La giuria della California assegna $ 29 milioni a una donna con cancro che ha usato J & J Talc


(Reuters) – Una giuria californiana ha assegnato 29 milioni di dollari a una donna che ha affermato che l'amianto presente nei prodotti a base di polvere di talco di Johnson & Johnson ha causato il suo cancro.

Il verdetto, nella Corte Superiore della California a Oakland, segna l'ultima sconfitta per il conglomerato sanitario di fronte a oltre 13.000 cause legali legate al talco a livello nazionale.

J & J ha dichiarato che farebbe appello, citando "seri errori procedurali e probatori" nel corso del processo, dicendo che gli avvocati della donna avevano fondamentalmente omesso di mostrare che la polvere per neonati conteneva amianto. La società non ha fornito ulteriori dettagli sui presunti errori durante il processo.

"Rispettiamo il processo legale e ribadiamo che i verdetti della giuria non sono conclusioni mediche, scientifiche o normative su un prodotto", ha detto J & J in una dichiarazione di mercoledì.

La New Brunswick, società con sede nel New Jersey, nega che il suo talco causi il cancro, affermando che numerosi studi e test condotti da regolatori di tutto il mondo hanno dimostrato che il suo talco è sicuro e privo di amianto.

La causa è stata intentata da Terry Leavitt, che ha dichiarato di aver usato Johnson's Baby Powder e Shower to Shower – un'altra polvere contenente talco venduto da J & J in passato – negli anni '60 e '70 e che nel 2017 è stato diagnosticato un mesotelioma. Era il primo di più di una dozzina di casi di talco J & J programmati per il processo nel 2019. Il processo di nove settimane è iniziato il 7 gennaio e ha incluso testimonianze di quasi una dozzina di esperti di entrambe le parti.

La giuria ha deliberato per due giorni prima di pronunciare il suo verdetto, che è stato trasmesso online da Courtroom View Network.

I giurati hanno scoperto che i prodotti a base di talco di J & J utilizzati da Leavitt erano difettosi e che la società non aveva avvertito i consumatori dei rischi per la salute, concedendo $ 29,4 milioni di danni a Leavitt e suo marito. La giuria ha rifiutato di assegnare danni punitivi.

"Un'altra giuria ha respinto le affermazioni ingannevoli di J & J secondo cui il suo talco era privo di amianto", ha detto Moshe Maimon, un avvocato di Leavitt, in una dichiarazione rilasciata mercoledì. "I documenti interni di J & J che la giuria ha visto, hanno messo ancora una volta a nudo la verità sconvolgente di decenni di occultamento, inganno e occultamento di J & J".

Leavitt è stato il primo caso talco ad andare in processo da quando Reuters il 14 dicembre ha pubblicato un rapporto in cui J & J sapeva che il talco nelle sue polveri grezzi e finiti a volte risultava positivo per piccole quantità di amianto dagli anni '70 ai primi anni 2000 – risultati dei test non ha rivelato a regolatori o ai consumatori.

Il processo di Leavitt comprendeva in origine il fornitore di talco di J & J, Imerys Talc America, una unità di Imerys SE, come co-imputato. Il giudice della Corte Superiore della California Brad Seligman, che ha supervisionato il processo, ha detto ai giurati a febbraio che la società non faceva più parte del caso dopo aver presentato una richiesta di protezione contro il fallimento del Capitolo 11 sotto il peso del contenzioso sul talco.

Mentre precedenti cause del talco presunto talco causano il cancro ovarico, gli avvocati dei querelanti hanno più recentemente focalizzato sulla discussione della contaminazione da amianto nel cancro del ovco e del mesotelioma provocato dal talco, una forma di cancro legata all'esposizione all'amianto.

In 11 casi finora relativi alla contaminazione da amianto nel talco, tre hanno portato a vittorie per querelanti, assegnando danni fino a $ 4,69 miliardi in un verdetto del cancro ovarico multi-attore del luglio 2018. J & J ha vinto altri tre casi e altri cinque sono finiti in giurie appese.

J & J ha fatto appello contro tutti i verdetti della querelante, e la compagnia ha detto che è sicuro che i verdetti saranno annullati in appello.