Cinque modi per aumentare la creatività e l'innovazione in workshop e riunioni



<div _ngcontent-c14 = "" innerhtml = "

Jazz Ensemble: GettyGetty

I migliori facilitatori di incontri e workshop pensano a se stessi come direttori d'orchestra. Anche se sono di fronte alla stanza, sanno che tutta la musica proviene dai partecipanti e nessuno da loro come conduttori. Ci sono due approcci principali. Agisci come se stessi conducendo un pezzo di musica classica per le riunioni in cui disciplina e allineamento sono più importanti. Agisci come se stessi conducendo un ensemble jazz quando la creatività e l'innovazione contano di più.

In entrambi i casi, in tutti i casi, pensa attraverso il tuo preludio, la consegna e il follow-through. La differenza è come ti avvicini alla consegna.

Preludio

Una persona responsabile. Ci dovrebbe essere una persona responsabile della gestione della riunione. Questa persona è il project manager, focalizzata sul processo. Generalmente questa non è la persona più anziana della riunione in modo che la persona anziana possa concentrarsi su persone e contenuti. In alcuni casi, quella persona è anche il facilitatore, ma non sempre.

Singolo obiettivo generale. L'obiettivo generale probabilmente inizia con un verbo come imparare, contribuire o decidere. Sii chiaro sul motivo per cui stai avendo l'incontro (scopo) e cosa dovrebbe essere consegnato (risultati).

ordine del giorno (processo) Impostare l'ordine del giorno con chiare aspettative per l'apprendimento, i contributi e le decisioni per articolo con il tempo assegnato per abbinare ciò che è necessario. Nota: questi sono passi in avanti verso il raggiungimento dell'obiettivo generale dell'incontro. Alcuni si rifanno l'obiettivo e l'agenda come POP: Scopo, Risultati, Processo. Che funzioni. In entrambi i casi, parte del processo concorda dove la riunione dovrebbe ricadere sulla scala del reggimento: libera dal flusso.

I partecipanti includi quelli necessari e nessun altro – idealmente sette +/- due. Meno di cinque e sacrifichi la diversità di prospettiva. Più di nove e le persone devono combattere per il tempo di trasmissione. Un po 'di più sulla diversità della prospettiva. Se tutti sono d'accordo su tutto, non c'è bisogno di un incontro. Basta inviare una nota di conferma. Incontra solo quando c'è un'opportunità per rafforzare il miglior modo di pensare attuale aggiungendo nuove e diverse prospettive.

Preparazione. Distribuisci alle persone il pre-lavoro, l'analisi e la pre-lettura appropriati in anticipo affinché tutti possano apprendere e contribuire al loro massimo potenziale. Pre-lavoro e pre-lettura danno agli introversi la possibilità di rimediare in anticipo alle cose ed essere pronti a contribuire. Gli Extraverti non lo faranno, ma si impegneranno una volta che avranno discusso e giocato con le idee in tempo reale.

Consegna / Momento di impatto

Orchestrate incontrando la partecipazione e i tempi per ottimizzare l'apprendimento, i contributi e le decisioni orientate all'azione, fino al raggiungimento dell'obiettivo generale. Ciò significa che in genere è meglio affrontare prima i problemi più importanti invece di spuntare quelli facili. Dovrebbe essere chiaro a tutti coloro che stanno uscendo da qualsiasi riunione chi sta facendo cosa, quando, quali dovrebbero essere le loro azioni e come giocano un ruolo nel raggiungimento dell'obiettivo generale.

Gli incontri più irreggimentati ricadono più sul lato tell o sell del continuum Tell-sell-test-consult-co-create di Bryan Smith. Si tratta più di chiarire l'allineamento, di aggiornare i progressi sulle decisioni già prese e di far avanzare le cose conosciute. Per questi, il facilitatore può comportarsi più come se stessero conducendo musica classica, assicurandosi che i vari giocatori suonino le note assegnate nel modo giusto nell'ordine giusto senza molto spazio per l'improvvisazione.

Riunioni più libere ricadono più sul consulto o sulla co-creazione del continuum di Smith. Stanno per costruire idee o creare nuove idee o approcci. Per definizione, i risultati sono meno chiari e i percorsi per questi risultati devono essere più flessibili. I facilitatori di riunioni o workshop come questi devono comportarsi come se stessero conducendo gruppi jazz, dando a vari giocatori la possibilità di prendere i temi in direzioni diverse, mettendo le proprie svolte sulle cose.

Mentre i facilitatori dovrebbero tenere a freno o provocare e lasciare che le persone giochino come appropriato, devono tirare indietro i vari temi, note, riff e simili per raggiungere l'obiettivo.

Seguire attraverso

Scarica subito le note di riunione per commemorare le decisioni e le azioni, dando il via all'attuazione delle decisioni e delle azioni e alla preparazione per il prossimo incontro.

