Bear Market Rally si fermerà o accelererà in base alle chiusure di questa settimana



<div _ngcontent-c14 = "" innerhtml = "

(AP Photo / Richard Drew)

Il mercato orso per le azioni è iniziato quando le cinque principali medie azionarie hanno iniziato a crollare all'inizio di ottobre. Alla fine di settembre, le letture stocastiche lenta settimanali 12x3x3 erano superiori a 90,00 su una scala da 00,00 a 100,00. Le letture sopra le 80.00 sono ipercomprate e considero le letture al di sopra delle 90.00 come "bolle paraboliche che si gonfiano" e le bolle sempre pop. A metà ottobre le classifiche settimanali diventarono negative.

Nel periodo natalizio le cinque principali medie azionarie sono state superate con letture stocastiche inferiori a 20,00 e ciascuna è diminuita del 20% o più rispetto ai massimi intraday di tutti i tempi. Il S & amp; P 500 ha fornito il segnale che un rimbalzo sarebbe accaduto quando ha tenuto il suo "ritorno alla media" (media mobile semplice di 200 settimane) a 2.348.81 il 26 dicembre.

Il segnale che un rally del mercato orso potrebbe essere sostenuto proveniva dal Dow Jones Transportation Average. Il mio invito al 2019 era che Dow Transports avrebbe mantenuto il mio nuovo valore semestrale di 8.858 e il minimo era 8.850.49 il 3 gennaio. Il 4 gennaio i trasporti hanno chiuso la settimana sopra la sua media inversione a 9.108.77, confermando il rally del mercato orso.

Iniziamo questa settimana con tutte e cinque le medie ancora in territorio di correzione, in calo tra l'11% e il 17,2% dai massimi del 2018. Dall'altro lato della medaglia, tutte e cinque le principali medie sono aumentate tra il 10,5% e il 14,2% sopra i minimi di Natale.

Perché il rally del mercato orso continui, tutte e cinque le medie devono chiudere questa settimana sopra le loro medie mobili modificate a cinque settimane mentre le letture stocastiche lenta 12x3x3 settimanali stanno salendo sopra la soglia di ipervenduto di 20,00. Queste medie sono spiegate di seguito.

The Scorecard per l'11 dicembre 2019

Scorecard per le principali medieConsulenti Marker globali

Il Dow Jones Industrial Average (23.995.95 l'11 gennaio) ha fissato il suo massimo giornaliero intraday di 26.951,81 il 3 ottobre e si trova in territorio di correzione, l'11% sotto questo massimo. Il grafico settimanale passerà al positivo data una chiusura il 18 gennaio sopra la media mobile modificata a 5 settimane a 24.022. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana al 26.07, passando dal 19.83 del 4 gennaio, passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. Il Dow è salito del 10,5% rispetto al minimo del 26 dicembre di 21,712,53. Il mio livello di valore settimanale è 22.419 con livelli di rischio a scadenza semestrale, mensile e annuale a 24.340, 25.578 e 25.819, rispettivamente.

Il Indice S & amp; P 500 (2596,26 l'11 gennaio) ha fissato il suo massimo giornaliero intraday di 2.940,91 il 21 settembre e si trova in territorio di correzione, l'11,7% al di sotto di questo livello. Il grafico settimanale passerà al positivo dato il 18 gennaio sopra la media mobile modificata a 5 settimane a 2.596,45. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana alle 25.45, passando dalle 18.49 del 4 gennaio, passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. Il S & amp; P è aumentato del 10,6% dal trading a partire da 2.346,58 su Deember. 26. Il mio livello di valore settimanale è pari a 2.426,5 con livelli di rischio a cadenza semestrale, mensile e annuale rispettivamente a 2,668,8, 2,805,5 e 2,867,1.

