I nuovi controlli parentali dell'iPhone possono limitare chi possono chiamare i bambini, i messaggi e FaceTime e quando – TechCrunch


Un aggiornamento di Apple Il sistema operativo iOS, oggi disponibile, offrirà ai genitori un nuovo set di strumenti per combattere la dipendenza da iPhone dei bambini. Con il rilascio di iOS 13.3, i genitori saranno per la prima volta in grado di stabilire limiti con chi i bambini possono parlare e scrivere messaggi durante determinate ore del giorno. Questi limiti si applicheranno a telefonate, messaggi e FaceTime. I genitori possono anche applicare una serie diversa di limitazioni su chiamate e messaggi durante il periodo di tempo consentito dallo schermo del bambino e le ore di inattività.

In una nuova sezione Limiti di comunicazione della schermata del tempo di Apple in Impostazioni, gli utenti di iPhone possono impostare limiti in base ai propri contatti. Durante il tempo di visualizzazione consentito, gli utenti possono essere contattati da tutti o solo dalle persone nei loro contatti, per impedire a contatti sconosciuti di raggiungerli. E durante i periodi di inattività, possono scegliere di essere contattati da tutti o solo da contatti designati.

E se questo è impostato in Controllo genitori di Screen Time, i genitori possono scegliere chi può contattare i propri figli e quando e viceversa. Durante i periodi di inattività, i genitori possono anche designare quali particolari contatti il ​​bambino può inviare messaggi e chiamare, come ad esempio solo mamma o papà.

In pratica, ciò significa che i genitori potrebbero impedire al bambino di mandare messaggi agli amici a tarda notte o durante il giorno di scuola, programmando Downtime per l'esecuzione. (Per chiarire, i tempi di inattività non significano necessariamente "notte" – è solo ogni volta che vuoi che siano disponibili solo app designate e solo chiamate per passare.)

La funzione consente inoltre ai genitori di gestire i contatti iCloud del bambino in remoto, il che rende più semplice per i genitori condividere numeri importanti con il proprio figlio. Ma mette anche i genitori in pieno controllo dell'elenco dei contatti, quindi solo loro possono modificarlo.

Questi nuovi limiti di comunicazione fanno parte del più grande sistema Screen Time di Apple, introdotto con iOS 12 lo scorso anno. Il sistema consente ai proprietari di iPhone di programmare il tempo lontano dal loro schermo, impostare limiti di tempo per le app, visualizzare i rapporti sull'utilizzo e le attività e altro ancora.

Molti genitori hanno già sfruttato questi controlli per limitare in modo più rigoroso il modo in cui i loro figli hanno utilizzato i loro dispositivi, anche impostando limiti sulle singole app che volevano bloccare, come i giochi, e configurando le ore di "downtime".

Inoltre, i genitori potrebbero impostare momenti in cui il dispositivo del bambino non può essere utilizzato affatto.

Apple non è l'unica azienda tecnologica che sta ripensando a come affrontare i rapporti spesso disfunzionali dei consumatori con la tecnologia. Google ha anche introdotto un proprio set di controlli e strumenti per il "benessere digitale" per Android, e persino Facebook e Instagram hanno riscritto parti dei loro software e algoritmi concentrandosi su nuove metriche come "tempo ben speso", ad esempio.

Mentre Screen Time di Apple potrebbe aver funzionato bene per i bambini più piccoli, gli adolescenti hanno rapidamente scoperto e condiviso scappatoie e soluzioni alternative, con grande dispiacere dei genitori.

Il tempo dirà se gli adolescenti escogitano un hack per inviare i loro iMessage anche con il nuovo sistema di controllo parentale.

I senatori protestano contro un algoritmo di salute di parte contro i neri


A ottobre, uno studio accademico sulla bomba ha messo in dubbio il fatto che un software ampiamente usato possa causare distorsioni razziali nella sanità americana. È emerso che un algoritmo che alcuni provider utilizzano per dare priorità all'accesso a un aiuto extra in condizioni come il diabete favorisce sistematicamente le esigenze dei pazienti bianchi rispetto a quelli dei pazienti neri. Il candidato alla presidenza democratica e senatore Cory Booker (D-New Jersey) e il collega del Senato Ron Wyden (D-Oregon) ora chiedono risposte.