">

Jazz Ensemble: GettyGetty

I migliori facilitatori di incontri e workshop pensano a se stessi come direttori d'orchestra. Anche se sono di fronte alla stanza, sanno che tutta la musica proviene dai partecipanti e nessuno da loro come conduttori. Ci sono due approcci principali. Agisci come se stessi conducendo un pezzo di musica classica per le riunioni in cui disciplina e allineamento sono più importanti. Agisci come se stessi conducendo un ensemble jazz quando la creatività e l'innovazione contano di più.

In entrambi i casi, in tutti i casi, pensa attraverso il tuo preludio, la consegna e il follow-through. La differenza è come ti avvicini alla consegna.

Preludio

Una persona responsabile. Ci dovrebbe essere una persona responsabile della gestione della riunione. Questa persona è il project manager, focalizzata sul processo. Generalmente questa non è la persona più anziana della riunione in modo che la persona anziana possa concentrarsi su persone e contenuti. In alcuni casi, quella persona è anche il facilitatore, ma non sempre.

Singolo obiettivo generale. L'obiettivo generale probabilmente inizia con un verbo come imparare, contribuire o decidere. Sii chiaro sul motivo per cui stai avendo l'incontro (scopo) e cosa dovrebbe essere consegnato (risultati).

ordine del giorno (processo) Impostare l'ordine del giorno con chiare aspettative per l'apprendimento, i contributi e le decisioni per articolo con il tempo assegnato per abbinare ciò che è necessario. Nota: questi sono passi in avanti verso il raggiungimento dell'obiettivo generale dell'incontro. Alcuni si rifanno l'obiettivo e l'agenda come POP: Scopo, Risultati, Processo. Che funzioni. In entrambi i casi, parte del processo concorda dove la riunione dovrebbe ricadere sulla scala del reggimento: libera dal flusso.

I partecipanti includi quelli necessari e nessun altro – idealmente sette +/- due. Meno di cinque e sacrifichi la diversità di prospettiva. Più di nove e le persone devono combattere per il tempo di trasmissione. Un po 'di più sulla diversità della prospettiva. Se tutti sono d'accordo su tutto, non c'è bisogno di un incontro. Basta inviare una nota di conferma. Incontra solo quando c'è un'opportunità per rafforzare il miglior modo di pensare attuale aggiungendo nuove e diverse prospettive.

Preparazione. Distribuisci alle persone il pre-lavoro, l'analisi e la pre-lettura appropriati in anticipo affinché tutti possano apprendere e contribuire al loro massimo potenziale. Pre-lavoro e pre-lettura danno agli introversi la possibilità di rimediare in anticipo alle cose ed essere pronti a contribuire. Gli Extraverti non lo faranno, ma si impegneranno una volta che avranno discusso e giocato con le idee in tempo reale.

Consegna / Momento di impatto

Orchestrate incontrando la partecipazione e i tempi per ottimizzare l'apprendimento, i contributi e le decisioni orientate all'azione, fino al raggiungimento dell'obiettivo generale. Ciò significa che in genere è meglio affrontare prima i problemi più importanti invece di spuntare quelli facili. Dovrebbe essere chiaro a tutti coloro che stanno uscendo da qualsiasi riunione chi sta facendo cosa, quando, quali dovrebbero essere le loro azioni e come giocano un ruolo nel raggiungimento dell'obiettivo generale.

Gli incontri più irreggimentati ricadono più sul lato tell o sell del continuum Tell-sell-test-consult-co-create di Bryan Smith. Si tratta più di chiarire l'allineamento, di aggiornare i progressi sulle decisioni già prese e di far avanzare le cose conosciute. Per questi, il facilitatore può comportarsi più come se stessero conducendo musica classica, assicurandosi che i vari giocatori suonino le note assegnate nel modo giusto nell'ordine giusto senza molto spazio per l'improvvisazione.

Riunioni più libere ricadono più sul consulto o sulla co-creazione del continuum di Smith. Stanno per costruire idee o creare nuove idee o approcci. Per definizione, i risultati sono meno chiari e i percorsi per questi risultati devono essere più flessibili. I facilitatori di riunioni o workshop come questi devono comportarsi come se stessero conducendo gruppi jazz, dando a vari giocatori la possibilità di prendere i temi in direzioni diverse, mettendo le proprie svolte sulle cose.

Mentre i facilitatori dovrebbero tenere a freno o provocare e lasciare che le persone giochino come appropriato, devono tirare indietro i vari temi, note, riff e simili per raggiungere l'obiettivo.

Seguire attraverso

Scarica subito le note di riunione per commemorare le decisioni e le azioni, dando il via all'attuazione delle decisioni e delle azioni e alla preparazione per il prossimo incontro.