3 modi per attirare, reclutare e conservare il talento millenario



<div _ngcontent-c14 = "" innerhtml = "

Foto di Brooke Cagle su UnsplashFoto di Brooke Cagle su Unsplash

Non è un segreto che Generation X'ers ​​e Boomers hanno faticato a costruire relazioni con i Millennial. A casa o sul posto di lavoro, i Millennials hanno costruito la reputazione di essere difficili da accontentare e impossibili da capire. Sono stati etichettati come pigri e autorizzati.

Al lavoro, hanno la reputazione di voler promozioni entro poche settimane dalla data di inizio. Vogliono le stock options per lavorare in magazzino. Vogliono telelavoro agli impianti di assemblaggio.

Mentre queste cose potrebbero rendere alcuni meme divertenti (o deprimenti, a seconda della tua prospettiva), la verità è che abbiamo sbagliato tutto. Mentre ogni stereotipo si basa su una certa verità, in questo caso, gli studi dimostrano in modo schiacciante che si tratta di errori.

Per questo motivo, abbiamo bisogno di cambiare i nostri copioni su ciò che pensiamo dei Millennials, specialmente perché attualmente rappresentano il 35% della forza lavoro, e rappresenterà il 70% entro il 2025. Ciò significa che tu ne sei uno, ne stai assumendo uno, ne stai lavorando uno o ne stai gestendo uno. Quindi, come lavori meglio con e motivare i Millennial non è una conversazione che possiamo ignorare.

In effetti, è una conversazione che ho avuto con molte aziende, dalla mamma e il papà ai marchi di casa: come attrarre, reclutare e mantenere i talenti del Millennio?

Quindi, mi sono seduto con Chris Tuff, Senior Partner di 22squared e autore del libro in uscita, L'uomo che sussurra al millennio: Il libro pratico incentrato sul profitto per lavorare con e motivare la generazione più grande del mondo.

Autore Chris Tuff su come lavorare e motivare la più grande generazione del mondo.Credito fotografico: Uchechi Anusiem

"Non solo gli stereotipi sono sbagliati", sostiene Tuff, "stanno facendo del male sia ai Millennial che alle aziende che hanno bisogno dei Millennial per operare. Piaccia o no, Millennials sono la più grande generazione della forza lavoro degli Stati Uniti, secondo Pew Research Center. Non stanno andando da nessuna parte. Per le società business-to-business, ciò significa che sia i dipendenti che i decisori dei clienti hanno maggiori probabilità di essere Millennial rispetto a qualsiasi altra generazione. E con i più giovani Millennial che si stanno laureando dal college e stanno entrando nel mondo del lavoro, i Millennials stanno prendendo il sopravvento come i più influenti del mondo B2C ".

Tuff condivide alcuni modi per costruire relazioni con i lavoratori della Millennial e dice: "Non è così difficile come potresti pensare". In effetti, la maggior parte dei leader con cui lavoro trovano un miglior coinvolgimento e relazioni migliori per essere più veloci, più facili e persino più convenienti di quanto si aspettino. "

Ecco tre modi in cui anche tu puoi diventare un "Whisperer millenario":

1. Le grandi relazioni iniziano con una grande comprensione.

Se non capisci qualcuno, come puoi costruire una relazione con loro? Tuff dice che i leader devono capire due cose sui Millennial prima di poter costruire solide relazioni con loro.

"In primo luogo, i leader devono sapere che ci sono davvero due gruppi di Millennial, i più giovani e più anziani. I Millennial più anziani sono nati negli anni '80. Non hanno avuto la tecnologia fino a quando non erano al liceo o dopo. Quando la grande recessione ha colpito nel 2008, molti si sono diplomati al liceo o al college. Alcuni erano nella forza lavoro. Sono stati colpiti direttamente dalla Grande Recessione, o perdendo il lavoro o non riuscendo a trovarne uno. Hanno imparato a diffidare delle aziende a causa delle loro esperienze dirette ", spiega Tuff.

"I giovani Millennial sono stati introdotti alla tecnologia in età precoce e frequentavano ancora la scuola elementare quando la Grande Recessione ha colpito. Quando si sono laureati, l'economia stava crescendo, ma hanno visto i loro genitori perdere il lavoro, a volte dopo decenni di lavoro per la stessa azienda. Giusto o sbagliato, vedere i loro genitori perdere il posto di lavoro fa credere loro che la fedeltà alla compagnia abbia funzionato solo in una direzione ", continua.

"In secondo luogo, i leader devono conoscere le realtà della fase della vita dei lavoratori del Millennio. I millennial ora sono negli anni '20 e '30. Molti si stanno semplicemente trasferendo da soli. Si stanno frequentando. Si stanno per sposare. Stanno avendo dei figli, o stanno lottando per farlo. Sono profondamente indebitati. Quando confrontano il loro stipendio con i loro prestiti agli studenti, si rendono conto che non possono aspettare fino a quando non sono finanziariamente sicuri per iniziare a godersi le loro vite. Quindi, cercano di trovare scopo e divertimento ora. "

Una volta capito da dove sono arrivati ​​i Millennials e cosa sta succedendo nelle loro vite, possiamo costruire relazioni molto più forti con loro.

