I proprietari di attività commerciali si dichiarano contrari a una pratica di annunci Google


Gli arrangiamenti commestibili – il frutto sul bastone, i cesti regalo – vengono spesso inviati per occasioni gioiose: compleanni, lauree e promozioni di lavoro, solo per citarne alcuni. Tariq Farid, fondatore e CEO dell'azienda, tuttavia, non è stato personalmente traboccante di sentimenti confusi ultimamente.

Come Farid ha detto a Business Insider in una recente intervista, ciò è principalmente dovuto a una pratica pubblicitaria di Google che dice che sta "uccidendo" il business per i suoi 1.100 proprietari di franchising in tutto il paese. In risposta, Edible Arrangements ha intentato diverse cause contro Google per le sue pratiche pubblicitarie, in un momento in cui i regolatori governativi stanno indagando sul gigante della tecnologia per problemi di antitrust, in particolare per quanto riguarda la sua attività pubblicitaria.

Leggi di più: 50 procuratori generali dello stato hanno lanciato un'indagine formale sul fatto che Google abbia intrapreso pratiche anticoncorrenziali nella sua attività di pubblicità

Il problema, ha affermato Farid, inizia quando qualcuno digita il nome della sua azienda – "Accordi commestibili" – in Google. Anche se il sito Web della società è il primo risultato di ricerca organico di Google, non è elencato nella parte superiore della pagina. I primi posti sono riservati agli annunci pubblicitari e vengono assegnati alle aziende che pagano più denaro per il termine di ricerca di parole chiave "Accordi commestibili".

Ciò significa che, per rimanere in cima ai risultati di ricerca di Google, Farid e il suo team devono fare offerte per il proprio marchio commerciale per battere i concorrenti.

"Google lo sta manipolando a proprio vantaggio", ha detto Farid. "Sto bene quando si tratta di termini generici come" frutta "o" cestino ". Ma non per "Accordi commestibili", che è il nostro marchio. Google è uscito e ha iniziato a guadagnare milioni di dollari con il nostro nome ".

La pratica pubblicitaria, nota nel settore come "conquista", non è rara o del tutto unica rispetto al modo in cui Google fa affari. Ad esempio, durante la ricerca su Amazon di un determinato prodotto, probabilmente compariranno prodotti simili della concorrenza. Il posizionamento del prodotto spesso non è gratuito. Inoltre, durante la ricerca nell'app store di Apple, gli annunci delle app della concorrenza saranno spesso i migliori risultati.

Tuttavia, il coinvolgimento di Google nella "conquista" ha sollevato domande negli ultimi tempi, in particolare con agenzie federali e statali che ora stanno indagando formalmente sul colosso della ricerca in merito a potenziali violazioni dell'antitrust. Questo lunedì, cinquanta avvocati dello stato hanno annunciato un'indagine congiunta per verificare se le attività pubblicitarie di Google si sono avventurate in pratiche potenzialmente monopolistiche.

Forzare le aziende a spendere un sacco di soldi solo per rimanere in cima ai risultati di ricerca per il proprio nome potrebbe potenzialmente aumentare le bandiere rosse per i regolatori.

Un accordo commestibile "Grazie"
Accordi commestibili

In risposta alla pratica pubblicitaria, Edible Arrangements ha intentato una causa da 200 milioni di dollari contro Google per violazione del marchio all'inizio del 2018. Tale caso è stato spostato in arbitrato ed è ancora pendente.

In un caso più recente, presentato nel dicembre 2018 nello stato della Georgia, dove ha sede la sede degli accordi commestibili, la società di regali sta facendo causa a Google per furto.

"Questo è un caso semplice", si legge nella causa. "Google non può prendere la proprietà di qualcun altro – in questo caso, la proprietà dell'IP commestibile – e venderla su Internet."

La causa Georgia è stata ascoltata l'ultima volta davanti a un giudice il 9 agosto, quando Edible Arrangements ha discusso contro la mozione di Google di archiviare il caso. È ancora pendente una decisione preliminare.

Un portavoce di Google ha rifiutato la richiesta di Business Insider di commentare il caso.

Il portavoce ha confermato la sua pratica di annunci pubblicitari che consente alle aziende di fare offerte su altri marchi commerciali, ma ha detto che proibisce l'uso del nome di un concorrente nel testo reale dell'annuncio se è ritenuto dannoso.

