Come rispettare i dati dei tuoi clienti



<div _ngcontent-c15 = "" innerhtml = "

Getty

Prenditi un momento per considerare tutti i prodotti e servizi basati sui dati che sono diventati parte della nostra vita quotidiana. C'è un motivo per cui i genitori vengono bombardati dai consigli di Netflix Incredibili 2 e Cattivissimo me 3 – l'algoritmo dell'applicazione ha ripreso le loro abitudini di visualizzazione adatte alle famiglie. Innumerevoli siti Web, app e altri servizi digitali sono costantemente ottimizzati in base al feedback degli utenti e ad altre forme di dati.

Man mano che gli strumenti di raccolta e analisi dei dati diventano sempre più sofisticati e accessibili, saranno utilizzati più ampiamente che mai. Nel frattempo, tutte quelle applicazioni che amiamo continueranno a trasformare il modo in cui le aziende interagiscono e conoscono i loro clienti. I clienti ottengono un servizio migliore e le aziende ottengono le informazioni di cui hanno bisogno: cosa non piace?

Sfortunatamente, le cose non sono così semplici. Mentre i consumatori hanno accettato il fatto che molti dei loro prodotti e servizi preferiti sono anche strumenti per raccogliere un sacco di informazioni su di loro, stanno diventando più sospettosi su esattamente come questi dati vengono acquisiti e utilizzati. Dopo una serie di violazioni e scandali di dati di alto profilo, anche i governi stanno prendendo atto, motivo per cui il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell'UE è probabilmente un presagio di ulteriori regolamenti e leggi a venire.

Ma questo non è un motivo per farsi prendere dal panico. Invece di considerare questi sviluppi come ostacoli, le aziende guidate dai dati dovrebbero abbracciarli come ragioni per rendere le loro pratiche di dati il ​​più sicure e trasparenti possibile. & Nbsp;

Come co-fondatore e CEO di un'app per i genitori per catturare e condividere la vita dei loro figli attraverso il journaling fotografico, io e il mio team vogliamo che tutti abbiano il potere di decidere come vogliono condividere la vita dei loro figli. & Nbsp; Supportiamo tre milioni di utenti e decine di milioni di momenti dei loro figli, quindi apprezziamo l'importanza della sicurezza. Ecco i miei migliori consigli sul rispetto dei dati dei clienti.

Dimostra ai tuoi clienti che puoi fidarti dei loro dati.

Considerando l'enorme quantità di informazioni altamente sensibili archiviate online, non sorprende che i consumatori siano preoccupati per ciò che le aziende ci stanno facendo. Secondo a Sondaggio PricewaterhouseCooper 2017, solo il 25% dei consumatori "crede che la maggior parte delle aziende gestisca i propri dati personali sensibili in modo responsabile". Qui abbiamo chiaramente un grave problema di fiducia.

Tuttavia, non è un mistero il motivo per cui i problemi di fiducia e dei dati personali sono nella mente dei consumatori dopo una serie di enormi violazioni dei dati che hanno esposto pratiche di dati opache e sconsiderate presso le principali aziende. & Nbsp;Ad esempio, ci sono voluti Equifax & nbsp;sei settimane per informare i clienti che aveva subito una delle maggiori violazioni dei dati nella storia degli Stati Uniti. Incidenti come questo sono uno dei motivi per cui il GDPR richiede alle aziende di informare i clienti sulle violazioni dei dati entro 72 ore dalla loro scoperta.

Ma le aziende non dovrebbero essere costrette a essere indignate per essere aperte con i loro clienti sulle loro pratiche di dati (e violazioni quando si verificano) da leggi e regolamenti rigorosi. Loro dovrebbero volere sviluppare le proprie piattaforme dati nel modo più trasparente e responsabile possibile. Se sei onesto con i tuoi clienti riguardo ai tuoi errori e alle tue politiche, sarà più probabile che continuino a fornire le informazioni di cui hai bisogno. & Nbsp;

Assicurati che i dati dei clienti vengano utilizzati correttamente.

La trasparenza non è solo necessaria quando le cose vanno male: dovrebbe essere parte integrante del modo in cui interagisci con i clienti in ogni momento. Dovresti sempre spiegare esattamente perché hai bisogno delle informazioni dei tuoi clienti e come verranno utilizzate. Ma un utilizzo responsabile dei dati non è sufficiente per i clienti che danno alle aziende l'accesso alle loro informazioni, ma si aspettano anche di ottenere qualcosa in cambio. & Nbsp;

Secondo un sondaggio Deloitte, Il 79% dei consumatori era "disposto a condividere i propri dati se ci fosse un chiaro vantaggio per loro". Esistono innumerevoli modi in cui i dati possono essere utilizzati per aggiungere valore ai consumatori – dai chatbot basati sull'intelligenza artificiale e altri strumenti di coinvolgimento che "apprendono" come comunicare in modo più efficace a raccomandazioni e servizi personalizzati. Per esempio, Starbucks usa i dati raccolti dalla sua app mobile per informare i baristi sugli ordini preferiti dei clienti prima che arrivino allo sportello. Questo tocco personale fa sentire i clienti apprezzati e accelera il processo di ordinazione per tutti gli utenti in linea.