Il Nasdaq Composite (6.971.43 l'11 gennaio) ha fissato il suo massimo giornaliero intraday di 8.133.30 il 30 agosto e si trova in territorio di correzione, il 14.3% sotto il massimo. Il grafico settimanale si è concluso la scorsa settimana positivo e resterà così chiuso il 18 gennaio sopra la media mobile modificata a 5 settimane a 6.917.75. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana a 24.62, contro il 17.26 del 4 gennaio, passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. Il Nasdaq è cresciuto del 12,6% dal trading a 6,190.17 il 24 dicembre. Il mio livello di valore settimanale è di 6.474 con livelli di rischio annuali, semestrali e mensili a 7.274, 7.370 e 7.753 rispettivamente.

Dow Jones Mezzo di trasporto (9.625.25 l'11 gennaio) ha fissato il suo massimo giornaliero intraday di 11.623,58 il 14 settembre ed è in territorio di correzione, il 17,2% sotto il massimo. Il grafico settimanale passerà al positivo data una chiusura il 18 gennaio sopra la media mobile modificata di cinque settimane a 9.695,58. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana alle 20.27, passando dalle 16.47 del 4 gennaio, passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. I trasporti sono aumentati dell'11,4% dal trading a partire da 2.346,58 del 26 dicembre. Il mio livello di valore semestrale è di 8.858 con livelli di rischio mensili, trimestrali e annuali rispettivamente a 10.511, 10.882 e 10.976.

Il Russell 2000 (1.447.38 l'11 gennaio) ha stabilito il suo massimo giornaliero intraday di 1.742,09 voti il ​​31 agosto e si trova in territorio di correzione, il 16,9% sotto il massimo. Il grafico settimanale si è concluso la scorsa settimana positivo e resterà così chiuso il 18 gennaio sopra la media mobile modificata a 5 settimane a 1.431,35. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana a 20.76, contro il 12.79 del 4 gennaio passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. Il Russell 2000 è cresciuto del 14,2% dal trading a partire da 1,266,92 del 24 dicembre. Il mio livello di valore settimanale è di 1,313,89 con livello semestrale, annuale, mensile e trimestrale di rischio a 1.504,17, 1,590,63, 1,597,36 e 1,619,28, rispettivamente.

—-

">

Il mercato orso per le azioni è iniziato quando le cinque principali medie azionarie hanno iniziato a crollare all'inizio di ottobre. Alla fine di settembre, le letture stocastiche lenta settimanali 12x3x3 erano superiori a 90,00 su una scala da 00,00 a 100,00. Le letture sopra le 80.00 sono ipercomprate e considero le letture al di sopra delle 90.00 come "bolle paraboliche che si gonfiano" e le bolle sempre pop. A metà ottobre le classifiche settimanali diventarono negative.

Nel periodo natalizio le cinque principali medie azionarie sono state superate con letture stocastiche inferiori a 20,00 e ciascuna è diminuita del 20% o più rispetto ai massimi intraday di tutti i tempi. L'S & P 500 ha fornito il segnale che un rimbalzo sarebbe avvenuto quando ha mantenuto il suo "ritorno alla media" (media mobile a 200 settimane) a 2.348.81 il 26 dicembre.

Il segnale che un rally del mercato orso potrebbe essere sostenuto proveniva dal Dow Jones Transportation Average. Il mio invito al 2019 era che Dow Transports avrebbe mantenuto il mio nuovo valore semestrale di 8.858 e il minimo era 8.850.49 il 3 gennaio. Il 4 gennaio i trasporti hanno chiuso la settimana sopra la sua media inversione a 9.108.77, confermando il rally del mercato orso.

Iniziamo questa settimana con tutte e cinque le medie ancora in territorio di correzione, in calo tra l'11% e il 17,2% dai massimi del 2018. Dall'altro lato della medaglia, tutte e cinque le principali medie sono aumentate tra il 10,5% e il 14,2% sopra i minimi di Natale.

Perché il rally del mercato orso continui, tutte e cinque le medie devono chiudere questa settimana sopra le loro medie mobili modificate a cinque settimane mentre le letture stocastiche lenta 12x3x3 settimanali stanno salendo sopra la soglia di ipervenduto di 20,00. Queste medie sono spiegate di seguito.