"Per termini con marchio commerciale come il nome di un'azienda, la nostra politica bilancia l'interesse sia degli utenti che degli inserzionisti. Come altre piattaforme, consentiamo ai concorrenti di fare offerte sui termini commerciali poiché offre agli utenti una scelta più ampia durante la ricerca", ha affermato il portavoce di Google . "Tuttavia, se un proprietario di un marchio presenta un reclamo, impediremo ai concorrenti di utilizzare il loro nome commerciale nel testo dell'annuncio reale."

Farid ha dichiarato che i proprietari di franchising di Edible Arrangement – che condividono collettivamente il costo delle spese di marketing – hanno speso oltre $ 3 milioni nel 2018 per fare offerte per il proprio nome dell'azienda. Quella spesa, tuttavia, non era sostenibile, ha detto, e da allora l'azienda ha ridotto le sue offerte.

Oggi, quando si cerca "Accordi commestibili" su Google, gli annunci per i suoi concorrenti, come 1-800 Flowers e Shari's Berries, appaiono spesso in cima ai risultati.

Se Edible Arrangements avrà successo in una delle sue cause contro Google, potrebbero essere posti limiti all'attuale presa del gigante della tecnologia sulle aziende in lizza per il miglior posizionamento.

"Spero che le persone capiscano cosa [Google is] fare è uccidere le principali attività di strada ", ha detto Farid," quando qualcuno non può permettersi di fare pubblicità perché deve fare pubblicità solo per proteggere e sorvegliare il proprio nome, sta colpendo le piccole imprese ".

"Il tutto sembra solo marcio e un esempio di Google che abusa del suo potere."

Un'altra società, che non sta portando Google in tribunale, ma ancora in armi sulla questione, è Basecamp, uno strumento di gestione del progetto.

La scorsa settimana, Jason Fried, fondatore e CEO di Basecamp, ha twittato le sue frustrazioni per la pratica, definendola "un frullato" e "riscatto". Il tweet di Fried è stato anche accompagnato dall'annuncio che la sua azienda stava pubblicando per protestare contro la pratica di Google, che recitava in parte: "Non vogliamo pubblicare questo annuncio. Siamo il risultato numero 1, ma questo sito consente alle aziende di fare pubblicità contro di noi usando il nostro marchio. Quindi eccoci qui ".

Fried ha dichiarato a Business Insider in un'intervista questa settimana che gran parte della sua frustrazione per la pratica è come appare controintuitivo alla missione dichiarata di Google di fornire risultati di ricerca pertinenti agli utenti.

"Non capisco come puoi essere il numero uno in un risultato organico per il tuo marchio, ma in realtà mostrarti quinto perché hai quattro annunci davanti a te che [Google is] felice di vendere ", ha detto Fried." Questi annunci non sono per nulla pertinenti quanto il tuo marchio, cosa che la gente sta chiaramente cercando. Il tutto sembra semplicemente marcio e un esempio di Google che abusa del suo potere ".

Flickr / Jason McELweenie

Il dirigente della Basecamp ha anche sollevato domande sul perché gli annunci di Google, che una volta erano chiaramente definiti da uno sfondo di colore giallo, sono cresciuti sempre più per assomigliare più a risultati organici. Questo può portare alla confusione dei clienti, ha affermato Fried. Può anche portare qualcuno a comprare un prodotto della concorrenza rispetto al prodotto che aveva inizialmente cercato.

"Nel corso degli anni, le pubblicità sono diventate sempre meno evidenti", ha detto Fried. "Il tutto sta oscurando la verità, che è come, per cosa stanno pagando le persone e cosa dovrebbero ottenere le persone in termini di pertinenza e intento."

Per quanto riguarda se i regolatori governativi porteranno sollievo a queste preoccupazioni, Fried rimane almeno fiducioso, dicendo che sembra che la supervisione federale possa essere uno degli unici modi in cui i cambiamenti saranno fatti.

"Non credo che Google si offrirà volontario per apportare modifiche", ha detto Fried. "Faranno quello che devono fare per estrarre quanti più soldi possibile dalle persone. Questa è la storia. Ecco come si comportano tutte queste aziende."

Hai un consiglio? Contatta questo giornalista tramite Signal o WhatsApp al numero +1 (209) 730-3387 utilizzando un telefono non di lavoro, e-mail all'indirizzo nbastone@businessinsider.com, Telegram su nickbastone o Twitter DM su@nickbastone.