Il ragazzo muore per l'infezione da ameba "mangia-cervello" rilevata nella primavera calda



Un ragazzo in California è morto per un raro ameba "mangia-cervello" infezione dopo il nuoto in una sorgente termale, secondo un nuovo rapporto.

Nell'ottobre 2018, il ragazzo ha nuotato in una piscina naturale d'acqua dolce in un'area conosciuta come Hot Ditch, un popolare luogo ricreativo nella regione della Sierra orientale della California, alimentato da acqua calda di sorgente e spesso visitato da residenti e turisti. Dodici giorni dopo, i sintomi insorsero. Dopo due giorni di febbre, mal di testa e vomito, il ragazzo fu portato in un reparto di terapia intensiva nel sud della California, dove ebbe problemi respiratori.

Una TAC ha rivelato gonfiore nel cervello; quando i medici campionarono il liquido cerebrospinale attraverso la colonna vertebrale inferiore del paziente, scoprirono i microrganismi noti come Naegleria fowleri. Il caso è stato descritto oggi (13 settembre) nel Rapporto settimanale su morbilità e mortalità, pubblicato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

N. fowleri, un organismo unicellulare trovato in corpi d'acqua dolce caldi, può entrare nel cervello solo attraverso il naso, secondo il CDC. L'ameba non può essere contratta inghiottendo acqua contaminata. Una volta dentro il cervello, l'ameba si moltiplica per nutrendosi di tessuto cerebrale, causando spessocondizione fatale nota come meningoencefalite amebica primaria (PAM). Quando il tessuto nervoso viene distrutto, l'organo si gonfia pericolosamente. Dei 145 individui noti che hanno contratto N. fowleri negli Stati Uniti tra il 1962 e il 2018, solo quattro sopravvissuto l'infezione, ha scritto il CDC.

Relazionato 5 fatti chiave sull'ameba che mangia il cervello

Il ragazzo della California è morto dopo tre giorni di cure in ospedale. Lo sfortunato incidente segna il nono caso di PAM nello stato dal primo segnalato nel 1971 e si pone come il terzo caso in un paziente esposto all'acqua di sorgente, in particolare, secondo la MMWR. L'infezione è rara, ma si verifica più frequentemente negli stati del sud e nei giovani maschi esposti alle acque calde durante l'estate. Oggi (13 settembre), un altro caso è stato segnalato in Texas dove una ragazza di nome Lily Mae ha contratto l'infezione dopo aver nuotato nel fiume Brazos, secondo KWTX.

Il CDC osserva che testare un corpo idrico per N. fowleri può richiedere settimane e non è disponibile alcun test più rapido. Le persone che nuotano in acqua dolce calda dovrebbero prendere atto del basso rischio, ma possono farlo proteggere loro stessi impedendo all'acqua di risalire il naso. Il rischio aumenta leggermente nei momenti in cui i livelli dell'acqua scendono e picchi di temperatura dell'acqua, secondo a Dichiarazione del 2019 dal Dipartimento della salute e dei servizi umani della Carolina del Nord.

"I casi sono estremamente rari, nonostante i milioni di persone che nuotano nei laghi e nei fiumi ogni anno", ha detto a KWTX il portavoce del Dipartimento dei servizi sanitari dello Stato del Texas, Chris Van Deusen.

Originariamente pubblicato il Scienza dal vivo.