Amber Authenticate protegge i filmati video da Deepfakes e Manomissione


Il video è diventato uno strumento sempre più cruciale per le forze dell'ordine, che provenga da telecamere di sicurezza, telecamere del corpo indossate dalla polizia, smartphone dello spettatore o un'altra fonte. Ma una combinazione di tecnologia di manipolazione video "deepfake" e problemi di sicurezza che affliggono così tanti dispositivi collegati ha reso difficile confermare l'integrità di quel filmato. Un nuovo progetto suggerisce che la risposta risiede nell'autenticazione crittografica.

Chiamato Amber Autentico, lo strumento è pensato per essere eseguito in background su un dispositivo mentre cattura i video. A intervalli periodici definiti dall'utente, la piattaforma genera "hash", rappresentazioni crittografate dei dati, che vengono quindi registrate in modo indelebile su una blockchain pubblica. Se si esegue nuovamente lo stesso frammento di sequenza video attraverso l'algoritmo, gli hash saranno diversi se qualcosa è stato modificato nei dati audio o video del file, in modo che si possa passare a una possibile manipolazione.

Gli utenti devono impostare l'intervallo per bilanciare i vincoli di sistema sui dispositivi con quello che potrebbe essere la ripresa di una telecamera. La creazione di hash ogni 30 secondi su una telecamera del corpo di polizia potrebbe consentire a manipolazioni rapide e sottili, ma comunque potenzialmente di impatto, di scivolare. Impostare l'intervallo per ogni secondo sulla telecamera di sorveglianza di una piccola impresa potrebbe essere eccessivo.

"C'è un rischio sistemico con le telecamere del corpo di polizia di molti produttori e modelli", afferma il CEO di Amber Shamir Allibhai. "Ciò di cui siamo preoccupati è che, quando accetti questo con falsi profondi, non puoi solo aggiungere o eliminare prove ma cosa succede quando puoi manipolarlo? Una volta che è entrato in evidenza è davvero difficile dire cos'è un falso. è sempre un passo indietro: con questo approccio è binario: o l'hash corrisponde o no, ed è tutto pubblicamente verificabile. "

"Possiamo dimostrare che ci sono modi per garantire che tutte le parti abbiano fiducia nel video e in che modo è stato catturato".

Josh Mitchell, Amber Security Consultant

Uno strumento come Amber ha un evidente appeal per gli attivisti per i diritti umani, i difensori della libertà di parola e gli osservatori delle forze dell'ordine diffidenti nei confronti di potenziali insabbiamenti, ma i governi hanno anche interesse per gli strumenti di integrità dei video. Allibhai presenterà Amber Authenticate ai rappresentanti del Dipartimento della Difesa e del Dipartimento della Sicurezza Nazionale in una vetrina dell'Agenzia per la ricerca avanzata sui progetti di difesa. E DHS ha già mostrato interesse per soluzioni simili come quella della società di validazione dei dati basata su blockchain Factom, che sta anche lavorando a uno strumento di autenticazione video.

Amber Authenticate è costruito sulla piattaforma block-block open source Ethereum e include una piattaforma web che rende facile capire visivamente quali parti di un video hanno hash che corrispondono agli originali memorizzati sulla blockchain e che, se del caso, don ' t. Una cornice verde intorno al filmato durante la riproduzione indica una corrispondenza, mentre una cornice rossa prende il suo posto per qualsiasi porzione con un hash non corrispondente. Sotto il video player, Amber mostra anche una "traccia di controllo" dettagliata che elenca quando un file è stato originariamente creato, caricato, sottoposto a hash e inviato alla blockchain.

L'idea è per i produttori di prodotti come CCTV e body cam di concedere la licenza di Amber Authenticate ed eseguirlo sui propri dispositivi. Il consulente di ricerca ambra Josh Mitchell, che ha rilevato vulnerabilità del software in cinque modelli di fotocamere convenzionali lo scorso agosto, è stato in grado di dimostrare che Authenticate è compatibile con almeno alcuni di quei marchi.

"Ho preso la tecnologia e l'ho messa su una fotocamera del corpo, perché non esiste un meccanismo di autenticazione in nessuna delle telecamere", dice Mitchell. "Il fatto che non ci sia nulla che protegga le prove da una parte malintenzionata è preoccupante e i produttori non sembrano molto motivati ​​a fare qualsiasi cosa, quindi se abbiamo un prototipo dimostrabile dimostrabile possiamo dimostrare che ci sono modi per garantire che tutte le parti abbiano fiducia nel video e come è stato catturato. "

Amber's Allibhai, che si autofinanzia il progetto, afferma che Authenticate prevede di essere totalmente trasparente e aperto al controllo da parte di esperti esterni.

Che si tratti del suo Amber Authenticate o di un'altra soluzione, uno strumento di integrità e autenticazione per i video, in particolare le telecamere del corpo della polizia, non arriverà abbastanza presto, secondo Jay Stanley, un analista politico senior dell'American Civil Liberties Union. "I tecnologi dovranno convalidare la sicurezza di Amber come con qualsiasi tecnica di autenticazione", afferma. "Ma spero che Amber o un prodotto simile diventino standard, come le videocamere stesse, l'autenticazione video può aiutare a creare confidenza nelle prove di ciò che è accaduto, e può dare a tutti la certezza che le cose stanno crescendo in quello che può essere molto incidenti strazianti e difficili ".


Altre grandi storie WIRED