Quando i vantaggi pratici per i clienti sono al centro della tua piattaforma dati, è essenziale informarli di questi sforzi. Ciò non indirizzerà solo i clienti a prodotti e servizi di cui potrebbero non essere a conoscenza, ma li rassicurerà anche sul fatto che stai utilizzando i loro dati per le giuste ragioni e li incoraggerà a fornire ulteriori informazioni in futuro.

Fai molta attenzione quando condividi i dati dei tuoi clienti.

Ci sono buoni motivi per condividere i dati dei tuoi clienti con partner di fiducia che possono migliorare la qualità e l'ampiezza delle loro esperienze. Tuttavia, le parole "terze parti" e "dati" nella stessa frase spesso fanno scattare campanelli d'allarme nelle teste dei consumatori. Diffidano delle aziende che condividono i loro dati dopo recenti episodi altamente pubblicizzati di abuso di dati di terze parti, come lo scandalo Facebook / Cambridge Analytica dell'anno scorso.

La rivelazione che Cambridge Analytica aveva ottenuto l'accesso alle informazioni personali di oltre 50 milioni di utenti di Facebook è stato ancora un altro duro promemoria che le aziende non stavano facendo abbastanza per proteggere i dati dei clienti. Ma come la violazione di Equifax, lo scandalo Cambridge Analytica è stata una potente opportunità di apprendimento.

Se hai intenzione di condividere dati con una terza parte, è tua responsabilità informare i tuoi clienti, controllare attentamente la società che gestirà le loro informazioni e garantire che venga rispettato un insieme coerente di rigorosi standard di gestione dei dati. Ciò non dimostrerà solo il tuo impegno a proteggere i dati dei tuoi clienti, ma è anche richiesto dal GDPR. Anche se sei ossessivamente interessato alla sicurezza dei dati, a che cosa servirà se finisci per consentire a una terza parte negligente di accedere alle informazioni sensibili dei tuoi clienti? È come costruire la cassaforte più sicura del mondo e consegnare la chiave a qualche persona a caso per strada.

Mentre le pratiche relative ai dati delle aziende saranno esaminate più attentamente nei prossimi anni, questo è un aspetto che le aziende dovrebbero accogliere. Finché mantengono aperte le linee di comunicazione con i clienti, usano i loro dati per aggiungere valore e lavorano con partner affidabili, l'era del business basato sui dati continuerà a offrire opportunità senza precedenti.

">

Prenditi un momento per considerare tutti i prodotti e servizi basati sui dati che sono diventati parte della nostra vita quotidiana. C'è un motivo per cui i genitori vengono bombardati dai consigli di Netflix Incredibili 2 e Cattivissimo me 3 – l'algoritmo dell'applicazione ha ripreso le loro abitudini di visualizzazione adatte alle famiglie. Innumerevoli siti Web, app e altri servizi digitali sono costantemente ottimizzati in base al feedback degli utenti e ad altre forme di dati.

Man mano che gli strumenti di raccolta e analisi dei dati diventano sempre più sofisticati e accessibili, saranno utilizzati più ampiamente che mai. Nel frattempo, tutte quelle applicazioni che amiamo continueranno a trasformare il modo in cui le aziende interagiscono e conoscono i loro clienti. I clienti ottengono un servizio migliore e le aziende ottengono le informazioni di cui hanno bisogno: cosa non piace?

Sfortunatamente, le cose non sono così semplici. Mentre i consumatori hanno accettato il fatto che molti dei loro prodotti e servizi preferiti sono anche strumenti per raccogliere un sacco di informazioni su di loro, stanno diventando più sospettosi su esattamente come questi dati vengono acquisiti e utilizzati. Dopo una serie di violazioni e scandali di dati di alto profilo, anche i governi stanno prendendo atto, motivo per cui il Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell'UE è probabilmente un presagio di ulteriori regolamenti e leggi a venire.

Ma questo non è un motivo per farsi prendere dal panico. Invece di considerare questi sviluppi come ostacoli, le aziende guidate dai dati dovrebbero abbracciarli come ragioni per rendere le loro pratiche di dati il ​​più sicure e trasparenti possibile.

Come co-fondatore e CEO di un'app per i genitori per catturare e condividere la vita dei loro figli attraverso il journaling fotografico, io e il mio team vogliamo che tutti abbiano il potere di decidere come vogliono condividere la vita dei loro figli. Supportiamo tre milioni di utenti e decine di milioni di momenti dei loro figli, quindi apprezziamo l'importanza della sicurezza. Ecco i miei migliori consigli sul rispetto dei dati dei clienti.

Dimostra ai tuoi clienti che puoi fidarti dei loro dati.

