Health Tip: Earache Home Care


(HealthDay News) – Un mal d'orecchi è un dolore acuto, opaco o bruciante in una o entrambe le orecchie. Il dolore può avere una varietà di cause, dalle infezioni dell'orecchio alle variazioni di pressione, dice MedlinePlus.

Per prendersi cura di un mal d'orecchi a casa, puoi:

MedicalNews
Copyright © 2019 HealthDay. Tutti i diritti riservati.

L'America dovrebbe smettere di sostenere la vita abbondante dei ricchi pakistani



<div _ngcontent-c14 = "" innerhtml = "

Fotografo: Asad Zaidi / Bloomberg

&copia; 2018 Bloomberg Finance LP

L'America dovrebbe smettere di fornire aiuti al Pakistan, che finisce per sostenere i ricchi e potenti del paese.

Dovrebbe far sì che la Cina e l'Arabia Saudita lo facciano.

Fornire aiuti finanziari ai paesi poveri di tutto il mondo ha molto senso per l'America, sia su basi umanitarie che geopolitiche. Il problema è che in alcuni casi gli aiuti esteri americani finiscono per sostenere lo stile di vita
il élite piuttosto che le vite dei poveri.

Il Pakistan è un esempio calzante.
Per decenni, Washington è stata molto generosa
quella nazione dell'Asia meridionale
, secondo Akbar Zaidi, un economista politico con base a Karachi e Columbia University Visiting Scholar. Ha aiutato il paese ad affrontare la crisi del debito cronico.

& Nbsp;
"Il sostegno di Washington si riflette spesso nella sua approvazione delle richieste del Pakistan di aiuti da parte di istituzioni finanziarie internazionali come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale", dice Zaidi. "Aiuta gli Stati Uniti a diventare alleati quando si tratta di cercare assistenza da fonti multilaterali".

MSCI Pakistan ETF

Koyfin

& Nbsp;

Indice di corruzione del Pakistan

Koyfin

Come nel dicembre del 2001, quando Washington aveva fatto da intermediario
un pacchetto di riduzione del debito di $ 12 miliardi del FMI per Islamabad, in cambio f
o
supporto per combattere la militanza islamica nella regione.
& Nbsp;
Quindi, w
Il Pakistan sta incontrando problemi di debito che richiedono aiuti stranieri per risolverli?
& Nbsp;
Perché l'élite del paese si rifiuta di pagare la sua giusta quota di tasse, secondo Zaidi.
& Nbsp;
"Questi problemi sono perenni – sarebbe scorretto definirli una" crisi "- in gran parte a causa dell'abilità dell'élite pakistana di evitare di tassarsi", dice Zaidi. "Invece, i governi successivi hanno preferito sfruttare la militanza islamica, ignorando i rischi di farlo), facendo affidamento su aiuti finanziari provenienti da paesi esterni con interessi geopolitici nella regione da parte di istituzioni finanziarie internazionali".
& Nbsp;
L'élite pakistana
, lui continua, "
spaventa gli stranieri nel provare fondi per stabilizzare il paese contro & nbsp; una falsa minaccia auto-creata di estremisti che si impossessa di uno stato nucleare ".
& Nbsp;
Nel frattempo, gli aiuti stranieri consentono all'élite del paese di vivere una vita sontuosa. "Questo è un classico problema di azzardo morale: il lusso di essere sempre
salvato
ha permesso all'élite pakistana di vivere con grande impunità. Oltre la responsabilità in bozzoli di sontuosa inaffidabilità. Sentono poco bisogno di intraprendere riforme strutturali dell'economia e delle istituzioni che si tradurranno in una forma più equa, più giusta e più equa di governo e rappresentanza ".
& Nbsp;
Invece, preferiscono
Londra, New York e Dubai più di
loro fanno
Karachi & nbsp;

quando si tratta di investire e festeggiare con i loro soldi, cioè.
& Nbsp;
Questo è secondo l'ex direttore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) per il Pakistan
,
& Nbsp; Marc-Andr & eacute; Franca. & Nbsp; & nbsp;
& Nbsp;
"Non puoi avere un'élite che si avvantaggi di manodopera poco costosa e non istruita quando si tratta di fare soldi, e quando è il momento di fare festa si trova a Londra
;
quando è il momento di comprare cose, a Dubai; e quando è il momento di acquistare proprietà, investe a Dubai, in Europa o a New York. L'élite deve decidere se vogliono un paese o no, "Franche & nbsp;
ha dichiarato
& nbsp; in & nbsp;
colloquio
& nbsp; con il & nbsp;
Attività commerciale
& Nbsp; Recorder.
& Nbsp;
Tutti buoni motivi per cui
L'America dovrebbe lasciare che la Cina e l'Arabia Saudita, i nuovi alleati del Pakistan, sostengano lo stile di vita di
loro
ricco e potente.

