Nate Mitchell esce da Facebook, portando con sé Oculus Era


Dalla realtà virtuale riemersa nel 2012, una parola è stata probabilmente sinonimo di tecnologia futuristica: Oculus. Questa è stata la società che ha sorpreso il mondo dei giochi sfoggiando un prototipo di cuffia che è riuscita a fare qualcosa a cui la gente aveva rinunciato. È stata la società che ha raccolto oltre $ 2 milioni su Kickstarter per rendere realtà la promessa di quel protoipo con le cuffie Oculus Rift. È stata la società che Facebook ha acquisito nel 2014 per oltre $ 3 miliardi.

Con il passare degli anni, è stata la compagnia che Facebook ha assorbito lentamente per realizzare i sogni di realtà aumentata e virtuale di Mark Zuckerberg. E oggi, con Nate Mitchell che annuncia la sua partenza da Facebook, l'ultimo dei fondatori di Oculus è andato avanti.

Mentre il Rift emerse dall'interminabile armeggiamento di Palmer Luckey, Oculus VR (come era allora noto), non era una persona, ma cinque. Il primo ad uscire è stato Andrew Riesse, che è morto tragicamente nel 2013. Poi, dopo l'acquisizione di Facebook e un po 'di rimpasto organizzativo, sono andati gli altri: Luckey è partito nel 2017, respinto dopo polemiche; L'amministratore delegato originale Brendan Iribe, che si era dimesso nel mezzo di una ristrutturazione organizzativa per dirigere la divisione PC VR dell'azienda, è partito l'anno scorso, così come l'architetto capo software Michael Antonov, che si è trasferito in un'altra divisione all'interno di Facebook. Ciò lasciò Mitchell, che era stato presso l'azienda come vicepresidente del prodotto sin dal suo inizio (e che aveva iniziato la sua carriera come stagista per Iribe presso Scaleform).

La notizia della partenza di Mitchell è arrivata per la prima volta tramite The Information, che ha procurato un promemoria che Mitchell aveva scritto ai dipendenti di Facebook. Non molto tempo dopo, il dirigente ha annunciato la notizia sulla sua pagina pubblica di Facebook, così come su r / Oculus di Reddit.

"Quando abbiamo pubblicato il Kickstarter nel 2012", ha scritto Mitchell al subreddit, "la realtà virtuale era per lo più roba da fantascienza. Non sapevamo se le persone ci avrebbero preso sul serio. Non eravamo nemmeno sicuri che avremmo colpito il nostro originale Obiettivo di $ 250.000. Ma questa comunità di tutto il mondo si è riunita e ha contribuito a trasformare la realtà virtuale in realtà. Avanzando rapidamente solo pochi anni dopo, la realtà virtuale sta cambiando la vita delle persone ogni giorno. Questo è grazie a te. "

Peter Rubin scrive di media, cultura e realtà virtuale per WIRED.

Quei pochi anni avevano anche visto cambiamenti fondamentali nell'approccio di Facebook a Oculus e all'AR / VR nel suo insieme. Dopo l'uscita delle cuffie ufficiali Oculus Rift nel 2016, l'azienda ha introdotto il dirigente Android e Xiaomi Hugo Barra per sostituire Iribe e guidare gli sforzi per la realtà virtuale di Facebook. (La partenza di Luckey potrebbe essere diventata ufficiale nel 2017, ma il cofondatore era stato persona non grata in azienda dall'anno precedente.) Questo è cambiato di nuovo quest'anno, con Barra che ha assunto un ruolo di partnership e il dirigente di Facebook Andrew Bosworth ha guidato tutti gli AR / Sforzi VR presso l'azienda. In tutto questo, Mitchell è rimasta una presenza costante come una delle facce di Oculus più pubbliche, salendo sul palco ogni anno alla conferenza degli sviluppatori di Connect e ricordando a tutti che uno dei visionari originali era ancora coinvolto.

La partenza di Mitchell non segna solo la fine della squadra fondatrice originale di Oculus, ma di tutti i team fondatori delle principali acquisizioni di prodotti di Facebook. WhatsApp e Instagram hanno visto entrambi i loro fondatori lasciare l'azienda l'anno scorso, in parte a causa della stretta presa di Facebook e delle pratiche sulla privacy. Nel complesso, i tre prodotti rappresentano un modello per le aspirazioni di ubiquità globale di Facebook: messaggistica, condivisione di foto e ciò che Zuckerberg ha definito "la piattaforma più social di sempre". Ora, sono stati interamente inclusi nella società che li ha acquistati.

Facebook effettuerà una ricerca interna ed esterna per trovare il sostituto di Mitchell, ha detto a WIRED un portavoce. Mentre la società non aveva commenti ufficiali sull'annuncio di Mitchell, alcuni dei suoi dirigenti hanno commentato il suo post su Facebook. "Nate, grazie per tutto quello che hai fatto per VR e FB", ha scritto il CTO di Facebook Mike Schroepfer. "È stato ed è un fantastico giro e un'esplosione ha funzionato con te. GRAZIE! Spero che tu possa riposarti nel modo più meritato e non vedo l'ora di vedere cosa farai dopo!"


Altre fantastiche storie CABLATE