Alla gente non piace lavorare su Facebook come una volta



Lo stato di Facebook come uno dei datori di lavoro più desiderabili sta calando. Questo è secondo le ultime classifiche di Glassdoor delle migliori aziende per cui lavorare, sulla base di recensioni anonime dei dipendenti.

Glassdoor ha pubblicato la sua lista annuale "I migliori luoghi di lavoro" per il 2020, che raccoglie le valutazioni e le recensioni anonime dei dipendenti su Glassdoor, anche se le classifiche effettive sono determinate dall'algoritmo dei premi proprietari dell'azienda.

Quest'anno, la posizione di Facebook nell'elenco delle prime 100 organizzazioni è scesa al n. 23, in calo dal n. 7 nel 2019 e n. 1 nel 2018. Questo è un nuovo minimo per l'azienda, che si è costantemente posizionata vicino alla cima di Glassdoor elenco. Il primo anno in cui il social network ha fatto il taglio, nel 2011, ha raggiunto il primo posto. Da allora, Facebook si è classificato tra i primi dieci ogni anno, ad eccezione del 2015, quando ha raggiunto il 13 ° posto.

Un portavoce di Glassdoor ha notato che la valutazione complessiva di 4.4 di Facebook è ancora ben al di sopra della media del sito (3.5) e che fare la lista dei 100 migliori di Glassdoor è "un incredibile onore" per i datori di lavoro.

Tuttavia, il calo è l'ennesimo segnale che gli ultimi due anni di controversie hanno influenzato negativamente il morale dell'azienda. Questo nonostante i "leggendari" benefici per i dipendenti di Facebook.

"Facebook è leggendario per i suoi vantaggi", ha scritto Glassdoor nel 2017, l'ultima volta che Facebook si è classificato in cima alla lista. "Pasti e snack gratuiti, centri sanitari e dentistici in loco, servizi di lavanderia e quattro mesi di congedo parentale retribuito sono alcuni dei vantaggi più importanti."

Ma anni di scandali sulla privacy dei dati, indagini e altri passi falsi hanno preso il loro pedaggio. All'inizio di quest'anno la CNBC ha riferito che i reclutatori hanno lottato per attirare candidati da università di alto livello dallo scandalo Cambridge Analytica. Anche il rating di approvazione dei dipendenti di Mark Zuckerberg è precipitato nell'ultimo anno, passando da n. 16 nel 2018 a n. 55 nel 2019, secondo Glassdoor.

In particolare, Facebook non è l'unica grande azienda tecnologica a vedere la sua posizione peggiorare. Anche Google e Apple si sono posizionati in basso rispetto allo scorso anno. Google è sceso dal n. 8 al n. 11 e Apple è affondata dal n. 71 al n. 84.

È interessante notare che ci sono solo un paio di aziende tecnologiche che fatto arrivare in cima all'elenco di Glassdoor, inclusi HubSpot (n. 1) e DocuSign (n. 3). Altre società tra le prime dieci includono la società di consulenza Bain & Company (n. 2), la catena di fast food In-N-Out Burger (n. 4) e Southwest Airlines (n. 10).

Facebook ha del lavoro da fare.