Facebook cerca di rendere più utili le spiegazioni sul targeting degli annunci: TechCrunch


Facebook ha aggiunto nuovi strumenti per fornire una maggiore trasparenza sul perché gli utenti vedono determinati annunci e contenuti (e cosa possono fare al riguardo), ma in un post sul blog oggi, il Product Manager Sreethu Thulasi ha scritto: "Abbiamo sentito il feedback delle persone che possono essere ancora difficile da capire e difficile da navigare. "

Per far fronte a ciò, la società ha detto che sta facendo due cambiamenti. Innanzitutto, quando selezioni l'opzione "Perché vedo questo annuncio?" Su un annuncio, riceverai maggiori informazioni:

In passato, "Perché vedo questo annuncio?" Ha evidenziato uno o due dei motivi più rilevanti, come le informazioni demografiche o che potresti aver visitato un sito web. Ora vedrai un targeting più dettagliato, inclusi gli interessi o le categorie che ti corrispondono ad uno specifico annuncio. Sarà anche più chiaro da dove provengono tali informazioni (ad esempio il sito Web che potresti aver visitato o la pagina che potresti aver gradito) e metteremo in evidenza i controlli che puoi utilizzare per adattare facilmente la tua esperienza.

Un video di accompagnamento mostra come un utente può scavare in un annuncio per vedere in che modo i propri interessi, la posizione, le informazioni demografiche e una visita passata sul sito web dell'inserzionista hanno avuto un ruolo nel targeting. Se non ti piace ciò che vedi, puoi modificare i tuoi interessi su Facebook o puoi fare clic sulla sezione "Cosa puoi fare", che indicherà opzioni come il blocco di tutti gli annunci di quell'inserzionista o la limitazione dei dati personali questo è condiviso da aziende di terze parti.

Parlando di dati di terze parti, Facebook ha detto che ti sta anche raccontando delle attività che stanno caricando dati su di te, dividendo l'elenco (che si trova nelle Preferenze degli annunci) in due sezioni: una che mostra agli inserzionisti che hanno caricato un elenco con le tue informazioni e l'ha utilizzato per pubblicare un annuncio negli ultimi sette giorni e un altro di aziende che hanno condiviso elenchi con i tuoi dati, insieme agli inserzionisti che hanno utilizzato tali dati per mostrarti un annuncio negli ultimi sette giorni.

Come molti strumenti per la privacy, questi potrebbero non essere utilizzati dalla maggior parte degli utenti di Facebook. Ma per coloro che siamo curioso o preoccupato, questo sembra un modo chiaro per rendere le informazioni accessibili senza ammutolire troppo.

E, naturalmente, questo è solo uno dei numerosi passi che Facebook ha intrapreso di recente per aumentare la trasparenza in quanto deve affrontare il controllo normativo (e anche le proposte per una rottura).