawaii hanno dato un'occhiata più da vicino al fuggiasco. Lo hanno confermato una delle stelle più veloci mai visto sparare fuori dal disco galattico della Via Lattea.

Il team ha calcolato che la velocità della stella fosse di circa 1,2 milioni di mph (2 milioni di km / h), che non è abbastanza per sfuggire ai legami della gravità della galassia, ma abbastanza velocemente da poter lasciare il sistema solare domestico della stella nella polvere cosmica.

Relazionato: 11 fatti affascinanti sulla nostra galassia della Via Lattea

Ci sono alcuni processi diversi che spiegano come una stella può essere avviata dal suo sistema domestico e di solito coinvolgono partnership binarie – cioè due stelle in orbita attorno a un centro di massa comune. Se un membro della coppia dovesse teoricamente scomparire – diciamo, esplodendo in una supernova o essere inghiottito da un buco nero supermassiccio – la stella rimanente potrebbe ricevere un calcio così improvviso ed energico nei pantaloni che si tirerebbe fuori dal suo sistema domestico o persino fuori dalla sua galassia di casa interamente.

Il caso di PG 1610 + 062 potrebbe essere un po 'insolito, hanno scritto i ricercatori. A giudicare dalla massa, dalla velocità e dalla probabile origine della stella (la squadra l'ha rintracciata nel braccio a spirale Sagittario della galassia), sembra improbabile che la stella sia mai stata abbastanza vicina alla buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia per vedere la sua stella partner divorata.

Piuttosto, il movimento veloce ma non troppo veloce della stella sembra suggerire che ha avuto un incontro con un buco nero di media massa – cioè un buco nero con centinaia o centinaia di migliaia di volte la massa del sole (al contrario di un buco nero stellare, che può avere una massa di circa 20 soli, o un buco nero supermassiccio, che può essere milioni o miliardi di volte la massa del sole, secondo la NASA).

Gli scienziati non hanno mai trovato prove convincenti dell'esistenza di buchi neri di media massa nella nostra galassia. Questa fuga stellare non è ancora una prova concreta della loro esistenza, ma rafforza il caso che i buchi neri di media massa potrebbero essere là fuori, i ricercatori hanno scritto. Ora, "la corsa sta per trovarli davvero", l'autore principale dello studio Andreas Irrgang, astronomo dell'Università Friedrich-Alexander di Erlangen-Norimberga in Germania, detto in una dichiarazione.

Originariamente pubblicato il Scienza dal vivo.