Martedì, Booker e Wyden hanno diffuso lettere alla Federal Trade Commission e ai Centers for Medicare e Medicaid Services chiedendo alle agenzie come cercano e prevengono i pregiudizi negli algoritmi sanitari. Hanno chiesto alla FTC di indagare se gli algoritmi decisionali discriminano le comunità emarginate. I legislatori hanno anche scritto a cinque delle più grandi società di assistenza sanitaria chiedendo in merito alle loro garanzie interne contro i pregiudizi nella loro tecnologia.

"Usando gli algoritmi, le organizzazioni spesso tentano di rimuovere difetti e pregiudizi umani", hanno scritto Booker e Wyden. "Sfortunatamente, sia le persone che progettano questi sistemi complessi, sia le enormi serie di dati utilizzati, hanno molti pregiudizi storici e umani integrati." Le lettere sono state inviate alle società sanitarie Blue Cross Blue Shield, Cigna Corporation, Humana, Aetna e UnitedHealth Group.

Continua a leggere

Lo studio che ha spinto le lettere di Booker e Wyden ha riscontrato una distorsione razziale nell'output del software di gestione dei pazienti dalla consociata UnitedHealth Optum. Viene utilizzato per prevedere le esigenze di assistenza sanitaria di 70 milioni di pazienti negli Stati Uniti, ma i dati di un grande ospedale hanno dimostrato che sottovalutava la gravità della malattia dei pazienti neri, assegnando loro punteggi più bassi rispetto ai pazienti bianchi con le stesse condizioni mediche.

Quel disallineamento potrebbe avere conseguenze gravi, persino fatali, perché alcuni sistemi sanitari usano i punteggi per determinare chi ha accesso a programmi speciali per le persone con condizioni croniche complesse come il diabete o le malattie renali. Nel grande ospedale accademico in cui è stato condotto lo studio, gli autori hanno calcolato che il pregiudizio dell'algoritmo ha ridotto efficacemente la percentuale di pazienti neri che hanno ricevuto un aiuto extra di oltre la metà, da quasi il 50% a meno del 20%.

Booker e Wyden non sono i primi a suggerire che questi risultati dovrebbero stimolare l'azione del governo. Il mese scorso, i regolatori dei servizi sanitari e finanziari dello Stato di New York hanno scritto una lettera congiunta a UnitedHealth avvertendo che "questi risultati discriminatori, intenzionali o no, sono inaccettabili e illegali a New York". Le agenzie hanno chiesto alla società di non utilizzare alcun algoritmo o analisi dei dati a meno che non potesse dimostrare che erano liberi da impatti razzialmente disparati. In una dichiarazione fornita dopo la pubblicazione iniziale di questo articolo, UnitedHealth Optum ha affermato che lo studio si è concentrato solo su uno dei punteggi che il suo software può calcolare e che i fornitori di servizi sanitari dovrebbero utilizzare tutti i punteggi per identificare e colmare le lacune nell'accesso alle cure.

Ad aprile, Booker e Wyden hanno presentato un disegno di legge del Senato chiamato Algorithmic Accountability Act che richiederebbe alle organizzazioni che utilizzano l'automazione nel processo decisionale per valutare la propria tecnologia per la discriminazione. Il rappresentante americano Yvette Clarke (D-New York) ha presentato una versione alla Camera.

Stile di vita sano, screening regolari possono tenere a bada il cancro


VENERDI ', 6 dicembre 2019 (HealthDay News) – Un esperto dice che uno stile di vita sano potrebbe essere la migliore difesa contro il cancro.

Circa il 42% dei casi di cancro e il 45% dei decessi per cancro sono attribuibili a fattori di rischio modificabili, secondo l'American Cancer Society.

"I fattori di rischio modificabili sono comportamenti sotto il proprio controllo, come mangiare nel modo giusto, non fumare ed essere fisicamente attivi", ha affermato il dott. Michael Hall, presidente del Dipartimento di genetica clinica del Fox Chase Cancer Center di Filadelfia.