Il libro di Tuff: The Millisant WhispererIl libro di Tuff: The Millisant Whisperer

2. Connettiti con i tuoi compagni di squadra Millennial sui social media.

La saggezza della leadership passata dice che dovrebbe esserci una divisione tra lavoro e vita personale. Quella linea è ora sfocata.

Tuff spiega, "La regola generale è quella di connettersi con loro senza essere un cagnaccio", sottolineando che i social media sono un ottimo strumento per conoscere e costruire relazioni con i lavoratori del Millennio.

"Quando vedo un dipendente postare sul suo nuovo cucciolo durante il fine settimana e posso quindi chiederlo in ufficio, sto costruendo una connessione significativa. Questo genuino interesse per le loro vite personali miete enormi benefici. Possiamo scoprire molto su qualcuno dai profili dei social media ".

Una cosa che Tuff fa notare è che i tuoi dipendenti del Millennio si sentirebbero stranamente nel trovarti come amico su Facebook come un segno rivelatore di cui hai bisogno per costruire relazioni più forti con loro in primo luogo. Se suona come te, inizia con la versione in-persona dei social media … sai … parlare con una persona di cose che sono importanti per loro.

3. Aiuta i tuoi lavoratori millenari a perseguire i loro trambusti collaterali.

Nell'esperienza di Tuff, molti Millennial sognano progetti di passione. "Si immaginano come il prossimo Mark Zuckerberg o pensano che svilupperanno il prossimo Uber o Airbnb. Se respingiamo contro di loro, vorranno solo di più e potrebbero smettere ", dice.

"Se li sosteniamo nella loro ricerca, e persino li aiutiamo, la stragrande maggioranza di loro vedrà quanto sia difficile costruire un business, grattarsi il loro prurito laterale e lasciarlo cadere con un nuovo apprezzamento per il loro lavoro quotidiano".

Tuff continua: "Ho scoperto che tutorare i miei dipendenti Millennial nella loro ricerca di trambusto laterale in realtà mostra loro alcune dure realtà. La vita imprenditoriale non è per tutti; il più delle volte, i Millennial ne hanno un piccolo assaggio e non ne vogliono più. " Se gli permetti di perseguire il loro lato, ti apprezzeranno molto il tuo sostegno e la tua relazione fiorirà.

">

Foto di Brooke Cagle su UnsplashFoto di Brooke Cagle su Unsplash

Non è un segreto che Generation X'ers ​​e Boomers hanno faticato a costruire relazioni con i Millennial. A casa o sul posto di lavoro, i Millennials hanno costruito la reputazione di essere difficili da accontentare e impossibili da capire. Sono stati etichettati come pigri e autorizzati.

Al lavoro, hanno la reputazione di voler promozioni entro poche settimane dalla data di inizio. Vogliono le stock options per lavorare in magazzino. Vogliono telelavoro agli impianti di assemblaggio.

Mentre queste cose potrebbero rendere alcuni meme divertenti (o deprimenti, a seconda della tua prospettiva), la verità è che abbiamo sbagliato tutto. Mentre ogni stereotipo si basa su una certa verità, in questo caso, gli studi dimostrano in modo schiacciante che si tratta di errori.

Per questo motivo, abbiamo bisogno di cambiare i nostri copioni su ciò che pensiamo dei Millennials, specialmente perché attualmente rappresentano il 35% della forza lavoro e rappresenteranno il 70% entro il 2025. Ciò significa che tu sei uno, stai assumendo uno , stai lavorando con uno, o ne stai gestendo uno. Quindi, come lavori meglio con e motivare i Millennial non è una conversazione che possiamo ignorare.

In effetti, è una conversazione che ho avuto con molte aziende, dalla mamma e il papà ai marchi di casa: come attrarre, reclutare e mantenere i talenti del Millennio?

Quindi, mi sono seduto con Chris Tuff, Senior Partner di 22squared e autore del libro in uscita, The Millisnial Whisperer: The Practical Focus-Focused Playbook per lavorare con e motivare la generazione più grande del mondo.

Autore Chris Tuff su come lavorare e motivare la più grande generazione del mondo.Credito fotografico: Uchechi Anusiem

"Non solo gli stereotipi sono sbagliati", sostiene Tuff, "stanno facendo del male sia ai Millennial che alle aziende che hanno bisogno dei Millennial per operare. Piaccia o no, Millennials sono la più grande generazione della forza lavoro degli Stati Uniti, secondo Pew Research Center. Non stanno andando da nessuna parte. Per le società business-to-business, ciò significa che sia i dipendenti che i decisori dei clienti hanno maggiori probabilità di essere Millennial rispetto a qualsiasi altra generazione. E con i più giovani Millennial che si stanno laureando dal college e stanno entrando nel mondo del lavoro, i Millennials stanno prendendo il sopravvento come i più influenti del mondo B2C ".

