Mancanza di manodopera della Cina – WSJ


I bambini imparano a fare lanterne in un asilo nella cittadina Xiaji della contea di Baoying, nella provincia orientale di Jiangsu, il 29 dicembre 2018.

I bambini imparano a fare lanterne in un asilo nella cittadina Xiaji della contea di Baoying, nella provincia orientale di Jiangsu, il 29 dicembre 2018.

Foto:

Xinhua / Zuma Press

Somewhere Julian Simon sta sorridendo. Negli anni '70 e '80, la Banca Mondiale, il Club di Roma, l'autore Paul Ehrlich, e le Nazioni Unite predissero la catastrofe se il governo cinese non potesse impedire alla sua gente di avere figli. Simon ha sostenuto dal suo incarico all'Università dell'Illinois che questo era sbagliato. Ha detto che il problema non erano troppi cinesi ma il sistema politico ed economico che li opprime. Simon aveva persino previsto nel 1985 che se la Cina avesse aperto la sua economia alle forze del mercato, la crescita avrebbe potuto lasciare la Cina di fronte a un travaglio carenza.

Bene, eccoci qui. L'Accademia cinese delle scienze sociali ha recentemente confermato che Simon, morto nel 1998, aveva ragione. Nel suo Libro verde sulla popolazione e il lavoro, l'accademia ora dice che la popolazione cinese inizierà a declinare nel 2030, che il declino è "inarrestabile" e che è "destinato a causare conseguenze sociali ed economiche molto sfavorevoli", specialmente in una società che sta rapidamente invecchiando.

Evento live di opinione

Unisciti a noi il 4 marzo come Paul Gigot di WSJ Opinion conduce una tavola rotonda sul "Stato delle notizie TV" tra cui Maria Bartiromo di Fox Business, Christy Tanner di CBS e l'attore di "Network" Tony Goldwyn. Incluso nel tuo ammissione all'evento è un biglietto per vedere "Network" a Broadway in una data successiva.

Ciò significa che la Cina non può più contare sulla grande forza lavoro giovane che ha guidato a lungo la sua crescita economica. Nel 2016 un professore della Renmin University ha pubblicato un documento per il Progetto di riforma della protezione sociale UE-Cina, secondo il quale entro il 2050 il tasso di crescita economica cinese scenderà al 2% a causa del declino della popolazione. Ciò a sua volta significa meno persone in età lavorativa per sostenere l'aumento degli obblighi di assistenza sanitaria e pensionistici.

La previsione di Simon per la Cina era basata su ciò che aveva visto a Singapore. Come la Cina, il governo di Singapore inizialmente ha spinto il controllo della popolazione, solo per invertire la propria posizione con politiche che ora incoraggiano i Singaporiani ad avere più figli.

C'è una lezione qui per gli esperti e le istituzioni occidentali che hanno spinto il controllo della popolazione sulle nazioni in via di sviluppo. Le loro prescrizioni hanno portato a violazioni dei diritti umani come sterilizzazioni e aborti forzati, e hanno lasciato le società che hanno preso il loro consiglio per rimediare alle spiacevoli conseguenze. Ciò include la Cina, dove tre anni fa il governo ha ufficialmente permesso alle famiglie di avere due figli invece di uno.

Ma gli sforzi per invertire il calo dei tassi di natalità con incentivi per avere figli non hanno avuto successo. Ciò è coerente con i risultati dei sussidi natalisti nell'Europa occidentale e nella maggior parte degli altri luoghi in cui sono stati processati.

Le nazioni occidentali, almeno, si sono arricchite prima di invecchiare. La Cina potrebbe essere la prima nazione a invecchiare prima che raggiunga lo stato di sviluppo. Avrebbero dovuto ascoltare Julian Simon invece della Banca Mondiale.