"Tuttavia, alcuni fattori di rischio non possono essere controllati, come la storia familiare o l'invecchiamento. Ecco perché ottenere regolari screening del cancro raccomandati può essere importante quanto vivere uno stile di vita sano", ha detto in un comunicato stampa del centro.

Lo screening aumenta la possibilità di rilevare alcuni tumori all'inizio, quando sono più curabili e prima che compaiano i sintomi.

"Uomini e donne dovrebbero discutere le opzioni di screening con il proprio medico per determinare quando e con quale frequenza dovrebbero essere testati per determinati tipi di cancro", ha detto Hall.

In termini di fattori dello stile di vita, uno dei modi principali per ridurre il rischio di sviluppare e morire di cancro è evitare il tabacco. Si ritiene che il fumo causi circa il 30% di tutte le morti per cancro negli Stati Uniti.

L'aspettativa di vita per i fumatori è inferiore di almeno 10 anni a quella dei non fumatori, secondo l'American Cancer Society.

"Smettere di fumare o non iniziare, è la cosa migliore che puoi fare per aiutare a prevenire il cancro – indipendentemente dalla tua età e anche se hai fumato per anni", ha detto Hall.

Il fumo passivo è anche noto per causare il cancro, quindi cerca di evitarlo il più possibile.

Altre abitudini di vita che possono ridurre il rischio di cancro includono proteggersi dai dannosi raggi UV del sole, seguire una dieta sana ed essere fisicamente attivi.

Inoltre, i genitori dovrebbero far vaccinare i propri figli contro il papillomavirus umano (HPV), che provoca tumori in oltre 33.000 donne e uomini negli Stati Uniti ogni anno. Il vaccino HPV aiuta a prevenire sei tipi di cancro ed è raccomandato per ragazzi e ragazze di età compresa tra 11 e 12 anni.

"Il vaccino HPV può proteggere i bambini dallo sviluppo di alcuni tumori in età adulta", ha detto Hall.



Raissa Gerona sul successo dell'IPO di $ 1,5 miliardi di Revolve, #Revolveawards e il prossimo decennio.



<div _ngcontent-c17 = "" innerhtml = "

Viaggi di influencer, festival e premi sul tappeto rosso non sono sempre stati il ​​volto luccicante di ruotare. Il marchio è in produzione dal 2003. Raissa Gerona, Chief Brand Officer di Revolve, in collaborazione con i fondatori di Revolve, Michael Mente e Mike Karanikolas, nel 2009 per costruire Lovers and Friends dopo aver dovuto chiudere la propria linea di abbigliamento a causa della recessione. Nel 2015, Revolve ha acquistato Alliance Apparel che Lovers and Friends ha ospitato anche con Gerona. Prima ancora che qualcuno sapesse cosa fosse un influencer, Gerona assunse il ruolo di attuare le loro ormai famose strategie di influencer. Alcune di quelle famose strategie che Gerona ha guidato includono #Revolvearoundtheworld, #Revolvefestival e #Revolveawards.

"Le cose esperienziali che abbiamo fatto e creato hanno creato l'equità del marchio per il cliente, ispirandoli e mostrando loro come indossare tutti i prodotti sul sito nella vita reale insieme a costruire una comunità sui social, ma penso che l'equità del marchio si allunghi oltre ai clienti per i marchi che portiamo e gli influencer con cui lavoriamo ", afferma Gerona su come il loro brand equity ha costruito una comunità. "Abbiamo iniziato a lavorare con i più grandi influenzatori del mondo, creando una comunità di influenzatori che vogliono essere coinvolti in ciò che stiamo facendo. Non solo promuovono il marchio, ma sono essi stessi fan e veri clienti di Revolve. "

Con il successo derivante dal lavoro con gli influencer, Gerona è stata ispirata a dare credito laddove il credito era dovuto con #Revolveawards. “Anche fino ad oggi agli influencer non viene dato abbastanza credito per quello che sono stati in grado di fare. Le persone minano gli influencer come qualcuno che indossa un abito e scatta foto, ma sono proprietari di piccole imprese. Molti di loro sono stilisti, art director, direttori creativi, modelle, editori, editori e gestiscono il lato commerciale delle cose del loro marchio. Hanno trasformato la nostra cultura e il nostro business. È stato un modo per celebrare il duro lavoro di tutti e onorare davvero la nostra rete di partner e imprenditori del marchio. L'anno scorso, ho avuto un momento così speciale per vedere così tante persone lì che si sostengono a vicenda! ”Esclamò Gerona.