Tuff condivide alcuni modi per costruire relazioni con i lavoratori della Millennial e dice: "Non è così difficile come potresti pensare". In effetti, la maggior parte dei leader con cui lavoro trovano un miglior coinvolgimento e relazioni migliori per essere più veloci, più facili e persino più convenienti di quanto si aspettino. "

Ecco tre modi in cui anche tu puoi diventare un "Whisperer millenario":

1. Le grandi relazioni iniziano con una grande comprensione.

Se non capisci qualcuno, come puoi costruire una relazione con loro? Tuff dice che i leader devono capire due cose sui Millennial prima di poter costruire solide relazioni con loro.

"In primo luogo, i leader devono sapere che ci sono davvero due gruppi di Millennial, i più giovani e più anziani. I Millennial più anziani sono nati negli anni '80. Non hanno avuto la tecnologia fino a quando non erano al liceo o dopo. Quando la grande recessione ha colpito nel 2008, molti si sono diplomati al liceo o al college. Alcuni erano nella forza lavoro. Sono stati colpiti direttamente dalla Grande Recessione, o perdendo il lavoro o non riuscendo a trovarne uno. Hanno imparato a diffidare delle aziende a causa delle loro esperienze dirette ", spiega Tuff.

"I giovani Millennial sono stati introdotti alla tecnologia in età precoce e frequentavano ancora la scuola elementare quando la Grande Recessione ha colpito. Quando si sono laureati, l'economia stava crescendo, ma hanno visto i loro genitori perdere il lavoro, a volte dopo decenni di lavoro per la stessa azienda. Giusto o sbagliato, vedere i loro genitori perdere il posto di lavoro fa credere loro che la fedeltà alla compagnia abbia funzionato solo in una direzione ", continua.

"In secondo luogo, i leader devono conoscere le realtà della fase della vita dei lavoratori del Millennio. I millennial ora sono negli anni '20 e '30. Molti si stanno semplicemente trasferendo da soli. Si stanno frequentando. Si stanno per sposare. Stanno avendo dei figli, o stanno lottando per farlo. Sono profondamente indebitati. Quando confrontano il loro stipendio con i loro prestiti agli studenti, si rendono conto che non possono aspettare fino a quando non sono finanziariamente sicuri per iniziare a godersi le loro vite. Quindi, cercano di trovare scopo e divertimento ora. "

Una volta capito da dove sono arrivati ​​i Millennials e cosa sta succedendo nelle loro vite, possiamo costruire relazioni molto più forti con loro.

Il libro di Tuff: The Millisant WhispererIl libro di Tuff: The Millisant Whisperer

2. Connettiti con i tuoi compagni di squadra Millennial sui social media.

La saggezza della leadership passata dice che dovrebbe esserci una divisione tra lavoro e vita personale. Quella linea è ora sfocata.

Tuff spiega, "La regola generale è quella di connettersi con loro senza essere un cagnaccio", sottolineando che i social media sono un ottimo strumento per conoscere e costruire relazioni con i lavoratori del Millennio.

"Quando vedo un dipendente postare sul suo nuovo cucciolo durante il fine settimana e posso quindi chiederlo in ufficio, sto costruendo una connessione significativa. Questo genuino interesse per le loro vite personali miete enormi benefici. Possiamo scoprire molto su qualcuno dai profili dei social media ".

Una cosa che Tuff fa notare è che i tuoi dipendenti del Millennio si sentirebbero stranamente nel trovarti come amico su Facebook come un segno rivelatore di cui hai bisogno per costruire relazioni più forti con loro in primo luogo. Se suona come te, inizia con la versione in-persona dei social media … sai … parlare con una persona di cose che sono importanti per loro.

3. Aiuta i tuoi lavoratori millenari a perseguire i loro trambusti collaterali.

Nell'esperienza di Tuff, molti Millennial sognano progetti di passione. "Si immaginano come il prossimo Mark Zuckerberg o pensano che svilupperanno il prossimo Uber o Airbnb. Se respingiamo contro di loro, vorranno solo di più e potrebbero smettere ", dice.

"Se li sosteniamo nella loro ricerca, e persino li aiutiamo, la stragrande maggioranza di loro vedrà quanto sia difficile costruire un business, grattarsi il loro prurito laterale e lasciarlo cadere con un nuovo apprezzamento per il loro lavoro quotidiano".

Tuff continua: "Ho scoperto che tutorare i miei dipendenti Millennial nella loro ricerca di trambusto laterale in realtà mostra loro alcune dure realtà. La vita imprenditoriale non è per tutti; il più delle volte, i Millennial ne hanno un piccolo assaggio e non ne vogliono più. " Se gli permetti di perseguire il loro lato, ti apprezzeranno molto il tuo sostegno e la tua relazione fiorirà.