Il drone iraniano mostra il monitoraggio delle navi da guerra degli Stati Uniti, mentre gli Stati Uniti cercano di ridurre la "minaccia iraniana"



<div _ngcontent-c14 = "" innerhtml = "

Getty

Agenzia di stampa semi-ufficiale dell'Iran Tasnim News ha pubblicato filmati che sostiene spettacoli "Le navi da guerra statunitensi sono state attentamente monitorate nelle acque del Golfo Persico, a sud dell'Iran." Il filmato pubblicato, che non è datato, presumibilmente mostra un drone militare che sorvola l'USS Dwight D. Eisenhower e un'altra nave da guerra, con jet da combattimento e apparentemente & nbsp; membri dell'equipaggio, ignari, visti sul ponte.

In risposta, a & nbsp;Il portavoce del Comando centrale delle forze navali degli Stati Uniti ha dichiarato che la USS Eisenhower non era nel Golfo Persico dal 2016 e che gli Stati Uniti si sono impegnati a mantenere il passaggio libero nello Stretto di Hormuz, teatro di precedenti confronti tra l'Iran e gli Stati Uniti.

Tasnim News Agency / Twitter

Sabato, il generale Kenneth McKenzie, comandante del comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) in visita nel Golfo Persico, ha affermato che "Credo che avremo le risorse necessarie per dissuadere l'Iran dal compiere azioni pericolose. Saremo in grado di rispondere in modo efficace."& nbsp; Citato da Sky News Arabia, il generale ha aggiunto quello "Continueremo a raggiungere i nostri partner e amici nella regione per garantire che facciamo causa comune contro la minaccia dell'Iran."

Il Ababil & nbsp;il drone utilizzato per riprendere il filmato è stato fabbricato dalla Qods Aviation Industry Company, fondata dalle Guardie rivoluzionarie iraniane. Il drone ha una capacità di volo di otto ore e 155 miglia, proviene da una serie di droni aerei senza pilota che sono stati ampiamente esportati e utilizzati & nbsp;nei conflitti in Libano, Iraq, Siria e Yemen.

Il rapporto di notizie iraniano fa riferimento alle osservazioni fatte dall'Ayatollah Seyed Ali Khamenei nel 2016, che "ha sottolineato che la sicurezza della regione del Golfo Persico rientra nella competenza dei soli paesi regionali e ha respinto la richiesta degli Stati Uniti di cercare sicurezza nella regione."

"La sicurezza del Golfo Persico si riferisce ai paesi della regione che hanno interessi comuni, e non agli Stati Uniti. Quindi, la sicurezza della regione del Golfo Persico dovrebbe essere fornita dai paesi di questa regione stessa," il capo della Repubblica Islamica ha detto all'epoca. Il rapporto continua a dirlo "L'ayatollah Khamenei ha anche chiesto il rafforzamento della presenza delle forze navali iraniane nelle acque internazionali e l'espansione del potere della Marina in equilibrio con il merito dell'Istituzione Islamica."

A gennaio 2016, c'era un incidente simile con & nbsp;USS Harry Truman, descritto da un alto funzionario iraniano come dimostrante il "coraggio, esperienza e capacità scientifiche dei nostri operatori di droni." La stessa nave da guerra degli Stati Uniti ha & nbsp;anche stato coinvolto in un esercizio iraniano di fuoco vivo un mese prima. & nbsp;

Le tensioni tra Stati Uniti e Iran sono ora accentuate data la designazione degli Stati Uniti delle Guardie Rivoluzionarie iraniane come una "organizzazione terroristica", seguita dall'Iran che si sta reciprocamente contraccambiando contro le forze armate statunitensi operanti nella regione.

Questo fine settimana, & nbsp;Fox News Sunday andrà in onda un colloquio con il Ministro degli Esteri iraniano & nbsp;Mohammad Javad Zarif in cui dirà che & nbsp;Israele, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti, nonché il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, "hanno tutti mostrato interesse nel trascinare gli Stati Uniti in un conflitto."& nbsp; Chiesto se ciò significa "cambio di regime," Confermato Zarif, "almeno."

Con le sanzioni petrolifere statunitensi dovute al colpo del mese prossimo, le posizioni dall'Iran si intensificheranno. E potrebbe non essere tutto troppo militare per natura. Il governo del Regno Unito ha riconosciuto un attacco informatico significativo da parte dell'Iran alla fine dello scorso anno, che ha compromesso con successo le principali istituzioni pubbliche e private.

