L'influenza della mamma può danneggiare il suo bambino non nato


News Picture: L'influenza della mamma può danneggiare il suo bambino non natoDi Steven Reinberg
HealthDay Reporter

VENERDÌ, 11 gennaio 2019 (HealthDay News) – Le donne incinte che ricevono un vaccino antinfluenzale non proteggono solo se stesse, ma anche il loro bambino in via di sviluppo, riferiscono i funzionari della sanità.

Quando una futura mamma ha l'influenza, può essere così malata che ha bisogno di essere ammessa all'unità di terapia intensiva dell'ospedale. E una nuova ricerca trova il suo bambino quindi corre il rischio di nascere pretermine, sottopeso e con un basso punteggio "Apgar" – un indicatore della salute generale di un bambino.

"I risultati supportano l'importanza delle donne in gravidanza che ricevono il vaccino antinfluenzale e del trattamento tempestivo con farmaci antivirali per le donne incinte sospettate di avere l'influenza", ha detto la ricercatrice Kim Newsome. È una scienziata della salute presso il Centro nazionale per difetti alla nascita e disabilità dello sviluppo presso i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie.

Chiunque abbia almeno 6 mesi di età dovrebbe farsi vaccinare antinfluenzale ogni anno, raccomanda il CDC. Tale linea guida è particolarmente importante per le donne in gravidanza, i giovanissimi, i molto anziani e chiunque abbia una malattia cronica. Queste persone sono ad alto rischio di complicanze influenzali, secondo il CDC.

L'influenza può variare da lieve a grave, ma è particolarmente rischiosa per le donne in gravidanza. Durante la gravidanza, le donne subiscono cambiamenti al loro sistema immunitario, cuore e polmoni che li rendono più inclini a malattie gravi da influenza durante la loro gravidanza e nelle due settimane dopo il parto, avverte l'agenzia.

Con l'influenza che si sta diffondendo in tutti gli Stati Uniti, non è ancora troppo tardi per farsi vaccinare. Tra i ceppi influenzali attivi che circolano in questa stagione sono l'influenza A H1N1 e H3N2. Il vaccino di quest'anno offre protezione contro entrambi questi ceppi.

La scorsa settimana, 19 stati hanno riferito di attività ad alta influenza, ed era diffusa in 24 stati. L'attività influenzale è stata elevata in Alabama, Arizona, Colorado, Georgia, Illinois, Indiana, Kansas, Kentucky, Louisiana, Massachusetts, Mississippi, Nevada, New Jersey, Nuovo Messico, Oklahoma, Carolina del Sud, Texas, Utah e Virginia, secondo il CDC .

Per la loro ricerca, Newsome ei suoi colleghi hanno studiato i dati del 2009 su 490 donne incinte con influenza e quasi 1.500 donne incinte che non hanno avuto l'influenza quell'anno.

Nel 2009, l'influenza H1N1 era a livelli pandemici. Circa 60 milioni di americani hanno contratto l'influenza, ben 400.000 sono stati ricoverati in ospedale e fino a 18.000 sono morti, ha riferito il CDC.

L'anno scorso, quando il più virulento virus H3N2 era predominante, altri milioni si ammalarono, quasi 1 milione fu ricoverato in ospedale e ben 80.000 morirono, secondo il CDC.

Nel 2009, le donne incinte che erano state ammesse in un reparto di terapia intensiva per l'influenza avevano maggiori probabilità di fornire neonati pretermine, neonati con basso peso alla nascita e neonati con bassi punteggi Apgar, rispetto alle donne che non erano contrarie all'influenza.

Le donne con l'influenza che non sono state ricoverate in ospedale o sono state ricoverate in ospedale ma non sono state ammesse al reparto di terapia intensiva non hanno avuto rischi significativamente più alti per nessuna delle complicanze studiate, hanno detto i ricercatori.

Il rapporto è stato pubblicato il 9 gennaio sul giornale Ricerca sui difetti alla nascita.

Il Dr. Rahul Gupta è il capo medico e ufficiale della salute al March of Dimes. "Il tasso di vaccinazione antinfluenzale delle donne in età fertile, specialmente quelle del primo trimestre [of pregnancy], è inaccettabilmente basso ", ha detto.

Anche se il vaccino non è efficace al 100% nella prevenzione dell'influenza, Gupta ha notato che le persone vaccinate e che hanno l'influenza hanno un caso molto più lieve.

"Ottenere il vaccino antinfluenzale precocemente in gravidanza è una delle cose più importanti che puoi fare per te come una mamma in attesa", ha detto.

Gupta pensa che il movimento anti-vaccino abbia creato dubbi sulla sicurezza del vaccino antinfluenzale durante la gravidanza.

"Nonostante i falsi dati sul legame dei vaccini con l'autismo, alcuni sono comprensibilmente cauti e possono credere erroneamente che il vaccino possa essere dannoso", ha detto.

Ma ammalarsi di influenza precoce in gravidanza rende il doppio delle probabilità di avere un bambino con difetti alla nascita del cervello, della colonna vertebrale o del cuore, ha detto Gupta.

Le donne che non sono sicure di dover prendere una vaccinazione antinfluenzale dovrebbero discutere con un medico, ha detto.

"Avere una discussione con un fornitore di assistenza sanitaria è fondamentale", ha detto Gupta. "È qui che puoi rispondere alle tue domande e chiarire i tuoi dubbi."

Essere vaccinati è un'altra cosa che puoi fare – come assumere vitamine, mangiare bene, fare esercizio fisico e non bere o fumare – per garantire la salute del tuo bambino, ha spiegato.

"Ecco un altro passo proattivo che puoi fare per proteggere il tuo bambino", ha detto Gupta di un vaccino antinfluenzale. "Per me, è davvero un gioco da ragazzi."

MedicalNews
Copyright © 2019 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

FONTI: Kim Newsome, M.P.H., scienziato sanitario, Centro nazionale per difetti alla nascita e disabilità dello sviluppo, Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie; Rahul Gupta, M.D., capo medico e ufficiale sanitario, March of Dimes; 9 gennaio 2019, Ricerca sui difetti alla nascita

A partire dal Logo WebMD

Soluzioni sanitarie Dai nostri sponsor