Il mega tsunami ha seguito l'impatto dell'asteroide che uccide i dinosauri



L'asteroide che uccide i dinosauri che ha colpito la Terra circa 66 milioni di anni fa probabilmente ha generato un enorme tsunami, secondo una nuova ricerca.

Un team di scienziati ha scavato Cratere Chicxulub, che è la cicatrice rimasta dall'impatto che si trova sulla penisola dello Yucatan in Messico. Lì recuperarono rocce tra i 1.640 piedi e i 4.260 piedi (500 metri e 1.300 metri) sotto la superficie.

"Questa ricerca aiuta a rispondere alla domanda allettante di ciò che è accaduto immediatamente dopo uno degli eventi più significativi della storia della Terra", il coautore Kliti Grice, geochimico presso la Curtin University in Australia, detto in una dichiarazione. Questo impatto non è stato solo mortale per i dinosauri, Notò Grice, ma uccise anche circa i tre quarti di tutte le specie animali e vegetali di tutto il mondo.

Relazionato: Impatto con asteroidi Chicxulub: il Dino-Killer che gli scienziati hanno riso

I ricercatori hanno analizzato campioni dell'anello di picco del nucleo del cratere, alla ricerca di molecole come gli idrocarburi policiclici aromatici (PAH), che sono composti organici contenenti carbonio e idrogeno. ("Aromatico" non si riferisce all'odore delle molecole, ma piuttosto la loro forma ad anello.) Nei campioni, gli scienziati hanno cercato un IPA chiamato perilene, che proviene da un pigmento prodotto da funghi che degradano il legno.

La presenza del composto suggerisce che uno tsunami alto diverse centinaia di piedi (o metri) "ha allagato il cratere a pochi giorni dall'impatto dell'asteroide", ha detto Grice. "L'abbondanza di perilene all'interno del cratere è il risultato del suo trasporto da parte del suolo e detriti di piante terrestri trasportati dal tsunami".

Le conseguenze dell'impatto furono catastrofiche: prima un rapido inferno, poi un lungo periodo di raffreddamento. La maggior parte delle specie vive all'epoca non poteva tollerare i drammatici sbalzi di temperatura e perì. "Li abbiamo fritti e poi li abbiamo congelati", l'autore principale Sean Gulick, un geoscienziato dell'Università del Texas come Austin, detto in una dichiarazione. "Non tutti i dinosauri sono morti quel giorno, ma molti dinosauri lo hanno fatto."

La ricerca è descritta in un documento pubblicato lunedì (9 settembre) sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences.

Segui Elizabeth Howell su Twitter @howellspace. Seguici su Twitter @Spacedotcom e via Facebook.