Considerando l'enorme quantità di informazioni altamente sensibili archiviate online, non sorprende che i consumatori siano preoccupati per ciò che le aziende ci stanno facendo. Secondo a Sondaggio PricewaterhouseCooper 2017, solo il 25% dei consumatori "crede che la maggior parte delle aziende gestisca i propri dati personali sensibili in modo responsabile". Qui abbiamo chiaramente un grave problema di fiducia.

Tuttavia, non è un mistero il motivo per cui i problemi di fiducia e dei dati personali sono nella mente dei consumatori dopo una serie di enormi violazioni dei dati che hanno esposto pratiche di dati opache e sconsiderate nelle principali aziende. Ad esempio, ci voleva Equifax sei settimane per informare i clienti che aveva subito una delle maggiori violazioni dei dati nella storia degli Stati Uniti. Incidenti come questo sono uno dei motivi per cui il GDPR richiede alle aziende di informare i clienti sulle violazioni dei dati entro 72 ore dalla loro scoperta.

Ma le aziende non dovrebbero essere costrette a essere indignate per essere aperte con i loro clienti sulle loro pratiche di dati (e violazioni quando si verificano) da leggi e regolamenti rigorosi. Loro dovrebbero volere sviluppare le proprie piattaforme dati nel modo più trasparente e responsabile possibile. Se sei onesto con i tuoi clienti riguardo ai tuoi errori e alle tue politiche, sarà più probabile che continuino a fornire le informazioni di cui hai bisogno.

Assicurati che i dati dei clienti vengano utilizzati correttamente.

La trasparenza non è solo necessaria quando le cose vanno male: dovrebbe essere parte integrante del modo in cui interagisci con i clienti in ogni momento. Dovresti sempre spiegare esattamente perché hai bisogno delle informazioni dei tuoi clienti e come verranno utilizzate. Ma un utilizzo responsabile dei dati non è sufficiente per i clienti che danno alle aziende l'accesso alle loro informazioni, ma si aspettano anche di ottenere qualcosa in cambio.

Secondo un sondaggio Deloitte, il 79% dei consumatori era "disposto a condividere i propri dati se ci fosse un chiaro vantaggio per loro". Esistono innumerevoli modi in cui i dati possono essere utilizzati per aggiungere valore ai consumatori, dai chatbot basati sull'intelligenza artificiale e altri impegni strumenti che "apprendono" come comunicare in modo più efficace a raccomandazioni e servizi personalizzati. Ad esempio, Starbucks utilizza i dati raccolti dalla sua app mobile per informare i baristi sugli ordini preferiti dei clienti prima che arrivino allo sportello. Questo tocco personale fa sentire i clienti apprezzati e accelera il processo di ordinazione per tutti gli utenti in linea.

Quando i vantaggi pratici per i clienti sono al centro della tua piattaforma dati, è essenziale informarli di questi sforzi. Ciò non indirizzerà solo i clienti a prodotti e servizi di cui potrebbero non essere a conoscenza, ma li rassicurerà anche sul fatto che stai utilizzando i loro dati per le giuste ragioni e li incoraggerà a fornire ulteriori informazioni in futuro.

Fai molta attenzione quando condividi i dati dei tuoi clienti.

Ci sono buoni motivi per condividere i dati dei tuoi clienti con partner di fiducia che possono migliorare la qualità e l'ampiezza delle loro esperienze. Tuttavia, le parole "terze parti" e "dati" nella stessa frase spesso fanno scattare campanelli d'allarme nelle teste dei consumatori. Diffidano delle aziende che condividono i loro dati dopo recenti episodi altamente pubblicizzati di abuso di dati di terze parti, come lo scandalo Facebook / Cambridge Analytica dell'anno scorso.

La rivelazione che Cambridge Analytica aveva ottenuto l'accesso alle informazioni personali di oltre 50 milioni di utenti di Facebook è stato ancora un altro forte promemoria che le aziende non stavano facendo abbastanza per proteggere i dati dei clienti. Ma come la violazione di Equifax, lo scandalo Cambridge Analytica è stata una potente opportunità di apprendimento.

Se hai intenzione di condividere dati con una terza parte, è tua responsabilità informare i tuoi clienti, controllare attentamente la società che gestirà le loro informazioni e garantire che venga rispettato un insieme coerente di rigorosi standard di gestione dei dati. Ciò non dimostrerà solo il tuo impegno a proteggere i dati dei tuoi clienti, ma è anche richiesto dal GDPR. Anche se sei ossessivamente interessato alla sicurezza dei dati, a che cosa servirà se finisci per consentire a una terza parte negligente di accedere alle informazioni sensibili dei tuoi clienti? È come costruire la cassaforte più sicura del mondo e consegnare la chiave a qualche persona a caso per strada.

Mentre le pratiche relative ai dati delle aziende saranno esaminate più attentamente nei prossimi anni, questo è un aspetto che le aziende dovrebbero accogliere. Finché mantengono aperte le linee di comunicazione con i clienti, usano i loro dati per aggiungere valore e lavorano con partner affidabili, l'era del business basato sui dati continuerà a offrire opportunità senza precedenti.