Amazon ha guardato al passato per costruire il futuro: TechCrunch


Negli ultimi 20 anni, i gadget per la casa intelligente si sono evoluti dalla fantasia alla merce. Accedi a Best Buy e ci sono decine di prodotti che richiedono solo pochi minuti per la configurazione. È meraviglioso. Ancora meglio, è facile. Ci sono luci e serrature e schermi di grandi e piccole aziende simili. E qui sta il problema. Non esiste una soluzione unificata per tutto e l'offerta integrata verticalmente di Amazon potrebbe essere la soluzione per il gigante del consumatore e del retail.

Certo, i gadget per la casa più intelligenti funzionano, ma niente funziona bene insieme. La casa intelligente deve essere facile come lanciare un interruttore per controllare una lampadina. L'acquisto da parte di Amazon dell'avvio WiFi mesh, Eero, parla del problema. Assemblare una casa intelligente contenente più di un paio di gadget intelligenti è difficile. Ci sono innumerevoli punti in cui qualcosa può andare storto, esponendo una casa intelligente come nient'altro che un castello di carte.

Ciò che è meglio per il consumatore medio è anche il migliore per Amazon. Affinché la casa intelligente sia il più semplice e funzionale possibile, una società dovrebbe controllare l'esperienza da ogni punto di accesso. Questo è l'approccio Apple agli smartphone e Apple ha da tempo offerto l'esperienza smartphone più semplice e sicura.

In teoria, Amazon probabilmente cercherà di raggruppare i router Eero con l'acquisto di Amazon Echos o di creare reti mesh in prodotti Echo. Ad ogni modo, Amazon sta assicurando che i suoi prodotti Fire TV ed Echo possano accedere in modo affidabile ai servizi di contenuti di Amazon, che è dove Amazon guadagna i suoi soldi nella casa intelligente.

Come spiega Devin in questo meraviglioso articolo, il mesh networking è la soluzione al problema creato dalla spinta di Amazon in ogni stanza. Il Wi-Fi è fondamentale per una casa davvero intelligente, ma c'è di più. La casa intelligente è complicata e risale a oltre 20 anni.

Prima che la rete wireless fosse onnipresente, gli hobbisti e i costruttori di case di lusso si rivolgevano ad altre soluzioni per aggiungere funzionalità elettroniche alle case. Alcuni gadget usano ancora versioni moderne di questi protocolli. Servizi come Z-Wave e ZigBee hanno consentito ai sistemi di sicurezza domestica di accedere ai punti di ingresso del monitor wireless e controllare l'alimentazione di dispositivi altrimenti scollegati come le macchine da caffè e le lampade.

In seguito i protocolli wireless in competizione hanno gareggiato con Z-Wave e ZigBee. Insteon è uscito nei primi anni 2000 e ha offerto networking ridondante attraverso segnali RF e reti elettriche. Nel 2014 Nest, con l'aiuto di Samsung, Qualcomm, ARM e altri, ha introdotto il thread networking che offre una moderna ridondanza di rete e una maggiore sicurezza. E c'è di più! Ci sono gadget alimentati dai segnali Bluetooth 5, Wi-Fi HaLow e line of sight IR.

Questo insieme di protocolli concorrenti rende difficile mettere insieme una casa intelligente controllata da un dispositivo unificato. Finora, in questa fase nascente di gadget per la casa intelligente, Amazon e Google hanno costruito un caso convincente per utilizzare i loro prodotti per controllare questo gruppo di dispositivi.

Apple ha provato, e in un certo senso, ha avuto successo. La sua struttura HomeKit mette i dispositivi iOS come il punto di controllo centrale per la casa. Vuoi accendere le luci? Fai clic su un pulsante in iOS o più di recente, dillo a un HomePod. Funziona come pubblicizzato, ma Apple richiede che i dispositivi compatibili siano certificati, e quindi il mercato dei dispositivi compatibili è più piccolo di quello che funziona con Amazon Echo.