"Credo che l'intenzione del Presidente Trump di mettere una politica di massima pressione sull'Iran, al fine di mettere l'Iran in ginocchio per soccombere al fallimento, è destinato a fallire," Zarif & nbsp; ha detto nella sua intervista.

">

Agenzia di stampa semi-ufficiale dell'Iran Tasnim News ha pubblicato filmati che sostiene che "le navi da guerra degli Stati Uniti sono strettamente monitorate nelle acque del Golfo Persico, a sud dell'Iran". Il filmato pubblicato, che non è datato, presumibilmente mostra un drone militare che sorvola l'USS Dwight D. Eisenhower e un'altra nave da guerra, con jet da combattimento e membri dell'equipaggio apparentemente ignari visti sul ponte.

In risposta, a Il portavoce del Comando centrale delle forze navali degli Stati Uniti ha dichiarato che la USS Eisenhower non era nel Golfo Persico dal 2016 e che gli Stati Uniti si sono impegnati a mantenere il passaggio libero nello Stretto di Hormuz, teatro di precedenti confronti tra Iran e Stati Uniti.

Tasnim News Agency / Twitter

Sabato, il generale Kenneth McKenzie, comandante del Comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM) in visita nel Golfo Persico, ha dichiarato che "credo che avremo le risorse necessarie per impedire all'Iran di intraprendere azioni che saranno pericolose. per rispondere in modo efficace. " Citato da Sky News Arabia, il generale ha aggiunto che "Continueremo a raggiungere i nostri partner e amici nella regione per garantire che facciamo causa comune contro la minaccia dell'Iran".

Il Ababil il drone utilizzato per riprendere il filmato è stato fabbricato dalla Qods Aviation Industry Company, fondata dalle Guardie rivoluzionarie iraniane. Il drone ha una capacità di volo di otto ore e 155 miglia, proviene da una serie di droni aerei senza pilota che sono stati ampiamente esportati e utilizzati nei conflitti in Libano, Iraq, Siria e Yemen.

Il rapporto di notizie iraniano fa riferimento alle osservazioni fatte dall'Ayatollah Seyed Ali Khamenei nel 2016, che "ha sottolineato che la sicurezza della regione del Golfo Persico rientra nella competenza dei soli paesi regionali e ha respinto la richiesta degli Stati Uniti di cercare sicurezza nella regione".

"La sicurezza del Golfo Persico si riferisce ai paesi della regione che hanno interessi comuni, e non agli Stati Uniti. Quindi, la sicurezza della regione del Golfo Persico dovrebbe essere fornita dai paesi di questa regione stessa", ha detto il leader della Repubblica Islamica. al tempo. Il rapporto prosegue dicendo che "l'Ayatollah Khamenei ha anche chiesto il rafforzamento della presenza delle forze navali iraniane nelle acque internazionali e l'espansione del potere della Marina in equilibrio con il merito dell'Istituzione Islamica".

Nel gennaio 2016, c'è stato un incidente simile con USS Harry Truman, descritto da un alto funzionario iraniano come a dimostrazione del "coraggio, dell'esperienza e delle capacità scientifiche dei nostri operatori di droni". La stessa nave da guerra degli Stati Uniti aveva è stato coinvolto in un esercizio iraniano di fuoco vivo un mese prima.

Le tensioni tra Stati Uniti e Iran sono ora accentuate data la designazione degli Stati Uniti delle Guardie Rivoluzionarie iraniane come una "organizzazione terroristica", seguita dall'Iran che si sta reciprocamente contraccambiando contro le forze armate statunitensi operanti nella regione.

Questo fine settimana, Fox News Sunday andrà in onda un colloquio con il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif in cui dirà questo Israele, l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, nonché il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, "hanno tutti mostrato interesse a trascinare gli Stati Uniti in un conflitto". Chiesto se questo significa "cambio di regime", ha confermato Zarif, "almeno".

Con le sanzioni petrolifere statunitensi dovute al colpo del mese prossimo, le posizioni dall'Iran si intensificheranno. E potrebbe non essere tutto troppo militare per natura. Il governo del Regno Unito ha riconosciuto un attacco informatico significativo da parte dell'Iran alla fine dello scorso anno, che ha compromesso con successo le principali istituzioni pubbliche e private.

"Credo che l'intenzione del presidente Trump di mettere una politica di massima pressione sull'Iran per mettere in ginocchio l'Iran per soccombere al fallimento sia destinata a fallire", ha detto Zarif nella sua intervista.