">

Fotografo: Asad Zaidi / Bloomberg

© 2018 Bloomberg Finance LP

L'America dovrebbe smettere di fornire aiuti al Pakistan, che finisce per sostenere i ricchi e potenti del paese.

Dovrebbe far sì che la Cina e l'Arabia Saudita lo facciano.

Fornire aiuti finanziari ai paesi poveri di tutto il mondo ha molto senso per l'America, sia su basi umanitarie che geopolitiche. Il problema è che in alcuni casi gli aiuti esteri americani finiscono per sostenere lo stile di vita
il élite piuttosto che le vite dei poveri.

Il Pakistan è un esempio calzante.
Per decenni, Washington è stata molto generosa
quella nazione dell'Asia meridionale
, secondo Akbar Zaidi, un economista politico con base a Karachi e Columbia University Visiting Scholar. Ha aiutato il paese ad affrontare la crisi del debito cronico.

"Il sostegno di Washington si riflette spesso nella sua approvazione delle richieste del Pakistan di aiuti da parte di istituzioni finanziarie internazionali come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale", dice Zaidi. "Aiuta gli Stati Uniti a diventare alleati quando si tratta di cercare assistenza da fonti multilaterali".

Indice di corruzione del Pakistan

Koyfin

Come nel dicembre del 2001, quando Washington aveva fatto da intermediario
un pacchetto di riduzione del debito di $ 12 miliardi del FMI per Islamabad, in cambio f
o
supporto per combattere la militanza islamica nella regione.

Quindi, w
Il Pakistan sta incontrando problemi di debito che richiedono aiuti stranieri per risolverli?

Perché l'élite del paese si rifiuta di pagare la sua giusta quota di tasse, secondo Zaidi.

"Questi problemi sono perenni – sarebbe scorretto definirli una" crisi "- in gran parte a causa dell'abilità dell'élite pakistana di evitare di tassarsi", dice Zaidi. "Invece, i governi successivi hanno preferito sfruttare la militanza islamica, ignorando i rischi di farlo), facendo affidamento su aiuti finanziari provenienti da paesi esterni con interessi geopolitici nella regione da parte di istituzioni finanziarie internazionali".

L'élite pakistana
, lui continua, "
spaventa gli stranieri nel provare fondi per stabilizzare il paese contro una falsa minaccia auto-creata di estremisti che assumono il controllo di uno stato nucleare ".

Nel frattempo, gli aiuti stranieri consentono all'élite del paese di vivere una vita sontuosa. "Questo è un classico problema di azzardo morale: il lusso di essere sempre
salvato
ha permesso all'élite pakistana di vivere con grande impunità. Oltre la responsabilità in bozzoli di sontuosa inaffidabilità. Sentono poco bisogno di intraprendere riforme strutturali dell'economia e delle istituzioni che si tradurranno in una forma più equa, più giusta e più equa di governo e rappresentanza ".

Invece, preferiscono
Londra, New York e Dubai più di
loro fanno
Karachi

quando si tratta di investire e festeggiare con i loro soldi, cioè.

Questo è secondo l'ex direttore del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) per il Pakistan
,
Marc-André Franche.

"Non puoi avere un'élite che si avvantaggi di manodopera poco costosa e non istruita quando si tratta di fare soldi, e quando è il momento di fare festa si trova a Londra
;
quando è il momento di comprare cose, a Dubai; e quando è il momento di acquistare proprietà, investe a Dubai, in Europa o a New York. L'élite deve decidere se vogliono un paese o no, "Franche
ha dichiarato
in un
colloquio
con il
Attività commerciale
Registratore.

Tutti buoni motivi per cui
L'America dovrebbe lasciare che la Cina e l'Arabia Saudita, i nuovi alleati del Pakistan, sostengano lo stile di vita di
loro
ricco e potente.