Il #Revolveawards del 2019& Nbsp;è stato ospitato dalla personalità televisiva Morgan Stewart & nbsp; per celebrare il talento più rivoluzionario dell'anno nell'influencer, nella moda,& Nbsp;e sfere della musica. Ogni talento eccezionale portato a casa& Nbsp;Il prestigioso trofeo di marmo “R” di REVOLVE. & Celebrity & Ambs Valetta ha consegnato alla cara amica Rosie Huntington-Whiteley il premio Icon of the Year, mentre Paris Hilton ha assegnato il premio Trailblazer of the Year all'amica e modella Winnie Harlow. & Nbsp; & nbsp; & nbsp; & nbsp;

È stato un anno abbastanza per Gerona e i fondatori di Revolve mentre completavano la loro IPO lo scorso giugno. “Il completamento del processo di IPO ha richiesto ben due anni. I fondatori hanno gestito l'azienda così bene negli ultimi 16 anni e hanno sempre avuto la visione di essere un marchio per sempre. Siamo unici nel senso che vogliamo essere un unicorno che dura per sempre non un unicorno che continua a raccogliere somme assurde di denaro fino a quando non c'è un'uscita ", ha spiegato Gerona. Negli ultimi 16 anni di attività, Revolve ha assunto un solo investitore esterno, TSG Consumer Partners, che ha messo su $ 50 milioni per una quota del 34%.

L'IPO ha dato a Revolve la flessibilità di crescere nel prossimo decennio. "Abbiamo in programma di continuare a promuovere la comunità che abbiamo costruito con i nostri influenzatori e affinare il pieno stile di vita dei nostri clienti. Abbiamo fatto un lavoro incredibile di essere il luogo ideale per Las Vegas, brunch, matrimoni e vacanze. La prossima ondata comprende tutto il suo stile di vita, che si tratti di abbigliamento sportivo o di ciò che indossa per lavorare. Stiamo lanciando diversi eventi e attivazioni che danno vita a questo ”, ha condiviso Gerona. Revolve continuerà anche a produrre capsule collection con i suoi influenzatori di vecchia data come le loro collezioni Aimee Song e Camila Coelho. Per quanto riguarda l'espansione in mattoni e malta nei prossimi cinque o dieci anni, il team di Revolve è aperto, ma non ha alcun piano prestabilito perché vuole assicurarsi che la cultura che ha creato possa tradursi in un'esperienza di negozio. “Se apriamo un negozio vogliamo assicurarci di farlo meglio. Poiché non siamo un rivenditore tradizionale, non possiamo semplicemente aprire un negozio poiché le persone vengono a Revolve per connettersi e condividere con i loro amici. Quindi dobbiamo capire come appare e come possiamo estendere questa esperienza oltre il nostro sito e Instagram nella vita reale ", ha affermato Gerona.

">

Viaggi di influencer, festival e premi sul tappeto rosso non sono sempre stati il ​​volto luccicante di Revolve. Il marchio è in produzione dal 2003. Raissa Gerona, Chief Brand Officer di Revolve, ha collaborato con i fondatori di Revolve, Michael Mente e Mike Karanikolas, nel 2009 per costruire Lovers and Friends dopo aver dovuto chiudere la propria linea di abbigliamento a causa di la recessione. Nel 2015, Revolve ha acquistato Alliance Apparel che Lovers and Friends ha ospitato anche con Gerona. Prima ancora che qualcuno sapesse cosa fosse un influencer, Gerona assunse il ruolo di attuare le loro ormai famose strategie di influencer. Alcune di quelle famose strategie che Gerona ha guidato includono #Revolvearoundtheworld, #Revolvefestival e #Revolveawards.

