Il colosso tecnologico cinese Huawei ha sviluppato il proprio sistema operativo come un "piano B" nel caso in cui il governo degli Stati Uniti impedisca l'utilizzo dei prodotti Google e Microsoft


Il colosso della tecnologia cinese Huawei ha confermato di aver sviluppato un proprio sistema operativo che potrebbe sostituire l'Android di Google e Windows di Microsoft se si dovesse impedire l'utilizzo di prodotti di produzione americana, secondo un recente rapporto del quotidiano tedesco Die Welt.

La prospettiva di essere banditi da tali prodotti si è intensificata per Huawei in seguito alla recente causa intentata contro il governo degli Stati Uniti.

"Abbiamo preparato il nostro sistema operativo: se mai dovesse succedere che non potessimo più utilizzare questi sistemi, saremmo preparati", ha detto l'amministratore delegato di Huawei, secondo una traduzione del testo originale in tedesco.

Un portavoce di Huawei non ha risposto immediatamente alla richiesta di Business Insider di commentare il rapporto.

Huawei ha citato in giudizio il governo degli Stati Uniti per non aver permesso ai suoi funzionari federali di usare le apparecchiature di telecomunicazione dell'azienda cinese per motivi di sicurezza. La società ha affermato che il governo degli Stati Uniti non è riuscito a fornire prove a sostegno delle affermazioni sulla sicurezza e che gli Stati Uniti agiscono in modo incostituzionale.

Leggi di più: L'amministrazione Trump sta avvertendo gli alleati di stare alla larga da una potente compagnia cinese – ma non tutti ascoltano

Huawei ha lavorato alla costruzione del proprio sistema operativo sin dal 2012, secondo il South China Morning Post. Il completamento di tali sforzi era stato precedentemente sconosciuto fino alla recente relazione di Die Welt.

Attualmente Huawei utilizza il sistema operativo Android per i suoi dispositivi smartphone e Windows per laptop e tablet.

Yu ha detto che passare alla piattaforma interna di Huawei era il "piano B" dell'azienda e che "ovviamente preferiamo lavorare con gli ecosistemi di Google e Microsoft".