Ecco come svapare invece fogli sciolti


Centinaia di persone in almeno 25 stati degli Stati Uniti sono stati afflitti da una misteriosa malattia polmonare legata a cartucce di THC contaminate. Almeno sei sono morti. Funzionari governativi e professionisti medici esortano le persone a smettere immediatamente di usare questi prodotti.

Mentre in precedenza si sospettava che la colpa fosse delle cartucce di erba infestanti, i recenti rapporti indicano che anche produttori e distributori affidabili potrebbero vendere un prodotto mortale. Gli esperti ritengono che non siano la cannabis o il THC a causare la malattia, ma gli additivi come vitamina E, PG e PEG. Questi sono disponibili in forma di olio e vengono utilizzati per tagliare gli estratti di THC al fine di renderli più facili da vaporizzare.

PG e PEG hanno dimostrato di degradarsi in sostanze cancerogene, compresa la formaldeide, a temperature intorno a 450F. I consumatori vaporizzano regolarmente a temperature superiori a 475F. L'olio di vitamina E, d'altra parte, si trasforma in acetato. L'introduzione di vitamina E acetato nel sistema respiratorio umano è nota per causare polmonite lipoide e malattia polmonare cronica.

Ecco il grosso problema: non esiste alcuna vera supervisione o regolamentazione quando si tratta di prodotti di consumo nell'industria della cannabis.

Il presidente Donald Trump dovrebbe emettere un divieto di sigarette elettroniche aromatizzate oggi in risposta alla crisi, ma è chiaro che ha lo scopo di frenare lo svapo di adolescenti e non ha assolutamente nulla a che fare con la soluzione del problema degli additivi chimici nelle cartucce di THC che fanno ammalare le persone.

A meno che tu non riesca a portare le tue cartucce personali in un laboratorio, probabilmente non c'è modo per te di determinare se sono sicure, indipendentemente da dove o come le hai acquistate. Non esistono normative federali che richiedono ai produttori di cartucce o ai fornitori di estratti di THC di testare sostanze come la vitamina E o il suo acetato derivato. E, per quanto ne sappiamo, non ci sono nemmeno regolamenti statali o locali che lo richiedano.

In altre parole, fai una canna, mangia un brownie di hashish o vaporizza fiori di cannabis a foglia libera – ma qualunque cosa tu faccia, non vaporizzare liquidi o oli. Dovresti trattare ogni cartuccia come contaminata fino a quando l'industria non sarà regolamentata e la ricerca peer review può determinare i pericoli a breve e lungo termine associati alle sostanze non legate alla cannabis utilizzate per svapare l'estratto di THC.

Correlati: ecco cosa dice la ricerca reale sui pericoli del consumo di cannabis

Non ci sono studi a lungo termine sugli effetti del THC derivato dalla cannabis sulla salute umana e sulla psicologia. Nel senso scientifico più rigoroso, nessuno dovrebbe consumare cannabis perché non ci sono studi empirici sui suoi effetti. Tuttavia, se hai intenzione di utilizzare la cannabis in ogni caso, puoi mitigare i rischi.

Gli edibili sono un'ottima opzione se li stai preparando da solo, ma vale la pena ricordare che le stesse aziende non regolamentate che producono cartucce contaminate producono anche prodotti alimentari con infusione di THC. Mangeresti in un ristorante che non ha avuto il controllo di un ispettore sanitario locale?

Puoi anche bruciare cannabis – arrotolare una canna o fumare una pipa – ma ciò comporta molti degli stessi rischi associati al fumo di tabacco. I concentrati di dabbing (vaporizzazione flash di estratti di THC altamente concentrati) non sono una valida alternativa alle cartucce di svapo a meno che tu non abbia estratto tu stesso il concentrato. Nonostante ciò che il rivenditore potrebbe averti detto, i concentrati hanno anche aggiunto sostanze e producono quindi terpeni dannosi. Come diceva uno studio:

Gli utenti che praticano questa forma di vaporizzazione possono rischiare di esporsi alle sostanze irritanti polmonari metacroleina e benzene. Inoltre, coloro che usano frequentemente temperature di tamponatura più elevate o che hanno difficoltà a controllare la temperatura delle unghie presentano un rischio maggiore di esposizione a queste tossine.

E questo ci riporta indietro allo svapo. Le cartucce potrebbero essere fuori dal tavolo, ma ci sono un numero crescente di vaporizzatori sul mercato che usano fiori secchi, la stessa foglia sciolta che useresti in un giunto o in un bong.

Ecco come funzionano:

  • Imballi un "forno" all'interno del vaporizzatore con erbe tritate
  • Il vaporizzatore riscalda l'erba a una temperatura predeterminata (di solito tra 300F e 500F)
  • Inali il THC vaporizzato

Perché non c'è combustione (vedi: fuoco) in atto, non c'è fumo o cenere. Stai inalando il vapore come faresti con una cartuccia piena di liquido, ma senza olio, grassi o additivi acetati associati all'attuale epidemia.

Tutto ciò di cui hai bisogno per vaporizzare il fiore è un vaporizzatore e qualche erba, ma avrai bisogno di uno svapo che è specificamente progettato per l'uso con la foglia. Altrimenti finirai per incendiare la tua erba, danneggiare il tuo vaporizzatore o entrambi. Una ricerca su Google per "vapori di erbe secche" o "vaporizzatore a foglie sciolte" dovrebbe far apparire dozzine di risultati. Esse vendono ovunque tra $ 60 e $ 400 e la qualità varia tra i dispositivi. Ecco TNW di recensione di Pax 3.

L'abbiamo detto prima, ma fino a quando il divieto non sarà revocato e i ricercatori saranno in grado di utilizzare la cannabis reale negli studi a lungo termine con soggetti umani, sarà impossibile regolare correttamente l'industria per la sicurezza.

Migliaia di anni di consumo tradizionale di cannabis hanno provocato zero morti, ma in pochi mesi l'illegalità della bonanza delle erbacce del Wild West è costata la vita ad almeno sei persone e ha causato centinaia di malati.

Il divieto delle sigarette elettroniche aromatizzate non risolverà il problema, presidente Trump.