"Le cose esperienziali che abbiamo fatto e creato hanno creato l'equità del marchio per il cliente, ispirandoli e mostrando loro come indossare tutti i prodotti sul sito nella vita reale insieme a costruire una comunità sui social, ma penso che l'equità del marchio si allunghi oltre ai clienti per i marchi che portiamo e gli influencer con cui lavoriamo ", afferma Gerona su come il loro brand equity ha costruito una comunità. "Abbiamo iniziato a lavorare con i più grandi influenzatori del mondo, creando una comunità di influenzatori che vogliono essere coinvolti in ciò che stiamo facendo. Non solo promuovono il marchio, ma sono essi stessi fan e veri clienti di Revolve. "

Con il successo derivante dal lavoro con gli influencer, Gerona è stata ispirata a dare credito laddove il credito era dovuto con #Revolveawards. “Anche fino ad oggi agli influencer non viene dato abbastanza credito per quello che sono stati in grado di fare. Le persone minano gli influencer come qualcuno che indossa un abito e scatta foto, ma sono proprietari di piccole imprese. Molti di loro sono stilisti, art director, direttori creativi, modelle, editori, editori e gestiscono il lato commerciale delle cose del loro marchio. Hanno trasformato la nostra cultura e il nostro business. È stato un modo per celebrare il duro lavoro di tutti e onorare davvero la nostra rete di partner e imprenditori del marchio. L'anno scorso, ho avuto un momento così speciale per vedere così tante persone lì che si sostengono a vicenda! ”Esclamò Gerona.

Il #Revolveawards del 2019 è stato ospitato dal personaggio televisivo Morgan Stewart per celebrare il talento più rivoluzionario dell'anno nell'influencer, nella moda, e sfere della musica. Ogni talento eccezionale portato a casa Il prestigioso trofeo "R" in marmo di REVOLVE. La celebrità Amber Valetta ha consegnato il caro amico Rosie Huntington-Whiteley il premio Icon of the Year, mentre Paris Hilton ha assegnato il premio Trailblazer of the Year all'amica e modella Winnie Harlow.

È stato un anno abbastanza per Gerona e i fondatori di Revolve mentre completavano la loro IPO lo scorso giugno. “Il completamento del processo di IPO ha richiesto ben due anni. I fondatori hanno gestito l'azienda così bene negli ultimi 16 anni e hanno sempre avuto la visione di essere un marchio per sempre. Siamo unici nel senso che vogliamo essere un unicorno che dura per sempre non un unicorno che continua a raccogliere somme assurde di denaro fino a quando non c'è un'uscita ", ha spiegato Gerona. Negli ultimi 16 anni di attività, Revolve ha assunto un solo investitore esterno, TSG Consumer Partners, che ha incassato $ 50 milioni per una quota del 34%.

L'IPO ha dato a Revolve la flessibilità di crescere nel prossimo decennio. "Abbiamo in programma di continuare a promuovere la comunità che abbiamo costruito con i nostri influenzatori e affinare il pieno stile di vita dei nostri clienti. Abbiamo fatto un lavoro incredibile di essere il luogo ideale per Las Vegas, brunch, matrimoni e vacanze. La prossima ondata comprende tutto il suo stile di vita, che si tratti di abbigliamento sportivo o di ciò che indossa per lavorare. Stiamo lanciando diversi eventi e attivazioni che danno vita a questo ”, ha condiviso Gerona. Revolve continuerà anche a produrre capsule collection con i suoi influenzatori di vecchia data come le loro collezioni con Aimee Song e Camila Coelho. Per quanto riguarda l'espansione in mattoni e cemento nei prossimi cinque o dieci anni, il team di Revolve è aperto, ma non ha alcun piano prestabilito in quanto desidera garantire che la cultura che ha creato possa tradursi in un'esperienza di negozio. “Se apriamo un negozio vogliamo assicurarci di farlo meglio. Dato che non siamo un rivenditore tradizionale, non possiamo semplicemente aprire un negozio poiché le persone vengono a Revolve per connettersi e condividere con i loro amici. Quindi dobbiamo capire come appare e come possiamo estendere questa esperienza oltre il nostro sito e Instagram nella vita reale ", ha affermato Gerona.