L'India ha in mente un nuovo obiettivo planetario: Venere


L'India ha lanciato solo tre veicoli spaziali per la scienza planetaria, ma il paese sta già cercando una nuova destinazione: Venere.

Scienziati e ingegneri al Organizzazione indiana per la ricerca spaziale (ISRO) hanno inviato i piani per un orbita di Venere al governo nazionale indiano e sperano che otterranno l'approvazione per andare avanti con la missione. L'astronave potrebbe essere lanciata in pochi anni e avrebbe trasportato più di una dozzina di strumenti.

"L'obiettivo principale è quello di mappare la superficie e il sottosuolo venusiano", ha dichiarato Nigar Shaji, uno scienziato dell'ISRO, a un gruppo di esperti venus durante un incontro tenutosi questa settimana in Colorado.

Relazionato: Lo strano caso del lampo mancante a Venere

Secondo Shaji, l'orbiter di Venere che ISRO sta progettando sarebbe in grado di creare un tale set di dati per Venere in circa un anno. Inoltre mappatura della superficie stesso, guardando un po 'più in profondità nel pianeta dovrebbe aiutare gli scienziati a identificare i punti caldi vulcanici sparsi per Venere.

Gli strumenti a bordo del veicolo spaziale avrebbero anche studiato l'atmosfera e la ionosfera del pianeta, nonché il modo in cui Venere interagisce con l'ambiente circostante, ha detto Shaji. ISRO ha identificato 16 strumenti di scienziati indiani che vorrebbe volare. Questi includono strumenti incentrati sul monitoraggio dei cloud, l'identificazione fulmini, studiando il misterioso bagliore d'aria del pianeta e misurando le particelle di plasma altamente cariche che passano da Venere in uscita dal sole.

Altri pochi strumenti provenivano da partenariati internazionali. Tre di questi sono stati proposti dagli scienziati statunitensi, ma Shaji ha affermato che l'ISRO comprende che il finanziamento di tali strumenti non è praticabile, quindi l'agenzia sta attualmente ipotizzando che il trio non volerà.

Se la missione verrà approvata, l'astronave potrebbe lanciarsi nel giugno 2023 su uno degli ISRO Veicoli di lancio satellitari geosincroni, lo stesso tipo di veicolo che ha lanciato la missione indiana Chandrayaan-2 sulla luna quest'estate.

Nella storia dei lanci in India, quella navicella spaziale ha seguito il suo predecessore, lanciato nel 2009, e il Mars Orbiter Mission, che è stato lanciato nel 2013. L'ISRO ha anche discusso del ritorno sul Pianeta Rosso, ma i tempi preliminari suggeriscono che una tale missione sarebbe probabilmente lanciata dopo l'orbita di Venere.

Manda un'email a Meghan Bartels a mbartels@space.com o seguila @meghanbartels. Seguici su Twitter @Spacedotcom e via Facebook.

Tutto su Space Holiday 2019

(Credito immagine: All About Space)