Nel frattempo, Goole e Amazon entrarono nella casa intelligente con le braccia larghe, apparentemente disposte a lavorare con qualsiasi gadget.

Ha funzionato. Negli ultimi due anni, i produttori di gadget hanno adottato misure enormi per garantire che i propri prodotti siano compatibili con Google Assistant e Amazon Alexa. Il mese scorso, al CES, questa è diventata una battuta finale quando è stato annunciato un bagno compatibile con Alexa.

I comodi intelligenti sono dannati. Tutti questi gadget connessi richiedono il proprio processo di installazione. Tutte le luci, i termostati e i servizi igienici collegati richiedono che l'utente iniziale si senta a suo agio nella navigazione di diverse app per smartphone, conoscendo la loro configurazione di rete e cosa fare a Google quando qualcosa va storto, perché le cose vanno male.

L'app Alexa di Amazon non aiuta. La singola app è caricata con diverse funzioni di puntamento, incluse le chiamate vocali, l'impostazione delle abilità, le operazioni remote e l'accesso ad Alexa: è travolgente e ingombrante una volta che diversi Echo sono configurati con lo stesso account.

Qualcosa deve cambiare.

Se la casa intelligente è di raggiungere nuovi dati demografici, gli ostacoli devono essere abbandonati e il controllo centralizzato deve diventare fondamentale. Un laico dovrebbe essere in grado di acquistare un paio di hub di controllo vocale, luci collegate e un termostato e configurarli tramite un'unica app, anche se i dispositivi potrebbero utilizzare diversi metodi di rete.

Amazon ha già fatto un grande passo avanti verso il lavoro con diversi protocolli wireless per la casa intelligente. Nel 2017 l'azienda ha presentato Echo Plus. Questa versione dell'altoparlante Echo includeva il supporto per Zigbee (le luci Philips Hue utilizzano Zigbee). Successivamente, nel 2018, la società ha aggiornato Echo Plus e incluso un sensore di temperatura e una rete domestica intelligente offline, così quando Internet si interrompe, l'utente può ancora controllare i propri prodotti connessi.

Amazon ha un portafoglio in crescita di società di case intelligenti. Insieme ai suoi prodotti Echo, Amazon possiede Ring, una compagnia di campane video, Blink, un sistema di videocamere wireless, e ha recentemente acquistato, Mr. Beams, un'azienda di illuminazione per esterni. Ora, con Eero, può offrire agli acquirenti una soluzione WiFi di Amazon. L'unica cosa che manca è un'esperienza unificata tra questi dispositivi.

Affinché un'azienda possa vincere nella casa intelligente, i consumatori devono avere piena fiducia in questa azienda e Amazon ha finora avuto solo numerosi, relativamente, piccoli incidenti riguardanti la privacy dei suoi utenti. Un paio di relazioni sono emerse riportando Amazon consegnando i dati vocali alle autorità. Altre segnalazioni hanno messo in discussione il sistema di sorveglianza del vicinato della società di videosorveglianza di Amazon, che potrebbe portare a profilazione e discriminazione.

Amazon può gestire report denigratori. Amazon non può resistere a prodotti disfunzionali impossibilitati a raggiungere i servizi generatori di entrate di Amazon.

Amazon non è il solo nella sua ricerca di una casa intelligente. Google, Samsung e Apple prendono sul serio questo mercato in crescita e non permetteranno a Amazon di mangiare l'intera torta. I giganti elettronici dei consumatori continueranno probabilmente a raccogliere società di gadget per la casa intelligente che hanno rapporti con i consumatori. Cerca aziende come Arlo, ecobee, Belkin, Wyze Labs, sevenhugs e Brilliant da acquisire. Queste aziende offrono alcuni dei migliori prodotti nei loro rispettivi campi e si complimentano con le aziende attualmente di proprietà dei grandi giocatori che cercano di offrire ai consumatori un'esperienza più completa.