The Scorecard per l'11 dicembre 2019

Scorecard per le principali medieConsulenti Marker globali

Il Dow Jones Industrial Average (23.995.95 l'11 gennaio) ha fissato il suo massimo giornaliero intraday di 26.951,81 il 3 ottobre e si trova in territorio di correzione, l'11% sotto questo massimo. Il grafico settimanale passerà al positivo data una chiusura il 18 gennaio sopra la media mobile modificata a 5 settimane a 24.022. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana al 26.07, passando dal 19.83 del 4 gennaio, passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. Il Dow è salito del 10,5% rispetto al minimo del 26 dicembre di 21,712,53. Il mio livello di valore settimanale è 22.419 con livelli di rischio a scadenza semestrale, mensile e annuale a 24.340, 25.578 e 25.819, rispettivamente.

Il Indice S & P 500 (2596,26 l'11 gennaio) ha fissato il suo massimo giornaliero intraday di 2.940,91 il 21 settembre e si trova in territorio di correzione, l'11,7% al di sotto di questo livello. Il grafico settimanale passerà al positivo dato il 18 gennaio sopra la media mobile modificata a 5 settimane a 2.596,45. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana alle 25.45, passando dalle 18.49 del 4 gennaio, passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. Lo S & P è aumentato del 10,6% dal trading a partire da 2.346,58 su Deember. 26. Il mio livello di valore settimanale è pari a 2.426,5 con livelli di rischio a cadenza semestrale, mensile e annuale rispettivamente a 2,668,8, 2,805,5 e 2,867,1.

Il Nasdaq Composite (6.971.43 l'11 gennaio) ha fissato il suo massimo giornaliero intraday di 8.133.30 il 30 agosto e si trova in territorio di correzione, il 14.3% sotto il massimo. Il grafico settimanale si è concluso la scorsa settimana positivo e resterà così chiuso il 18 gennaio sopra la media mobile modificata a 5 settimane a 6.917.75. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana a 24.62, contro il 17.26 del 4 gennaio, passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. Il Nasdaq è cresciuto del 12,6% dal trading a 6,190.17 il 24 dicembre. Il mio livello di valore settimanale è di 6.474 con livelli di rischio annuali, semestrali e mensili a 7.274, 7.370 e 7.753 rispettivamente.

Dow Jones Mezzo di trasporto (9.625.25 l'11 gennaio) ha fissato il suo massimo giornaliero intraday di 11.623,58 il 14 settembre ed è in territorio di correzione, il 17,2% sotto il massimo. Il grafico settimanale passerà al positivo data una chiusura il 18 gennaio sopra la media mobile modificata di cinque settimane a 9.695,58. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana alle 20.27, passando dalle 16.47 del 4 gennaio, passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. I trasporti sono aumentati dell'11,4% dal trading a partire da 2.346,58 del 26 dicembre. Il mio livello di valore semestrale è di 8.858 con livelli di rischio mensili, trimestrali e annuali rispettivamente a 10.511, 10.882 e 10.976.

Il Russell 2000 (1.447.38 l'11 gennaio) ha stabilito il suo massimo giornaliero intraday di 1.742,09 voti il ​​31 agosto e si trova in territorio di correzione, il 16,9% sotto il massimo. Il grafico settimanale si è concluso la scorsa settimana positivo e resterà così chiuso il 18 gennaio sopra la media mobile modificata a 5 settimane a 1.431,35. La lettura stocastica a chiusura settimanale 12x3x3 si è conclusa la scorsa settimana a 20.76, contro il 12.79 del 4 gennaio passando sopra la soglia di ipervenduto di 20.00. Il Russell 2000 è cresciuto del 14,2% dal trading a partire da 1,266,92 del 24 dicembre. Il mio livello di valore settimanale è di 1,313,89 con livello semestrale, annuale, mensile e trimestrale di rischio a 1.504,17, 1,590,63, 1,597,36 e 1,619,28, rispettivamente.

—-