L'affare potrebbe essere spento?



<div _ngcontent-c15 = "" innerhtml = "

Per quanto grande e potente sia la città, le elezioni per il suo governo locale non genererebbero normalmente interesse internazionale. Quelli in Russia l'8 settembre – quando i candidati al Cremlino hanno subito battute d'arresto – sono diversi. Ecco perché. & Nbsp;

Nei 20 anni in cui Vladimir Putin è stato al vertice della politica russa – come presidente o primo ministro – questo è stato l'accordo: sopportare i limiti delle libertà politiche e, in cambio, ci assicureremo che tu ottenga un stile di vita migliore.

Per un paese in cui il crollo delle certezze legate al comunismo ha comportato che milioni di persone stessero peggio, spesso al punto da preoccuparsi della provenienza della prossima busta paga, non è stato un affare difficile da vendere.

Le elezioni dell'8 settembre hanno visto concorsi per il consiglio comunale di Mosca, nonché gare governative in altre regioni. La Russia unita, il partito che sostiene immancabilmente Putin, è riuscito a mantenere il controllo del consiglio comunale di Mosca, ma perso un terzo dei suoi seggi nel processo.

Ciò non doveva accadere, soprattutto dopo che le autorità hanno preso la decisione di rifiutare di registrare i candidati dell'opposizione.

Ciò ha spinto alcune delle più grandi manifestazioni di strada viste nella capitale russa in questo decennio. I rapporti lo hanno suggerito 50.000 persone sono uscite il 10 agosto per protestare contro il divieto.

Le autorità avevano negato il permesso per una simile protesta la settimana prima. Poliziotti arrestato centinaia di manifestanti , sebbene molti furono presto rilasciati.

Perché stanno scendendo in strada? Alcuni, una generazione più giovane che ha conosciuto la Russia solo con Putin al potere, sono motivati ​​dal desiderio di una maggiore scelta politica.

Ispirato al politico dell'opposizione, Alexei Navalny–che ha consigliato un sistema di "voto intelligente" per sostenere candidati diversi da quelli alleati con la Russia Unita, sembrano aver contribuito a ottenere un risultato che farà riflettere il Cremlino.

È importante tenerlo in prospettiva. Il sondaggio del consiglio comunale di Mosca non è rappresentativo dell'intera Russia. In altre regioni, i candidati pro-Cremlino si sono comportati generalmente bene. Il fatturato nella capitale è stato solo del 22%.

Tuttavia è significativo e può indicare la strada per una tendenza a lungo termine. Qualsiasi leader politico può subire battute d'arresto elettorali a medio termine, ma Putin di solito non deve.

Standard di vita in calo, e proteste nel 2018 rispetto alle riforme pensionistiche, presentano potenziali minacce più serie alla popolarità duratura del presidente russo.

Non ci siamo ancora. Non sarebbe saggio sottovalutare le capacità politiche e la capacità di Putin di sopravvivere.

La vera sfida per il Cremlino potrebbe arrivare se ai ranghi dei manifestanti politici si unissero altri disgraziati economicamente. Ciò potrebbe significare che l'accordo che ha gestito la Russia per due decenni potrebbe essere sospeso.

">

Per quanto grande e potente sia la città, le elezioni per il suo governo locale non genererebbero normalmente interesse internazionale. Quelli in Russia l'8 settembre – quando i candidati al Cremlino hanno subito battute d'arresto – sono diversi. Ecco perché.

Nei 20 anni in cui Vladimir Putin è stato al vertice della politica russa – come presidente o primo ministro – questo è stato l'accordo: sopportare i limiti delle libertà politiche e, in cambio, ci assicureremo che tu ottenga un stile di vita migliore.

Per un paese in cui il crollo delle certezze legate al comunismo ha comportato che milioni di persone stessero peggio, spesso al punto da preoccuparsi della provenienza della prossima busta paga, non è stato un affare difficile da vendere.

Le elezioni dell'8 settembre hanno visto concorsi per il consiglio comunale di Mosca, nonché gare governative in altre regioni. La Russia unita, il partito che sostiene immancabilmente Putin, è riuscito a mantenere il controllo del consiglio comunale di Mosca, ma ha perso un terzo dei suoi seggi nel processo.

Ciò non doveva accadere, soprattutto dopo che le autorità hanno preso la decisione di rifiutare di registrare i candidati dell'opposizione.

Ciò ha spinto alcune delle più grandi manifestazioni di strada viste nella capitale russa in questo decennio. I rapporti suggeriscono che 50.000 persone sono uscite il 10 agosto per protestare contro il divieto.

Le autorità avevano negato il permesso per una simile protesta la settimana prima. Gli agenti di polizia hanno arrestato centinaia di manifestanti, sebbene molti siano stati presto rilasciati.

Perché stanno scendendo in strada? Alcuni, una generazione più giovane che ha conosciuto la Russia solo con Putin al potere, sono motivati ​​dal desiderio di una maggiore scelta politica.

Ispirati dal politico dell'opposizione, Alexei Navalny, che ha consigliato un sistema di "voto intelligente" per sostenere candidati diversi da quelli alleati con la Russia unita, sembrano aver contribuito a ottenere un risultato che farà riflettere il Cremlino.

È importante tenerlo in prospettiva. Il sondaggio del consiglio comunale di Mosca non è rappresentativo dell'intera Russia. In altre regioni, i candidati pro-Cremlino si sono comportati generalmente bene. Il fatturato nella capitale è stato solo del 22%.

Tuttavia è significativo e può indicare la strada per una tendenza a lungo termine. Qualsiasi leader politico può subire battute d'arresto elettorali a medio termine, ma Putin di solito non deve.

Il declino del tenore di vita e le proteste nel 2018 per le riforme delle pensioni, presentano potenziali minacce più serie alla popolarità duratura del presidente russo.

Non ci siamo ancora. Non sarebbe saggio sottovalutare le capacità politiche e la capacità di Putin di sopravvivere.

La vera sfida per il Cremlino potrebbe arrivare se ai ranghi dei manifestanti politici si unissero altri disgraziati economicamente. Ciò potrebbe significare che l'accordo che ha gestito la Russia per due decenni potrebbe essere sospeso.